23 Dicembre 2020

Sarcopenia, in arrivo nuove linee guida

In questo post..

Riconoscere presto la carenza di tessuto muscolare per affrontarla al meglio. Modalità di diagnosi precoce e cura al centro dell’attenzione degli esperti della British Geriatrics Society.

Al congresso della British Geriatrics Society sono state proposte le nuovi linee guida per la diagnosi precoce e il trattamento della sarcopenia, frutto di un lavoro di numerosi esperti riuniti sotto l’egida dell’European Working Group on Sarcopenia in Older People (EWGSOP). Si tratta di una revisione delle precedenti linee guida, datate 2010.

Perchè tanta attenzione?

Ormai, segnalano gli esperti, si sa che la sarcopenia si traduce in un aumento del rischio di cadute e fratture, nella riduzione delle capacità nella vita di ogni giorno, di una ridotta qualità di vita. Tutte queste condizioni conducono alla perdita d’indipendenza e ad un aumento delle percentuali di mortalità in chi ne soffre.

Sul fronte economico questa condizione è particolarmente pesante negli anziani che entrano in ospedale, tanto che la probabilità di avere un incremento dei costi sanitari in caso di ricovero sale di cinque volte. Per questo appare necessario per gli studiosi puntualizzare, anche alla luce delle conoscenze, migliorare la capacità di individuazione dei soggetti a rischio e rendere più agevole la diagnosi, in particolare ricordando che una ridotta capacità di attività fisica deve sempre essere considerata un segnale d’allarme per lo sviluppo o la presenza del quadro in forma severa.

Le nuove linee guida ovviamente considerano fondamentale la ricerca in questo settore, con un aumento dell’interdisciplinarietà nell’approccio in modo da coinvolgere, oltre ai geriatri, anche specialisti che facilmente possono incontrare nella loro attività pazienti che presentano questa condizione, come cardiologi, pneumologi e oncologi.

Altrettanto importante appare riuscire a far passare il concetto di sarcopenia nell’attività clinica di ogni giorno, visto che l’attività fisica e un’alimentazione mirata possono aiutare chi ne soffre a limitare i rischi legati alla “debolezza” del muscolo. La sarcopenia, infatti, può innescare un circolo vizioso. Meno ci si muove, più si perde muscolo e più si perde muscolo, meno ci si muove.

Bisogna ricordare che dai 40 anni in poi si riscontra una diminuzione progressiva del muscolo, tanto che fino ai 70 anni si perde circa l’otto per cento della massa muscolare ogni dieci anni. Dopo i 70 anni, invece, il processo subisce un’accelerazione e si arriva al 15 per cento di perdita ogni dieci anni. Favoriscono la comparsa del quadro le malattie endocrine, come quelle tiroidee, che incidono negativamente sul metabolismo dell’osso, quelle cardiovascolari, come lo scompenso cardiaco, quelle respiratorie, come la bronchite cronica, quelle osteoarticolari, come l’artrosi e l’osteoporosi, e naturalmente le malattie neurologiche come il Parkinson o l’Alzheimer.

La diminuzione della massa muscolare e della forza è un processo correlato al fisiologico invecchiamento delle cellule muscolari. Tuttavia, ci sono situazioni particolari che a ogni età possono accelerare questo processo; il fattore più importante è l’inattività fisica. Anche un’alimentazione povera di proteine e sbilanciata, con un apporto eccessivo di carboidrati e grassi, può rappresentare un fattore importante nell’accelerare la perdita di muscolo.

Potrebbero interessarti anche...

22 Dicembre 2020
Covid-19, la sarcopenia può avere un peso nella prognosi
Le statistiche sono chiare. Chi è obeso e magari presenta anche alterazioni del metabolismo, come ad esempio il diabete, appare a maggior rischio di sviluppare forme severe di Covid-19. In questo ...
9 Ottobre 2020
“Preservare muscoli ed efficienza fisica per una longevità di successo”: il nuovo ITEM
In una società in cui aumenta la speranza di vita e in cui si assiste ad un invecchiamento demografico crescente, diventa sempre più importante invecchiare in salute. Con questa consapevolezza, ...
7 Ottobre 2020
Come conservare la salute del muscolo
La collana ITEM è uno dei fiori all’occhiello della produzione scientifica della Fondazione Istituto Danone e da diversi anni propone contributi di altissimo livello su tematiche specifiche ...
25 Settembre 2020
Il consumo di alimenti lattiero-caseari che fa bene, anche al cuore.
Latte e derivati sempre in tavola possono ridurre il rischio di mortalità e di eventi cardiovascolari maggiori. È il risultato principale dello studio PURE (Prospective Urban Rural Epidemiology), ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.