Proteine e massa muscolare negli anziani: conta anche il “quando”

In questo post..

Uno studio canadese suggerisce che per mantenere al meglio la massa muscolare e la forza con il passare degli anni è importante anche distribuire equamente le proteine della giornata nei tre pasti principali.

Non basta aumentare leggermente il consumo di proteine quotidiane: per cercare di preservare muscoli forti ed evitare di perdere massa muscolare è importante anche fare attenzione al momento in cui si mettono nel piatto questi macronutrienti. “Con il passare degli anni un calo della forza e della massa muscolare è fisiologico e per questo si raccomanda agli anziani di incrementare il consumo di proteine giornaliere, necessarie per fornire all’organismo i ‘mattoni’ per costruire i muscoli” spiega Stephanie Chevalier, della McGill University (Canada) sulla rivista The American Journal of Clinical Nutrition, dove assieme ai colleghi ha valutato l’importanza della distribuzione del consumo delle proteine nell’arco della giornata sulla forza e la massa muscolare.

Nello studio sono stati analizzati i dati di 827 uomini e 914 donne coinvolti in un grande studio su nutrizione e invecchiamento, per i quali erano disponibili dati sul tipo di pasti e performance fisica nel corso di tre anni. “L’analisi ha dimostrato che chi distribuiva le proteine totali della giornata in modo più uniforme tra i tre pasti aveva una maggiore forza muscolare di chi invece ne assumeva più a cena e meno a colazione” dicono gli autori, specificando che la mobilità non è stata invece influenzata dalla distribuzione delle proteine nei pasti. Nuovi studi potranno chiarire meglio i risultati a lungo termine e l’importanza del tipo di proteine consumate.

Fonte:
Am J Clin Nutr. 2017 Jul;106(1):113-124. doi: 10.3945/ajcn.116.146555.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28515070

Potrebbero interessarti anche...

L’alimentazione a base vegetale per la salute dell’uomo e dell’ambiente, purché sia sana
Perché non tutte le diete “plant based” presentano le stesse caratteristiche positive in questa chiave: ci sono modelli che sicuramente impattano positivamente sull’ambiente ma altri che ...
Così lo stress influisce sulla richiesta di cibo
L’insostenibile peso dello stress Gli esperti americani, coordinati da Susan Carnell, hanno condotto una serie di analisi estremamente specifiche su una serie di soggetti (16 donne e 13 uomini), ...
Il disgusto per un cibo? Forse serve a proteggerci
E non solo quando si è bambini, con le scelte più facilmente condizionate anche a meccanismi selettivi, o magari in gravidanza, con le classiche “voglie”. Come si sviluppano questi ...
Mamme, mangiate sano in gravidanza, per abituare il bebè
A dimostrarlo è una ricerca apparsa su Psychological Science condotta dagli studiosi del l laboratorio di ricerca fetale e neonatale dell’Università di Durham, nel Regno Unito, attraverso ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.