Obesità, l’impatto dello squilibrio ponderale sulla salute del mondo

In questo post..

Oltre un miliardo di persone. Tanti sono i soggetti che, nel mondo, fanno i conti con l’obesità. Con una crescita dei casi che preoccupa, in termini di salute pubblica. I tassi di obesità tra i bambini e gli adolescenti in tutto il mondo sono aumentati di quattro volte dal 1990 al 2022, mentre i tassi di obesità tra gli adulti sono più che raddoppiati.

A segnalare questa situazione è un’interessante fotografia scattata dagli esperti dell’Imperial College di Londra coordinati da Majid Ezzati, pubblicata su The Lancet, che mette in luce come anche in termini di baso introito calorico e quindi sottopeso ci sia da prestare attenzione al divampare della malnutrizione. Soprattutto, la ricerca evidenzia la necessità di interventi e scelte che riducano i rischi di malnutrizione, per eccesso o per difetto.

Come si è svolto lo studio

Lo studio è stato condotto dalla NCD Risk Factor Collaboration (NCD-RisC), in collaborazione con l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). I ricercatori hanno analizzato le misurazioni di peso e altezza di oltre 220 milioni di persone di età pari o superiore a cinque anni (63 milioni di persone di età compresa tra 5 e 19 anni e 158 milioni di età pari o superiore a 20 anni), in rappresentanza di più di 190 paesi. Più di 1.500 ricercatori hanno contribuito allo studio, che ha esaminato l’indice di massa corporea, il classico BMI, per valutare le variazioni della malnutrizione in eccesso o in difetto.

L’analisi dei dati su scala mondiale dice che nel 2022, risultavano obesi 159 milioni di bambini e adolescenti e 879 milioni di adulti. Tra il 1990 e il 2022, la percentuale di bambini e adolescenti nel mondo affetti da sottopeso è diminuita di circa un quinto tra le ragazze e di oltre un terzo tra i ragazzi. La percentuale di adulti nel mondo affetti da sottopeso si è più che dimezzata nello stesso periodo.

Gli adulti sono stati classificati come affetti da obesità se avevano un BMI maggiore o uguale a 30 kg/m2 e classificati come sottopeso se il loro BMI era inferiore a 18,5 kg/m2. Tra i bambini in età scolare (dai cinque ai nove anni) e gli adolescenti (dai 10 ai 19 anni), il BMI utilizzato per definire l’obesità e il sottopeso dipendeva dall’età e dal sesso perché vi è un aumento significativo di altezza e peso durante l’infanzia e l’adolescenza.

Cosa dicono le cifre

Dal 1990 al 2022, i tassi di obesità globale sono più che quadruplicati nelle ragazze (dall’1,7% al 6,9%) e nei ragazzi (dal 2,1% al 9,3%), con aumenti generalizzati su scala globale. La percentuale di ragazze sottopeso è scesa dal 10,3% nel 1990 all’8,2% nel 2022, mentre per i ragazzi è scesa dal 16,7% al 10,8%. Tra le ragazze è stata rilevata una diminuzione del tasso di sottopeso in 44 paesi, mentre tra i ragazzi è stata rilevata una diminuzione in 80 paesi.

Il numero totale di bambini e adolescenti affetti da obesità nel 2022 è stato di quasi 160 milioni (65 milioni di ragazze e 94 milioni di ragazzi), raggiungendo i 31 milioni nel 1990. Mentre 77 milioni di ragazze e 108 milioni di ragazzi erano sottopeso nel 2022, in calo rispetto a 81 milioni per le ragazze e 138 milioni per i ragazzi nel 1990.

Negli adulti, i tassi di obesità sono più che raddoppiati tra le donne (dall’8,8% al 18,5%) e quasi triplicati negli uomini (dal 4,8% al 14,0%) tra il 1990 e il 2022. La percentuale di adulti sottopeso si è dimezzata tra il 1990 e il 2022 (dal 14,5% al ​​7,0% nelle donne; dal 13,7% al 6,2% negli uomini).

In totale, si stima che quasi 880 milioni di adulti nel 2022 si siano trovati a fare i conti con l’obesità (504 milioni di donne e 374 milioni di uomini), quattro volte e mezzo i 195 milioni registrati nel 1990 (128 milioni di donne e 67 milioni di uomini).  In tutte le fasce d’età, il peso combinato di entrambe le forme di malnutrizione è aumentato nella maggior parte dei paesi tra il 1990 e il 2022, spinto dall’aumento dei tassi di obesità. Tuttavia, il doppio carico della malnutrizione è diminuito in molti paesi dell’Asia meridionale e sud-orientale e in alcuni paesi dell’Africa per gli uomini, dove il tasso di sottopeso è diminuito drasticamente.

Potrebbero interessarti anche...

Cresce il rischio di carenza di ferro nei bimbi sovra e sottopeso
A segnalare questa situazione sulla rivista BMJ Global Health sono gli studiosi della School of Food Science and Nutrition presso l’Università di Leeds, in una metanalisi molto ampia ed ...
Mangiamo più fibre, così “proteggiamo” il microbiota
Addirittura, in qualche modo, mangiare alimenti ricchi di fibre ed in particolare di cellulosa potrebbe rappresentare un sistema per riportare indietro nel tempo i batteri intestinali, a fronte ...
Dieta mediterranea, perché aumentare (anche di poco) i vegetali aiuta l’ambiente
In particolare, l’analisi, apparsa su Nature Food, prende in esame la transizione proteica, con il progressivo spostamento verso un maggior introito di proteine vegetali. E offre un punto di ...
Quanto pesa il microbiota nella genesi dei calcoli ai reni
Ora però appare all’orizzonte un altro potenziale elemento in grado di interferire nello sviluppo dei calcoli. Sarebbe il microbiota. Stando ad una ricerca degli esperti del Lawson Health ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia