Dieta mediterranea, perché aumentare (anche di poco) i vegetali aiuta l’ambiente

In questo post..

È un vero rincorrersi di dati scientifici, quello che mette in luce gli effetti positivi dell’alimentazione mediterranea. A questa lunghissima sequenza di studi e dimostrazioni del valore di questo modello alimentare ora si aggiunge un’analisi canadese che in qualche modo “allarga” il quadro, spostando gli effetti positivi di un’alimentazione ricca di alimenti a base vegetale sul mondo che ci circonda.

In particolare, l’analisi, apparsa su Nature Food, prende in esame la transizione proteica, con il progressivo spostamento verso un maggior introito di proteine vegetali. E offre un punto di vista interessante, dimostrando come anche un modesto incremento di introito proteico di origine vegetale possa influire positivamente sul “Carbon Footprint”. La ricerca è stata condotta da esperti dell’Università McGill coordinati da Sergio Burgos, in collaborazione con la London School of Hygiene & Tropical Medicine (autrice principale Patricia Eustachio Colombo).

L’analisi parte dalle abitudini

Lo studio offre indicazioni sicuramente importanti sugli effetti di una parziale sostituzione di alimenti proteici di natura animale (di alcuni in particolare) con cibi di origine vegetale, anch’essi ricchi di proteine. In particolare, oltre agli effetti positivi sulla persona, questo approccio tipico dell’alimentazione mediterranea, sarebbe in grado di influire positivamente sulle emissioni di gas serra.

L’analisi ha preso lo spunto dai risultati di un sondaggio nazionale che ha messo in luce le abitudini alimentari dei canadesi. Da questi dati si sono poi modellati i possibili mutamenti, con sostituzioni parziali (25% e 50%) di carne rossa e lavorata o di latticini con alimenti proteici vegetali come noci, semi, verdure, tofu e bevande a base di soia arricchite. L’analisi dei dati ha permesso di rilevare che il “Carbon Footprint” correlata alla dieta di una persona diminuisce del 25% quando si sostituisce metà del consumo di carni rosse e lavorate con alimenti proteici vegetali. D’altro canto, le sostituzioni con i latticini hanno messo in luce che si creano riduzioni minori, che non superano il 5%.

Insomma: con l’analisi si è visto che per ottenere benefici in chiave di ambiente non serve molto, ma si conferma ancora una volta come un’alimentazione varia possa rappresentare un modello ottimale, soprattutto se si seguono i dettami della dieta mediterranea. Il che significa, senza cambiamenti radicali, provvedere a semplici sostituzioni parziali di carne rossa e lavorata, in particolare, con alimenti a base di proteine vegetali. Il tutto, va detto, non ha impatto solamente sull’ambiente. Dall’analisi degli studiosi canadesi emerge infatti una stima che fa riflettere: se la metà della carne rossa e lavorata nella dieta di una persona fosse sostituita con alimenti proteici vegetali, ci si può attendere un minor rischio di patologie croniche, in particolare tra i maschi, con conseguente maggior aspettativa di vita. Insomma: basta poco per modificare la nostra alimentazione, prediligendo cibi di origine vegetale; e questo poco può essere di beneficio per noi e per il mondo che ci circonda.

Potrebbero interessarti anche...

Mangiamo più fibre, così “proteggiamo” il microbiota
Addirittura, in qualche modo, mangiare alimenti ricchi di fibre ed in particolare di cellulosa potrebbe rappresentare un sistema per riportare indietro nel tempo i batteri intestinali, a fronte ...
Obesità, l’impatto dello squilibrio ponderale sulla salute del mondo
A segnalare questa situazione è un’interessante fotografia scattata dagli esperti dell’Imperial College di Londra coordinati da Majid Ezzati, pubblicata su The Lancet, che mette in luce come ...
Quanto pesa il microbiota nella genesi dei calcoli ai reni
Ora però appare all’orizzonte un altro potenziale elemento in grado di interferire nello sviluppo dei calcoli. Sarebbe il microbiota. Stando ad una ricerca degli esperti del Lawson Health ...
Non esagerare con le carni rosse significa (anche) prevenire il diabete
Secondo una ricerca apparsa su American Journal of Clinical Nutrition, infatti, basterebbe superare le due porzioni di carne rossa ogni settimana per avere un rischio maggiore di sviluppare il ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.