L’esercizio aiuta a controllare gli effetti negativi dell’eccesso di zucchero

In questo post..

Non solo alimentazione corretta e, nei casi più estremi, i farmaci: per mantenere entro i limiti raccomandati i livelli di zucchero nel sangue ed evitare le conseguenze di una dieta troppo dolce bisogna puntare anche sull’attività fisica.

Troppo fruttosio? L’esercizio fisico non deve mancare

È lo zucchero naturalmente contenuto nella frutta ed è il più dolce di tutti gli zuccheri naturali di uso comune, ma nonostante tutta questa sua dolcezza, se presente in quantità troppo elevate nella dieta quotidiana può creare problemi di salute importanti. Un eccesso di fruttosio, così si chiama questo zucchero semplice, è stato infatti associato allo sviluppo di diversi fattori di rischio metabolici come per esempio la resistenza all’insulina, l’ipertensione, livelli troppo elevati di trigliceridi e molto altro ancora.

dettaglio della frutta: arance, limoni, mele, fragole, more

In pratica esagerare con il fruttosio significa innescare tutta una serie di trasformazioni che interferiscono con il corretto funzionamento del metabolismo e, già in tempi piuttosto brevi, riescono a causare danni importanti alla salute. Un modo per contrastare questi effetti però esiste ed è alla portata di tutti: restare attivi. La buona notizia arriva da uno studio pubblicato sulla rivista Medicine & Science in Sport & Exercise da un gruppo di ricercatori statunitensi guidati da Amy Bidwell, della Syracuse University, nel quale è stata valutata l’interazione tra una dieta ad alto livello di fruttosio e l’attività fisica quotidiana. “In sole due settimane, un’alimentazione troppo ricca di fruttosio porta a cambiamenti metabolici come l’aumento dei livelli di lipidi o d’infiammazione” spiegano gli autori che poi precisano: “Questi effetti negativi sono mitigati notevolmente da un’attività fisica di buon livello, quantificabile in circa 12.000 passi al giorno”.

Sempre attivi per gestire al meglio il diabete

Uno degli effetti negativi più noti di un’alimentazione troppo ricca di zucchero è l’aumento del rischio di diabete di tipo 2. “Negli ultimi anni si sono moltiplicati gli studi che hanno dimostrato come l’attività fisica regolare sia in grado migliorare i livelli di glucosio nel sangue, (glicemia) aiutando così a prevenire o comunque a ritardare l’insorgenza del diabete di tipo 2” spiegano gli esperti dell’American College of Sport Medicine che assieme ai colleghi della American Diabetes Association hanno pubblicato qualche anno fa un documento dedicato interamente al rapporto tra esercizio fisico e diabete di tipo 2.

dettaglio di zollette di zucchero

Dalle pagine della rivista Diabetes Care, gli esperti d’oltreoceano fanno notare che nonostante il diabete di tipo 2 rappresenti una vera e propria emergenza sanitaria e nonostante le numerose conferme dell’utilità del movimento per prevenire e gestire la malattia, sono ancora molte le persone diabetiche che non aumentano e a volte nemmeno mantengono un buon livello di attività fisica. “L’obiettivo principale delle terapie per il diabete di tipo 2 è senza dubbio mantenere sotto controllo i livelli di zucchero e lipidi nel sangue e quelli di pressione arteriosa” dicono gli autori, spiegando che una dieta ad hoc e l’attività fisica sono le due colonne portanti nella prevenzione e nella gestione della malattia. “E se si devono utilizzare i farmaci, è importante ricordare che questi non possono in alcun modo sostituire alimentazione sana ed esercizio, ma al limite possono integrarli” concludono.

L’esercizio giusto al momento giusto

Ma come fa l’esercizio fisico a influenzare il metabolismo? I meccanismi in gioco sono molteplici e dipendono anche dalle caratteristiche del singolo individuo e dell’attività fisica scelta, nonché dai tempi e modi di svolgere tale attività. Innanzitutto, con l’attività fisica si modifica l’utilizzo del “carburante” di cui l’organismo ha bisogno per poter funzionare: durante l’attività fisica si utilizza un mix di glucosio (la forma di energia immediatamente disponibile), glicogeno (i depositi di zucchero nei muscoli e nel fegato) e anche le scorte di grasso presenti in altri tessuti. Il tutto seguendo un equilibrio fine che si modifica in base a durata e intensità dell’esercizio.

ragazzo e ragazza che vanno in bici

Un altro aspetto importante della regolazione dei livelli di glucosio grazie all’esercizio fisico si basa sull’insulina: semplificando all’eccesso si può dire che grazie al movimento si riesce ad utilizzare meglio l’insulina, superando almeno in parte quella resistenza insulinica tipica del diabete di tipo 2. E poi ci sono effetti sulla pressione arteriosa, sulla capacità del fegato di utilizzare lo zucchero e molto altro ancora. Quale attività fisica scegliere dunque per prevenire e gestire il diabete? Non c’è una risposta univoca, dipende dallo stadio della malattia, dalle complicanze e dal tempo che si dedica all’esercizio. Chiedere consiglio al proprio medico è sempre la soluzione migliore.

Fonti:
1. Bidwell AJ, et al. Med Sci Sports Exerc. 2014 Nov;46(11):2091-8
2 Colberg SR, et al. Diabetes Care 33:e147– e167, 2010.

Potrebbero interessarti anche...

Microbiota, così cambia nell’intestino tenue con l’età 
Ed è ovvio che il microbiota sia un fattore chiave in questi processi, pur se la sua composizione si modifica nel corso della vita e proprio questo è il tema che sta affrontando una grande ...
Nel microbiota una chiave per sconfiggere il colera
Anche se siamo solamente agli inizi della ricerca, pare che creando la giusta competizione tra batteri presenti nell’intestino e grazie a ceppi capaci di usare le stesse invisibili armi del ...
Meno sale nella dieta? Attenti al pane
In questo senso il pane è sicuramente uno dei cibi maggiormente sotto osservazione, così come i prodotti da forno. È su questi alimenti che si è concentrato una studio dell’Università ...
I grassi di latte e latticini possono far calare i rischi di malattie cardiovascolari?
Oggi uno studio pubblicato su PloS Medicine prova a dare una risposta a questa domanda, andando a valutare non tanto i consumi autoriferiti, parametro potenzialmente fallace, ma piuttosto i livelli ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.