Come nutrirsi nel corso della vita: l’alimentazione nei giovani

In questo post..

Quando, quanto e cosa mangiare per crescere bene e diventare adulti sani

Quando mangiare

Sono consigliabili 4-5 pasti al giorno: il 20% delle calorie deve venire dalla prima colazione, il 40% dal pranzo, il 10% dalla merenda e il 30% dalla cena.

Quanto mangiare

  • Il 10-15% delle calorie deve provenire dalle proteine, sia di origine vegetale (come cereali e legumi) sia di origine animale (come pesce, carne, uova, latte e derivati).
  • Il 25-30% delle calorie deve provenire dai grassi (ma si consiglia di tenersi al di sotto della quantità massima indicata): è preferibile scegliere quelli di natura vegetale (come l’olio EVO), piuttosto che quelli di natura animale, che contengono colesterolo in quantità elevata. Nei primi 3 anni di vita i grassi devono essere fonte del 35-40% delle calorie e dai 4 anni inclusi del 20-35% delle calorie, con apporto dei grassi saturi inferiore al 10%.
  • Il 45-60% delle calorie deve venire dai carboidrati, in particolare quelli a basso indice glicemico (ad esempio pasta e pane, meglio se integrali), mentre è preferibile evitare gli zuccheri semplici (i dolci).

Cosa mangiare

Durante il primo anno di vita si raccomanda di allattare al seno.
In mancanza di latte materno e durante il divezzamento ci sono delle formule specifiche, meglio se a contenuto proteico ridotto.

Dopo il primo anno è consigliato inserire nella dieta del bambino il latte per la crescita.

Dai 12 ai 36 mesi sono indicati i prodotti specifici per l’infanzia.

Dopo i primi 3 anni di vita, ci sono degli alimenti che si raccomanda di inserire nell’alimentazione del bambino.

  • Frutta e verdura (4-5 porzioni al giorno): perché forniscono all’organismo vitamine e sali minerali.
  • Cereali integrali almeno 1-2 volte al giorno; legumi 3-4 volte la settimana: perché assicurano il quantitativo necessario di fibre vegetali.
  • Latte e yogurt 1-2 porzioni al giorno; formaggi 1-2 volte la settimana: perché sono fonte d’energia, di proteine, di grassi e dei 6 micronutrienti essenziali (calcio, fosforo, potassio, iodio, vitamine B2 e B12).
  • Yogurt: perché potrebbe portare effetti benefici gastrointestinali.

 

Board: Fondazione Istituto Danone

Potrebbero interessarti anche...

Mamme, mangiate sano in gravidanza, per abituare il bebè
A dimostrarlo è una ricerca apparsa su Psychological Science condotta dagli studiosi del l laboratorio di ricerca fetale e neonatale dell’Università di Durham, nel Regno Unito, attraverso ...
Il cervello “guida” il recupero del peso dopo la dieta nei bambini obesi
Su questo fronte, in ogni caso, uno studio presentato al Congresso della Società Europea di Endocrinologia Pediatrica contribuisce a far luce sul tema. E ipotizza un ruolo chiave del cervello, ...
Così l’inquinamento impatta negativamente sul microbiota del più piccoli
Si tratta della prima osservazione che mostra un chiaro rapporto tra inalazione di composti inquinanti ambientali e conseguente sviluppo di una popolazione batterica maggiormente associata alla ...
Quanto contano le emozioni nelle scelte alimentari dei bimbi
Lo studio, oltre a confermare come il contesto emotivo possa influenzare modelli alimentari e dieta, pone l’accento sull’importanza delle emozioni negative, che potrebbero diventare un ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.