Come nutrirsi nel corso della vita: l’alimentazione nei giovani

In questo post..

Quando, quanto e cosa mangiare per crescere bene e diventare adulti sani

Quando mangiare

Sono consigliabili 4-5 pasti al giorno: il 20% delle calorie deve venire dalla prima colazione, il 40% dal pranzo, il 10% dalla merenda e il 30% dalla cena.

Quanto mangiare

  • Il 10-15% delle calorie deve provenire dalle proteine, sia di origine vegetale (come cereali e legumi) sia di origine animale (come pesce, carne, uova, latte e derivati).
  • Il 25-30% delle calorie deve provenire dai grassi (ma si consiglia di tenersi al di sotto della quantità massima indicata): è preferibile scegliere quelli di natura vegetale (come l’olio EVO), piuttosto che quelli di natura animale, che contengono colesterolo in quantità elevata. Nei primi 3 anni di vita i grassi devono essere fonte del 35-40% delle calorie e dai 4 anni inclusi del 20-35% delle calorie, con apporto dei grassi saturi inferiore al 10%.
  • Il 45-60% delle calorie deve venire dai carboidrati, in particolare quelli a basso indice glicemico (ad esempio pasta e pane, meglio se integrali), mentre è preferibile evitare gli zuccheri semplici (i dolci).

Cosa mangiare

Durante il primo anno di vita si raccomanda di allattare al seno.
In mancanza di latte materno e durante il divezzamento ci sono delle formule specifiche, meglio se a contenuto proteico ridotto.

Dopo il primo anno è consigliato inserire nella dieta del bambino il latte per la crescita.

Dai 12 ai 36 mesi sono indicati i prodotti specifici per l’infanzia.

Dopo i primi 3 anni di vita, ci sono degli alimenti che si raccomanda di inserire nell’alimentazione del bambino.

  • Frutta e verdura (4-5 porzioni al giorno): perché forniscono all’organismo vitamine e sali minerali.
  • Cereali integrali almeno 1-2 volte al giorno; legumi 3-4 volte la settimana: perché assicurano il quantitativo necessario di fibre vegetali.
  • Latte e yogurt 1-2 porzioni al giorno; formaggi 1-2 volte la settimana: perché sono fonte d’energia, di proteine, di grassi e dei 6 micronutrienti essenziali (calcio, fosforo, potassio, iodio, vitamine B2 e B12).
  • Yogurt: perché potrebbe portare effetti benefici gastrointestinali.

 

Board: Fondazione Istituto Danone

Potrebbero interessarti anche...

Etichette nutrizionali, così possono aiutare i giovani nelle scelte alimentari
Ad offrire questi consigli ai giovanissimi, con il richiamo ad una maggior attenzione a rendere ben visibili le informazioni riportate sotto l’etichetta “Nutrition Facts”, è una ricerca ...
Obesità, l’impatto dello squilibrio ponderale sulla salute del mondo
A segnalare questa situazione è un’interessante fotografia scattata dagli esperti dell’Imperial College di Londra coordinati da Majid Ezzati, pubblicata su The Lancet, che mette in luce come ...
Malattie infiammatorie intestinali: l’assunzione di più verdure e pesce fin da piccoli potrebbe ridurne il rischio
A questa grande messe di conoscenze ora si aggiunge un ulteriore studio, che va ad esplorare il potenziale impatto della dieta ad un anno di età sullo sviluppo futuro di malattie infiammatorie ...
Bambini in vacanza, occhio all’alimentazione
Ma Natale, come Capodanno, deve durare un giorno. Quindi, anche per i bimbi, riprendere le buone abitudini è facile. Diversa è la situazione nelle vacanze estive: anche se si gioca, si corre, ci ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.