Cacao e cioccolato per una mente più in forma

In questo post..

Uno studio italiano ha fatto il punto sugli effetti del consumo di cacao e cioccolato sulle capacità cognitive spesso al centro delle ricerche in una popolazione che invecchia sempre più.

I polifenoli e altre sostanze contenute nelle fave di cacao e nel cioccolato potrebbero dare una mano a contrastare alcuni disturbi cognitivi tipici dell’invecchiamento come problemi di memoria o più in generale di declino cognitivo. Lo sostengono dalle pagine della rivista Frontiers in Nutrition i ricercatori italiani guidati da Michele Ferrara dell’Università de L’Aquila che hanno analizzato la letteratura scientifica disponibile allo scopo di comprendere meglio gli effetti acuti e cronici del consumo di cacao su diversi aspetti della funzione cognitva.

“A conti fatti, i dati oggi disponibili mostrano che il cacao e i cibi derivati dal cacao hanno la potenzialità di contrastare diversi aspetti del declino cognitivo, soprattutto nelle persone a rischio” spiega Valentina Socci, primo nome della ricerca. Come spiegano gli autori, anche se molti meccanismi sono ancora da definire nel dettaglio, il merito dell’effetto positivo del cacao e del cioccolato sulla salute del cervello è legato soprattutto ai flavanoli, una classe di polifenoli particolarmente abbondante in questi alimenti e che svolge azione cardioprotettiva e neuroprotettiva. Da non dimenticare poi la presenza di metilxantina, caffeina e teobromina anch’esse importanti per la salute neurologica. “I risultati sono promettenti e suggeriscono l’importanza di approfondire il ruolo del cacao e del cioccolato come strumenti di protezione neurocognitiva” concludono gli autori, ricordando però anche altri aspetti dei prodotti a base di cacao, primo tra tutti l’apporto calorico.

Fonte:
Socci V, et al. Front Nutr. 2017 May 16;4:19. doi: 10.3389/fnut.2017.0001.

Potrebbero interessarti anche...

Non solo antibiotici, così farmaci di uso comune influiscono sul microbiota
A segnalare questi effetti delle terapie farmacologiche sul microbiota è una ricerca di un consorzio europeo coordinata da studiosi dell’Università di Copenaghen, pubblicata su Nature. ...
Il consumo regolare di latticini protegge gli anziani dalle fratture
A tavola, quindi, non bisogna far mancare gli alimenti che più possono rappresentare una sorgente di calcio, come il latte e i suoi derivati. Consumandoli regolarmente, e addirittura aumentandone ...
Microbiota, sarcopenia e invecchiamento, c’è un legame?
Siamo solo a livello sperimentale. Ma si pensa che la presenza di un microbiota in salute possa influire sulla crescita del tessuto muscolare dopo l’esercizio. Lo studio ha preso in esame animali ...
Sarcopenia, così aumenta i rischi in caso di tumore
Mantenere in forma il muscolo è importante. Sempre. E ad ogni età. anche e soprattutto quando gli anni aumentano e magari compaiono malattie. A comprovare una volta di più il ruolo della ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.