Cacao e cioccolato per una mente più in forma

In questo post..

Uno studio italiano ha fatto il punto sugli effetti del consumo di cacao e cioccolato sulle capacità cognitive spesso al centro delle ricerche in una popolazione che invecchia sempre più.

I polifenoli e altre sostanze contenute nelle fave di cacao e nel cioccolato potrebbero dare una mano a contrastare alcuni disturbi cognitivi tipici dell’invecchiamento come problemi di memoria o più in generale di declino cognitivo. Lo sostengono dalle pagine della rivista Frontiers in Nutrition i ricercatori italiani guidati da Michele Ferrara dell’Università de L’Aquila che hanno analizzato la letteratura scientifica disponibile allo scopo di comprendere meglio gli effetti acuti e cronici del consumo di cacao su diversi aspetti della funzione cognitva.

“A conti fatti, i dati oggi disponibili mostrano che il cacao e i cibi derivati dal cacao hanno la potenzialità di contrastare diversi aspetti del declino cognitivo, soprattutto nelle persone a rischio” spiega Valentina Socci, primo nome della ricerca. Come spiegano gli autori, anche se molti meccanismi sono ancora da definire nel dettaglio, il merito dell’effetto positivo del cacao e del cioccolato sulla salute del cervello è legato soprattutto ai flavanoli, una classe di polifenoli particolarmente abbondante in questi alimenti e che svolge azione cardioprotettiva e neuroprotettiva. Da non dimenticare poi la presenza di metilxantina, caffeina e teobromina anch’esse importanti per la salute neurologica. “I risultati sono promettenti e suggeriscono l’importanza di approfondire il ruolo del cacao e del cioccolato come strumenti di protezione neurocognitiva” concludono gli autori, ricordando però anche altri aspetti dei prodotti a base di cacao, primo tra tutti l’apporto calorico.

Fonte:
Socci V, et al. Front Nutr. 2017 May 16;4:19. doi: 10.3389/fnut.2017.0001.

Potrebbero interessarti anche...

Sarcopenia, così aumenta i rischi in caso di tumore
Mantenere in forma il muscolo è importante. Sempre. E ad ogni età. anche e soprattutto quando gli anni aumentano e magari compaiono malattie. A comprovare una volta di più il ruolo della ...
Sarcopenia e alterazioni del microbiota nel tumore polmonare
Le statistiche dicono che circa il 25% delle persone che affrontano il tumore del polmone presentano segni di malnutrizione, con possibili impatti sulla prognosi stessa della patologia e ...
Che rapporto c’è tra vitamina D, rischio di osteoporosi e microbiota?
L’osteoporosi, con le sue complicanze legate soprattutto alle fratture spontanee e all’impatto che può avere su aspettativa e qualità di vita nella terza età, rappresenta una delle ...
Così il microbiota influenza la salute del cuore
È davvero complesso il processo dell’aterosclerosi, che porta alla formazione di placche all’interno della parete arteriosa e quindi può condurre a deficit di sangue ed ossigeno nella zona a ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.