27 Luglio 2017

Cacao e cioccolato per una mente più in forma

In questo post..

Uno studio italiano ha fatto il punto sugli effetti del consumo di cacao e cioccolato sulle capacità cognitive spesso al centro delle ricerche in una popolazione che invecchia sempre più.

I polifenoli e altre sostanze contenute nelle fave di cacao e nel cioccolato potrebbero dare una mano a contrastare alcuni disturbi cognitivi tipici dell’invecchiamento come problemi di memoria o più in generale di declino cognitivo. Lo sostengono dalle pagine della rivista Frontiers in Nutrition i ricercatori italiani guidati da Michele Ferrara dell’Università de L’Aquila che hanno analizzato la letteratura scientifica disponibile allo scopo di comprendere meglio gli effetti acuti e cronici del consumo di cacao su diversi aspetti della funzione cognitva. “A conti fatti, i dati oggi disponibili mostrano che il cacao e i cibi derivati dal cacao hanno la potenzialità di contrastare diversi aspetti del declino cognitivo, soprattutto nelle persone a rischio” spiega Valentina Socci, primo nome della ricerca. Come spiegano gli autori, anche se molti meccanismi sono ancora da definire nel dettaglio, il merito dell’effetto positivo del cacao e del cioccolato sulla salute del cervello è legato soprattutto ai flavanoli, una classe di polifenoli particolarmente abbondante in questi alimenti e che svolge azione cardioprotettiva e neuroprotettiva. Da non dimenticare poi la presenza di metilxantina, caffeina e teobromina anch’esse importanti per la salute neurologica. “I risultati sono promettenti e suggeriscono l’importanza di approfondire il ruolo del cacao e del cioccolato come strumenti di protezione neurocognitiva” concludono gli autori, ricordando però anche altri aspetti dei prodotti a base di cacao, primo tra tutti l’apporto calorico.

Fonte:
Socci V, et al. Front Nutr. 2017 May 16;4:19. doi: 10.3389/fnut.2017.0001.

Potrebbero interessarti anche...

24 Aprile 2018
Latte e latticini, alleati degli anziani
Un concentrato di salute1 Proteine, vitamine e minerali (in particolare il calcio) e tanta acqua. Questi nutrienti sono spesso citati tra le colonne portanti di una sana alimentazione per la ...
25 Ottobre 2017
Osteoporosi: non è solo colpa dell’età che avanza
Conoscere l’osteoporosi secondaria1,2 Anche se spesso si parla di osteoporosi come di un’unica malattia, esistono in realtà diverse tipologie di osteoporosi. La prima grande distinzione è tra ...
29 Settembre 2017
Osteosarcopenia: attenti a quei due!
Il fitto dialogo tra ossa e muscoli1 Il continuo invecchiamento della popolazione mondiale al quale si assiste soprattutto nei Paesi occidentali, rende sempre più comuni due condizioni croniche ...
30 Maggio 2017
La massa grassa cambia con l’età mettendo a rischio il cuore
Il girovita influenza il cuore1-3 Un aumento del girovita è spesso considerato “normale” per le persone anziane, in particolare per le donne che dopo la menopausa cominciano ad accumulare ...
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.