Non solo antibiotici, così farmaci di uso comune influiscono sul microbiota

In questo post..

Lo sappiamo. Dopo un trattamento con antibiotici, si creano alterazioni nel microbiota. Ma ora la scienza dimostra che, a prescindere da trattamenti farmacologici complessi come, ad esempio, accade per i tumori, anche medicinali normalmente impiegati per il trattamento di condizioni croniche come l’ipertensione hanno un impatto. In questi casi, quindi, una sana alimentazione che aiuti il microbiota a mantenersi in equilibrio è estremamente importante.

A segnalare questi effetti delle terapie farmacologiche sul microbiota è una ricerca di un consorzio europeo coordinata da studiosi dell’Università di Copenaghen, pubblicata su Nature. L’indagine si basa su dati derivanti dal progetto di ricerca MetaCardis (Metagenomics in Cardiometabolic Diseases) che ha coinvolto soggetti sani o con patologie croniche e problemi metabolici, in Danimarca, Germania e Francia. Va detto che quanto osservato non consente di spiegare meccanismi “causa-effetto” ma propone solo associazioni che andranno valutate con studi specifici in futuro.

Un aiuto dalle terapie cardiovascolari

I ricercatori hanno preso in esame una ventina di terapie farmacologiche comunemente impiegate, proprio per valutare il loro effetto sulla composizione del microbiota. Non mancano certo le curiosità.

Ad esempio, in chi soffre di patologie cardiovascolari ed è in trattamento con statine, farmaci impiegati per ridurre i valori di colesterolo LDL (quello detto “cattivo”), la popolazione batterica intestinale tende ad avere un profilo migliore.

Qualcosa di simile accade anche a chi combatte l’ipertensione ed ha una prescrizione medica che indica per la cura un’associazione di un diuretico con un farmaco beta-bloccante. In queste persone, infatti, si è rilevato un incremento dei batteri potenzialmente “buoni” per la salute dell’organismo come quelli del genere Roseburia. Questi ceppi batterci in particolare possono agire sulla fibra alimentare contenuta nei vegetali e quindi facilitare la produzione di acido butirrico, ad azione antinfiammatoria.

Non sempre però, le azioni dei farmaci sul microbiota sono positive: variazioni non esattamente auspicabili sono state osservate dopo trattamenti prolungati con inibitori della pompa protonica, impiegati per il trattamento dell’ulcera.  Stando allo studio, nel colon di chi è trattato da tempo con questi farmaci che agiscono sulla produzione di acido cloridrico da parte dello stomaco si assiste allo sviluppo di ceppi che normalmente si trovano nel cavo orale e tendono ad essere molto più rari nell’ultima parte dell’intestino.

Per quanto riguarda gli antibiotici, infine, se si fanno trattamenti ripetuti con questi farmaci antibatterici si tende ad avere un sostanziale “appiattimento” del microbiota, che risulta quindi meno diversificato, come del resto accade (ovviamente in confronto ai soggetti senza patologie) in chi soffre di fragilità croniche come ipertensione, diabete, obesità.

Potrebbero interessarti anche...

Il consumo regolare di latticini protegge gli anziani dalle fratture
A tavola, quindi, non bisogna far mancare gli alimenti che più possono rappresentare una sorgente di calcio, come il latte e i suoi derivati. Consumandoli regolarmente, e addirittura aumentandone ...
Microbiota, sarcopenia e invecchiamento, c’è un legame?
Siamo solo a livello sperimentale. Ma si pensa che la presenza di un microbiota in salute possa influire sulla crescita del tessuto muscolare dopo l’esercizio. Lo studio ha preso in esame animali ...
Sarcopenia, così aumenta i rischi in caso di tumore
Mantenere in forma il muscolo è importante. Sempre. E ad ogni età. anche e soprattutto quando gli anni aumentano e magari compaiono malattie. A comprovare una volta di più il ruolo della ...
Sarcopenia e alterazioni del microbiota nel tumore polmonare
Le statistiche dicono che circa il 25% delle persone che affrontano il tumore del polmone presentano segni di malnutrizione, con possibili impatti sulla prognosi stessa della patologia e ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.