Microbiota, sarcopenia e invecchiamento, c’è un legame?

In questo post..

L’ipotesi di lavoro è affascinante. E viene da Journal of Physiology. La rivista ha pubblicato un report scientifico che mette in correlazione l’attività muscolare e il recupero con la presenza di particolari specie di microbiota, facendo balenare l’idea che anche lo stesso microbiota possa giocare un ruolo nella crescita strutturale dei muscoli con l’esercizio e con una possibile ripresa in caso di sarcopenia o invecchiamento.

Siamo solo a livello sperimentale. Ma si pensa che la presenza di un microbiota in salute possa influire sulla crescita del tessuto muscolare dopo l’esercizio. Lo studio ha preso in esame animali sottoposti a trattamento antibiotico, quindi con variazioni della componente batterica intestinale, e non. Ed ha verificato, con test fisici, che in presenza di una componente batterica sana i muscoli tendono a crescere dopo sessioni di esercizio in modo migliore rispetto a quanto avviene dopo aver influenzato la componente del microbiota con la terapia farmacologica. Siamo solo all’inizio, ma si tratta di una ricerca che si aggiunge ad un corposo flusso di indagini che vanno a valutare proprio questo aspetto, portando alla luce ipotesi di lavoro di grande interesse pratico considerando anche la prevalenza della sarcopenia nella popolazione anziana e in chi soffre di patologie croniche che influiscono sull’alimentazione e sulle possibilità di movimento.

Identikit della sarcopenia

La sarcopenia può essere definita come una condizione caratterizzata da una perdita della massa muscolare progressiva e generalizzata. La perdita di massa muscolare si accompagna a una riduzione della forza e della prestazione fisica. Il primo segno può essere un’evidente riduzione del volume dei principali gruppi muscolari delle braccia e delle gambe. Col tempo provoca alterazioni anatomiche e funzionali delle fibre muscolari e comporta una certa sensibilità alla fatica e alla stanchezza oltre che difficoltà a compiere comuni azioni quotidiane come salire le scale, portare i sacchetti della spesa, prendere un bambino in braccio, alzarsi agilmente da una poltrona, fare una lunga passeggiata. Il quadro può essere favorito da malattie endocrine, come quelle tiroidee, che incidono negativamente sul metabolismo dell’osso, cardiovascolari, come lo scompenso cardiaco, respiratorie, osteoarticolari, come l’artrosi e l’osteoporosi, e malattie neurologiche come il Parkinson o l’Alzheimer.

 

Ma va detto che naturalmente la quantità di muscolo cambia con il passare degli anni: noi cresciamo e il muscolo cresce con noi, fino a raggiungere il picco massimo intorno ai 30 anni, passati i quali inizia invece lentamente a diminuire: dai 70 anni in poi, ogni 10 anni, si perde circa il 15% della massa muscolare e comunque col tempo la forza muscolare e le prestazioni fisiche iniziano a calare intorno ai 45-50 anni. Superati i 75 anni è possibile anche che la forza muscolare sia ridotta del 60% e che la funzionalità fisica sia fino al 30% inferiore rispetto ai più giovani.

Potrebbero interessarti anche...

Il consumo regolare di latticini protegge gli anziani dalle fratture
A tavola, quindi, non bisogna far mancare gli alimenti che più possono rappresentare una sorgente di calcio, come il latte e i suoi derivati. Consumandoli regolarmente, e addirittura aumentandone ...
Microbiota, arterie e rischio per il cuore, quali rapporti esistono?
Ed uno studio apparso su Science dimostra che la dieta squilibrata con eccessivo introito di grassi può non solo influire sulla mucosa intestinale, ma anche influire sulle popolazioni batteriche ...
Microbiota, così cambia nell’intestino tenue con l’età 
Ed è ovvio che il microbiota sia un fattore chiave in questi processi, pur se la sua composizione si modifica nel corso della vita e proprio questo è il tema che sta affrontando una grande ...
Nel microbiota una chiave per sconfiggere il colera
Anche se siamo solamente agli inizi della ricerca, pare che creando la giusta competizione tra batteri presenti nell’intestino e grazie a ceppi capaci di usare le stesse invisibili armi del ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.