Il consumo regolare di latticini protegge gli anziani dalle fratture

In questo post..

Si fa presto a dire che occorre calcio per continuare ad avere ossa robuste nella terza età. Ma quando si pensa a questo aspetto, non bisogna mai dimenticare quanto conta l’alimentazione, come delle sane abitudini che passano anche attraverso il controllo del peso, il regolare movimento e l’aderenza a trattamenti eventualmente prescritti dal medico.

A tavola, quindi, non bisogna far mancare gli alimenti che più possono rappresentare una sorgente di calcio, come il latte e i suoi derivati. Consumandoli regolarmente, e addirittura aumentandone l’assunzione in base a piani ben definiti, si può agire favorevolmente in chiave di prevenzione delle fratture. A dirlo è una ricerca australiana, pubblicata su British Medical Journal.

La strategia alimentare

La ricerca ha puntato l’attenzione su una vera e propria strategia alimentare preventiva per le fratture che offra un quantitativo elevato di calcio ed ha preso in esame gli ospiti di decine di residenze per anziani in Australia. Ben sessanta i centri considerati nell’analisi randomizzata: in metà di questi si è valutato un menù quotidiano che, attraverso un incremento dell’introito di latticini, arrivava ad offrire agli ospiti un grammo di calcio e 1,1 grammi di intake proteico per chilo di peso al giorno. Negli altri trenta centri sono stati invece proposti i pasti tradizionali. Sono stati oltre settemila i soggetti coinvolti nell’indagine, seguiti per due anni. L’età media era di 86 anni. Nel periodo di monitoraggio si sono osservate 324 fratture ossee, poco meno della metà a carico delle componenti dell’articolazione coxo-femorale, su un totale di oltre 4300 cadute. Poco meno di 2000 sono stati i decessi totali.

Secondo quanto riporta lo studio nei centri che hanno proposto un’alimentazione ad aumentato introito di latticini c’è stata una riduzione del rischio di frattura in generale pari dal 33%, che è salita ulteriormente per le fratture dell’anca (46 per cento di riduzione del rischio). Inoltre, l’aumento controllato del consumo di latticini ha consentito di ridurre, sia pure se in modo meno significativo, il rischio di cadute.

 

Potrebbero interessarti anche...

Microbiota, sarcopenia e invecchiamento, c’è un legame?
Siamo solo a livello sperimentale. Ma si pensa che la presenza di un microbiota in salute possa influire sulla crescita del tessuto muscolare dopo l’esercizio. Lo studio ha preso in esame animali ...
Così il microbiota ci aiuta a regolare la pressione arteriosa
Gli studi sul microbiota, tra gli argomenti maggiormente indagati nelle ricerche sulla salute umana, presentano a volte dei risvolti che permettono di trarre semplici conclusioni in grado di ...
Ipertensione, anche il microbiota conta?
Che il microbiota si stia rivelando una vera e propria fonte di informazioni per la scienza, viste le molteplici correlazioni con diversi stati fisiologici e patologici dell’organismo, è ormai ...
Microbiota e invecchiamento, una chiave per il benessere nella terza età
Un mondo in continuo mutamento Il microbiota intestinale gioca un ruolo cruciale nel mantenimento del nostro stato di salute durante l´intero arco della nostra vita. Questo non significa certo che ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.