L’alimentazione mediterranea protegge il cervello e fa invecchiare meglio

In questo post..

Un tempo c’era la ricerca della fonte dell’eterna giovinezza preconizzata da Ponce de Leon. Oggi la scienza continua, ovviamente con metodi meno empirici ma basandosi su studi ben definiti, su questa strada

Un tempo c’era la ricerca della fonte dell’eterna giovinezza preconizzata da Ponce de Leon. Oggi la scienza continua, ovviamente con metodi meno empirici ma basandosi su studi ben definiti, su questa strada. Una delle grandi sfide da affrontare, visto anche l’innalzarsi dell’età media della popolazione, è la prevenzione dell’invecchiamento cerebrale, specie in chiave di controllo del possibile deficit cognitivo che si associa a questa condizione.

In questo senso appare di grande interesse uno studio condotto dagli esperti del Center for Brain, Biology and Behavior dell’Università del Nebraska-Lincoln e dall’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign, coordinati da Aron Barbey, apparso su Nature Publishing Group Aging. Si tratta di una sorta di ulteriore conferma del valore della dieta mediterranea, che passa attraverso la definizione dei soggetti che presentano prestazioni cognitive migliori nella terza età grazie allo studio di specifici biomarcatori correlati alle abitudini alimentari.

Il valore di analisi combinate

La ricerca ha preso in esame 100 soggetti senza alcun deficit cognitivo, di età compresa tra i 65 e i 75 anni. A tutti è stato proposto un questionario con informazioni demografiche, dati fisici e abitudine al movimento regolare. Ma la vera chiave dello studio sta nell’analisi di campioni di sangue a digiuno che hanno permesso di valutare biomarcatori specifici dei nutrienti.

Questi dati sono poi stati associati a valutazioni cognitive e a controlli con Risonanza Magnetica. In questo modo si sono definite due tipologie di invecchiamento cerebrale, più o meno rapido. Chi presentava una senescenza del cervello più lenta presentava un profilo nutrizionale ben preciso, associato alla presenza di biomarcatori di nutrienti ad azione protettiva a partire da specifici acidi grassi, come vaccenico, alfa linolenico, elcosapentaenoico per giungere agli antiossidanti e carotenoidi tra cui cis-luteina, trans-luteina e zeaxantina ed arrivare fino alla vitamina E e alla colina. Grazie a questa analisi si è confermato il ruolo dell’alimentazione mediterranea, andando a valutare i metaboliti nutritivi di questa dieta.

La novità dello studio sta proprio nell’interdisciplinarietà dell’approccio e la combinazione di imaging cerebrale, biomarcatori del sangue e valutazioni cognitive. In pratica, la ricerca porta a conoscere informazioni su nutrizione, funzione cognitiva e diagnostica del cervello, andando oltre la semplice misurazione delle prestazioni cognitive con i tradizionali test neuropsicologici. Invece, esaminiamo simultaneamente la struttura, la funzione e il metabolismo del cervello. Soprattutto si prova che le proprietà del cervello che invecchia più lentamente sono direttamente collegate all’alimentazione, come rivelato dai modelli osservati nei biomarcatori dei nutrienti.

Potrebbero interessarti anche...

Dalla Cina l’identikit del microbiota della longevità
È in questo solco che si inserisce la ricerca recentemente apparsa su Nature Aging, che in pratica prova a correlare il microbiota in età giovanile con quello dei centenari e viceversa, in cerca ...
Così le carenze alimentari peggiorano il benessere cognitivo nella terza età
Una ricerca americana punta ancora di più l’indice su questo aspetto, dimostrando che gli anziani che non riescono a nutrirsi in modo adeguato corrono maggior rischi di andare incontro a ...
Il ruolo del microbiota nel rischio di sviluppare scompenso cardiaco
A farlo ipotizzare è una ricerca condotta dagli esperti di uno dei principali centri di ricerca sulle malattie cardiovascolari al mondo, la Cleveland Clinic. Secondo quanto è stato pubblicato su ...
Gli effetti delle fibre alimentari non sono uguali per tutti
D’altro canto, assumere regolarmente una sufficiente quantità di fibra alimentare (da scegliere anche in base alla loro qualità, come vedremo), potrebbe tradursi non solo in un maggior ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia