Zucchero a tavola: diamoci un taglio

In questo post..

Ridurre la quantità di zuccheri nella dieta quotidiana non è poi così difficile. Basta seguire i consigli degli esperti e metterli in pratica in ogni momento della giornata, dal pranzo in famiglia alle cene al ristorante, senza dimenticare la spesa al supermercato.

 

Scegliere bene sin dall’inizio

I primi passi verso un’alimentazione meno ricca di zuccheri si muovono senza dubbio quando si fa la spesa. Sono molti infatti i prodotti che contengono zucchero anche se, almeno a prima vista, ne sono del tutto privi: zuppe pronte, salumi affettati confezionati, salse e molti altri ancora, per non parlare ovviamente dei dessert e delle merendine.

Supermercato: uomo che legge le etichette dei prodotti

Ecco tre semplici suggerimenti per una spesa dolce ma con poco zucchero:

1. leggere sempre le etichette per controllare la quantità di zucchero contenuta nel prodotto e per verificare se c’è zucchero “nascosto”, ovvero presente in prodotti nei quali non pensiamo ci sia dolcificante;

2. confrontare le etichette dei prodotti simili e scegliere sempre quelli con minor contenuto di zucchero;

3. riempire il carrello di alternative dolci ma sane come per esempio la frutta fresca, quella disidratata, la frutta secca.

Pranzo e cena sotto controllo anche fuori casa

Quando ci si prepara personalmente il pranzo o la cena è più semplice tenere sotto controllo la quantità di zucchero che si assume durante il pasto, ma qualche consiglio per “affinare la mira” può essere comunque utile:

1. evitare le salse e i condimenti (come ketchup e maionese) che possono in alcuni casi contenere fino al 30% di zuccheri, utilizzare al loro posto le spezie o magari il succo di limone;

2. quando si portano in tavola carboidrati complessi come la pasta o il pane scegliere quelli integrali che contengono anche le fibre;

3. se si desidera una chiusura dolce del pasto meglio optare per la frutta, oppure si può anche scegliere di concedersi un dessert completo solo in poche occasioni (per esempio nel fine settimana) e non quotidianamente.

Anche quando si mangia fuori casa è possibile scegliere bene:

1. preferire le insalate a un pasto pronto confezionato;

2. un panino o un sandwich possono essere una scelta corretta a patto che si scelga con attenzione come farcirli: no a salse e salsine e sì alla verdura;

3. una coppa di frutta come dessert è un a buona alternativa ai dolci troppo ricchi di zuccheri e grassi.

dettaglio di frutta fresca e frutta secca: alternativa sana ai dolci

Spezzare la fame (e la sete) con gusto e pochi zuccheri

Fare attenzione a ciò che si mangia a pranzo e a cena è importante, ma lo è altrettanto tenere gli occhi aperti su snack e fuoripasto, che spesso sono molto ricchi di grassi e zuccheri, e che potrebbero essere sostituiti con un frutto o una più sfiziosa manciata di frutta secca, o con uno yogurt non zuccherato al quale aggiungere frutta fresca o disidratata.

ragazza che beve una bevanda zuccherata e mangia un hamburger

Non bisogna però dimenticare che buona parte dell’eccesso di zucchero nella dieta occidentale arriva dalle bevande zuccherate. Scegliere di sostituire queste bibite con l’acqua o una spremuta rappresenta quindi una strategia molto efficace per dare un taglio agli zuccheri semplici nella dieta. E attenzione infine alla classica pausa caffè: di per sé il caffè non apporta calorie, ma il latte e lo zucchero che spesso vengono aggiunti in abbondanza possono fare la differenza in questo senso.

Fonti:
1. Action on sugar – How to cut down on sugar in your diet. http://www.actiononsugar.org
2. NHS – How to cut down on sugar in your diet. http://www.nhs.uk

Potrebbero interessarti anche...

La cronobiologia del microbiota impatta sul rischio di obesità e diabete?
L’ileo rappresenta la parte finale dell’intestino tenue, prima del cieco, con cui inizia l’intestino crasso. Nell’ileo, i nutrienti vengono estratti dal cibo liquefatto; nel ...
Tumore del colon-retto, il ruolo del microbiota
È il microbiota intestinale, che potrebbe giocare un ruolo nei rapporti esistenti tra l’alimentazione e lo sviluppo delle forme tumorali. Ora si comincia a capire anche quali sarebbero gli ...
L’allenamento del gusto aiuta a ridurre il sale negli alimenti
È l’ipotesi esplorata in una ricerca condotta all’Università del Kentucky, condotta su poco meno di 30 persone, mirata proprio al controllo dell’introito di cloruro di sodio. Lo studio è ...
Così il microbiota umano ha imparato dai batteri dell’Oceano
Una risposta, molto interessante sul piano scientifico, viene da una ricerca dell’Università di Michigan pubblicata su Cell Host & Microbes, coordinata di Nicholas Pudio. Batteri in continua ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.