In questo post..

Modificare anche di poco le proprie abitudini alimentari optando per scelte più sane aiuta a ridurre il rischio di numerose malattie potenzialmente letali a patto che le nuove abitudini vengano mantenute.

Aumentare il consumo di frutta, verdura, legumi e grassi buoni come quelli contenuti nelle noci o nel pesce rappresenta un importante investimento in termini di salute. Come dimostra uno studio recentemente pubblicato sulla rivista New England Journal of Medicine, infatti, scegliere una dieta sana ha un grande effetto sulla riduzione del rischio di malattie cardiovascolari e di altre patologie potenzialmente letali. Sintetizzando all’estremo si potrebbe dire che la sana alimentazione allunga la vita.

dettaglio di frutta fresca: mele, arance, lamponi, fragole, limoni

“I vantaggi delle modifiche verso una dieta più sana si fanno sentire indipendentemente dall’età alla quale si decide che è ora di cambiare” spiega Mercedes Sotos-Prieto, della Harvard School of Public Health di Boston e prima autrice della ricerca che ha coinvolto circa 74.000 persone per le quali è stato valutato il cambiamento nello stile alimentare nei precedenti 12 anni. Al termine dell’analisi, gli autori hanno dimostrato che cambiamenti anche non troppo impegnativi nella dieta sono in grado di ridurre il rischio di mortalità generale dell’8-17% e quella per cause cardiovascolari del 7-15%. “Le differenze nelle percentuali di beneficio dipendono dal metodo utilizzato per calcolare i cambiamenti” precisa l’autrice che conclude ricordando che l’effetto positivo di una dieta sana aumenta quando mangiare bene diventa una abitudine che dura a lungo, idealmente per il resto della vita.

Fonte:
Sotos-Prieto M, et al. N Engl J Med. 2017 Jul 13;377(2):143-153.

Potrebbero interessarti anche...

Microbiota, arterie e rischio per il cuore, quali rapporti esistono?
Ed uno studio apparso su Science dimostra che la dieta squilibrata con eccessivo introito di grassi può non solo influire sulla mucosa intestinale, ma anche influire sulle popolazioni batteriche ...
Microbiota, sarcopenia e invecchiamento, c’è un legame?
Siamo solo a livello sperimentale. Ma si pensa che la presenza di un microbiota in salute possa influire sulla crescita del tessuto muscolare dopo l’esercizio. Lo studio ha preso in esame animali ...
Microbiota, così cambia nell’intestino tenue con l’età 
Ed è ovvio che il microbiota sia un fattore chiave in questi processi, pur se la sua composizione si modifica nel corso della vita e proprio questo è il tema che sta affrontando una grande ...
Nel microbiota una chiave per sconfiggere il colera
Anche se siamo solamente agli inizi della ricerca, pare che creando la giusta competizione tra batteri presenti nell’intestino e grazie a ceppi capaci di usare le stesse invisibili armi del ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.