Sicurezza alimentare. Il decalogo degli esperti della Fondazione Istituto Danone

Una proposta semplice ma efficace:

1) non dimenticare i cibi in frigorifero, utilizzando quelli freschi entro pochi giorni dall’acquisto;

2) utilizzare i diversi ripiani in modo da distribuire bene i cibi, evitando di mescolare alimenti di diversa natura (esempio carni con verdura), leggendo bene le istruzioni del frigorifero fornite dall’azienda costruttrice sul diverso utilizzo dei vari ripiani;

3) tenere i cibi chiusi e ben separati tra di loro per evitare possibili contaminazioni incrociate. La classica fettina di carne presenta solitamente residui di siero che favoriscono lo sviluppo di batteri e che possono, quindi, diffondersi su altri cibi;

4) per conservare gli alimenti in frigo non utilizzare le borse di plastica per la spesa (anche quelle ecologiche), poiché il materiale non è adatto per la conservazione e, in più, visto che solitamente vengono appoggiate per terra diventano grandi fonti d’inquinamento. Consigliato l’utilizzo degli appositi sacchetti per la conservazione dei cibi;

conservare i prodotti in frigorifero

5) se si scelgono i classici contenitori in PVC bisogna porre attenzione alla possibile formazione di muffe. Candeggina e aceto sono i migliori rimedi contro di esse, così come risultano utili anche per la pulizia delle guarnizioni di gomma della porta del frigorifero;

6) è bene consumare subito i cibi cotti perché, mentre si raffreddano in attesa di poterli riporre in frigorifero, i potenziali microbi proseguono il loro sviluppo e, di conseguenza, il potenziale pericolo aumenta con il passare delle ore;

7) se invece si vogliono riutilizzare cibi già cotti riposti in frigo è bene ricordare di riscaldarli a dovere. L’alimento deve essere portato a 70°C (al cuore) per avere la certezza di riuscire a distruggere eventuali germi sviluppatisi durante la conservazione;

8) non mettere a contatto cibi già cotti con cibi ancora crudi, perché è forte il rischio di contaminazione incrociata;

9) non usare lo stesso coltello per tagliare contemporaneamente carni crude e carni già cotte, per evitare che la lama diventi un veicolo di trasmissione di germi dalle prime alle seconde;

10) coprite o chiudete sempre ermeticamente gli alimenti riposti in frigo per evitare l’ossidazione e favorirne, così, la corretta conservazione.

Comitato scientifico
Fondazione Istituto Danone

Potrebbero interessarti anche...

Mangiamo più fibre, così “proteggiamo” il microbiota
Addirittura, in qualche modo, mangiare alimenti ricchi di fibre ed in particolare di cellulosa potrebbe rappresentare un sistema per riportare indietro nel tempo i batteri intestinali, a fronte ...
Dieta mediterranea, perché aumentare (anche di poco) i vegetali aiuta l’ambiente
In particolare, l’analisi, apparsa su Nature Food, prende in esame la transizione proteica, con il progressivo spostamento verso un maggior introito di proteine vegetali. E offre un punto di ...
Etichette nutrizionali, così possono aiutare i giovani nelle scelte alimentari
Ad offrire questi consigli ai giovanissimi, con il richiamo ad una maggior attenzione a rendere ben visibili le informazioni riportate sotto l’etichetta “Nutrition Facts”, è una ricerca ...
Obesità, l’impatto dello squilibrio ponderale sulla salute del mondo
A segnalare questa situazione è un’interessante fotografia scattata dagli esperti dell’Imperial College di Londra coordinati da Majid Ezzati, pubblicata su The Lancet, che mette in luce come ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.