Quei mal di pancia da virus di stagione

In questo post..

Il "mal di pancia", accompagnato a volte da vomito e diarrea, è uno dei sintomi più frequenti e preoccupanti che si manifesta nei bambini durante l'estate.
L'aumento della temperatura tipico della stagione facilita infatti la crescita, lo sviluppo e la diffusione di virus in grado di causare la gastroenterite.

La gastroenterite è un’infezione che si diffonde nello stomaco e nell’intestino ed è causata per lo più da virus (come rotavirus, adenovirus, virus coxsackie, virus Echo),  “nemici” invisibili che si manifestano attraverso diversi sintomi: dal forte mal di pancia alla diarrea, dalla febbre fino a disturbi respiratori come tosse e mal di gola.

Questo tipo di “doppia azione”, anche su bronchi e gola, non è però tipica di tutti i virus enterici, limitata più comunemente alle infezioni da virus coxsackie  ed Echo.
Tutti i ceppi virali citati condividono tuttavia altre caratteristiche.
Prima di tutto il tempo di incubazione relativamente breve.

I primi sintomi si manifestano infatti entro 24-48 ore dal momento del contagio. Molti di questi virus si trasmettono velocemente da un individuo all’altro attraverso il semplice contatto; di conseguenza, l’infezione tende a diffondersi tra tutti coloro che intrattengono un rapporto con chi sta sviluppando l’infezione.

In genere tutto passa entro pochi giorni senza necessità di terapie specifiche.
E spesso sono sufficienti i vecchi “rimedi della nonna”.
Prima di tutto, semaforo verde per il riposo.

Sul fronte dell’alimentazione, che può riprendere tranquillamente dopo le prime sei / otto ore dall’inizio dei sintomi, può essere sufficiente applicare per qualche giorno un regime alimentare controllato; via libera a riso e patate bollite, limone – in caso di diarrea – per evitare di affaticare l’intestino, magari aggiungendo un probiotico, che aiuta a reintegrare la flora batterica eventualmente alterata.

Il tutto senza forzature e, soprattutto, senza preoccuparsi troppo se il bimbo non ha fame per 1-2 giorni e se si rende necessario saltare un pasto.
Fondamentale è invece bere: succhi di frutta, spremute e tè freddo zuccherato sono ottimi alleati per reintegrare i liquidi.
Per la febbre, infine, un comune antipiretico spesso basta e avanza per ridurre la risposta del corpo all’invasione virale.

Potrebbero interessarti anche...

Bambini, più verdure nel piatto per abituarli alla sana alimentazione
“Un assaggio e poi basta”. Se per abituare i bambini a consumare regolarmente vegetali avete sempre impiegato la strategia delle piccole dosi per non avere risposte negative, è il momento di ...
Microbiota e viaggi, così nascono le resistenze batteriche
C’è un motivo in più per non stravolgere le abitudini alimentati ed offrire al corpo probiotici e prebiotici in quantità quando si viaggia verso l’Africa, l’America latina o il sud-est ...
Il microbiota nel bebè “disegna” il rischio obesità futura?
È un grande problema di salute pubblica, l’obesità infantile. Come una marea montante, rischia di creare le condizioni per una vera e propria epidemia non infettiva nei decenni a venire, con ...
Svezzamento, perché l’essere umano inizia verso i sei mesi di vita
Se ne discute molto, in questo periodo. Pur se il consiglio è spesso di andare avanti con un’alimentazione mista, che preveda anche il latte materno o in alternativa quello artificiale, si parla ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.