Per stare bene: 1 yogurt al giorno

In questo post..

Gli italiani consumano pochi latticini, mentre 1 yogurt al giorno potrebbe garantire vantaggi nutrizionali molto importanti

Perché non si consumano latte e derivati

L’alimentazione della popolazione italiana si è modificata negli ultimi decenni, e l’insufficiente apporto medio di latte, yogurt e latti fermentati è uno degli aspetti che caratterizzano negativamente la dieta moderna.

Le probabili motivazioni possono essere:

  • la convinzione (spesso infondata) di molte persone di soffrire di intolleranza al lattosio;
  • l’attenzione (spesso eccessiva) alla quota di grassi che è tipica di alcuni di questi alimenti.

Dimensioni delle porzioni dei principali alimenti del gruppo ‘latte e derivati’ e numero di porzioni necessario per comporre una razione alimentare giornaliera di 2.000 kcal.

Gruppi di alimenti Alimenti Porzioni Porzioni/die
Latte e derivati Latte g 125 (un bicchiere) 2
Yogurt g 125 (un vasetto) 2
Formaggio
Fresco g 100 0 – 1
Stagionato g 50

Perché consumare 1 yogurt al giorno

due bicchieri di yogurt magro

Numerose evidenze suggeriscono che almeno una di queste porzioni giornaliere possa essere rappresentata dallo yogurt o dai latti fermentati perché consumare uno yogurt al giorno presenta alcuni vantaggi nutrizionali molto importanti.

  • Possibilità di consumare un prodotto a base di latte per i soggetti intolleranti al lattosio: lo yogurt, per effetto delle fermentazioni ad opera dei batteri lattici, contiene solo tracce di lattosio1 e può essere quindi consumato dalla maggior parte degli intolleranti.
  • Possibilità di raggiungere con maggiore facilità l’apporto giornaliero raccomandato di calcio: il calcio dello yogurt si caratterizza per l’elevata biodisponibilità e quindi per la possibilità di svolgere un reale ruolo di rilievo nella prevenzione delle malattie degenerative dello scheletro, come l’osteoporosi, e nel controllo dei valori pressori e quindi nella prevenzione dell’ipertensione.
  • Possibilità di migliorare il valore biologico delle proteine dietetiche: le proteine dello yogurt (5 g/porzione, in media) sono, alla pari di quelle del latte, ad elevato valore biologico e sono anche dotate di un ottimo potere saziante.
  • Possibilità di impiegare un prodotto di composizione bilanciata e correttamente porzionato per la colazione del mattino o lo snack di metà mattina o metà pomeriggio; la porzione standard di yogurt (il vasetto) si può portare in borsa o in ufficio, per consumare in modo semplice e pratico uno snack nutrizionalmente equilibrato in qualsiasi momento della giornata.
  • Possibilità di selezionare e consumare  prodotti arricchiti in vitamine, minerali e probiotici: possono svolgere nell’organismo umano azioni protettive di varia natura (prevenzione della colonizzazione intestinale da parte di batteri patogeni, stimolazione dell’immunità aspecifica, facilitazione di specifiche azioni metaboliche, normalizzazione della motilità intestinale, ecc.).
  1. Tracce che possono tra l’altro svolgere un certo ruolo nell’aumentare la tolleranza di queste persone al lattosio stesso.
  2. 800-1500 mg/die, mentre da INRAN emerge un apporto medio di calcio, nella popolazione italiana, al di sotto delle raccomandazioni ufficiali.
  3. Il fabbisogno proteico giornaliero è oggi fissato in 0,8-1 g/kg peso corporeo.

Board
Fondazione Istituto Danone

Potrebbero interessarti anche...

Così lo stress influisce sulla richiesta di cibo
L’insostenibile peso dello stress Gli esperti americani, coordinati da Susan Carnell, hanno condotto una serie di analisi estremamente specifiche su una serie di soggetti (16 donne e 13 uomini), ...
Il disgusto per un cibo? Forse serve a proteggerci
E non solo quando si è bambini, con le scelte più facilmente condizionate anche a meccanismi selettivi, o magari in gravidanza, con le classiche “voglie”. Come si sviluppano questi ...
Ecco perché chi cena tardi è a maggior rischio di obesità
In particolare lo studio va a considerare tre elementi chiave nel percorso di crescita ponderale, ovvero la regolazione dell’apporto calorico, il consumo calorico e le modificazioni ...
La cronobiologia del microbiota impatta sul rischio di obesità e diabete?
L’ileo rappresenta la parte finale dell’intestino tenue, prima del cieco, con cui inizia l’intestino crasso. Nell’ileo, i nutrienti vengono estratti dal cibo liquefatto; nel ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.