Le ondate di calore si contrastano anche a tavola

Le giornate estive fatte di sole e aria aperta possono trasformarsi in pericolo per la salute quando la temperatura sale troppo, ma con i giusti consigli il caldo può essere affrontato… partendo dal piatto.

In Italia è rimasta impressa nella memoria quella del 2003 che causò non pochi problemi di salute a tante persone fragili – in particolare anziani, bambini e malati cronici – rendendo l’estate un momento difficile per molti. Si parla delle “ondate di calore”, innalzamenti delle temperature a livelli superiori alle medie stagionali che possono durare giorni o addirittura settimane. Gli esperti della Croce Rossa Italiana forniscono consigli generali su come affrontare questi momenti: non uscire nelle ore più calde, rinfrescarsi spesso con acqua fredda, indossare indumenti leggeri e di tessuti naturali e non esagerare con l’aria condizionata.
Ma i giorni più caldi si affrontano meglio se si rende l’alimentazione abituale più consona alle esigenze dell’organismo che cerca di raffreddarsi.

Ecco quindi alcuni consigli per una tavola “rinfrescante”

1. Nel bicchiere. È importante bere molto anche quando non si sente lo stimolo della sete perché con il caldo si tende a sudare di più e il rischio di disidratazione aumenta. È opportuno inoltre moderare il consumo di bevande con zuccheri aggiunti, evitare il consumo di bevande alcoliche, comprese quelle a bassa gradazione come vino e birra, almeno durante le ore più calde. Le bevande alcoliche non dissetano, aumentano la vasodilatazione cutanea e la sudorazione, diminuiscono il riassorbimento renale dell’acqua e aggravano così la disidratazione. Se non ne vogliamo fare a meno, meglio riservarle al pasto serale in quantità limitata.

uomo anziano che beve acqua per rinfrescarsi dal caldo

2. Nel piatto. In generale è meglio consumare pasti leggeri, a base di frutta e verdura, privilegiando la pasta e il pesce ed evitando i cibi troppo elaborati o piccanti. Gli amanti del gelato possono concedersene qualcuno, magari in sostituzione del pranzo. Per gli spuntini è possibile optare per lo yogurt senza zuccheri aggiunti, insaporito secondo il gusto personale con frutta di stagione. La frutta secca può rientrare anche in estate tra le componenti dell’alimentazione quotidiana, poiché ricca di minerali, fibre e acidi grassi “buoni”, a patto però di non esagerare dato l’alto contenuto calorico.

dettaglio di 3 merluzzi

3. Le porzioni e gli orari. Con il caldo l’appetito spesso si riduce e risulta quindi più semplice seguire la raccomandazione di non esagerare con le porzioni: è meglio evitare pasti troppo abbondanti e optare magari per piatti unici bilanciati che contengano tutti i nutrienti necessari all’organismo. Perfetti pasta con legumi e/o verdure oppure carne, pesce, uova accompagnati da verdure. Per rendere più appetibili e salutari i piatti è possibile giocare con la fantasia unendo alimenti di colori diversi che rendono bello il piatto agli occhi e lo arricchiscono di vitamine e micronutrienti fondamentali per rimanere in forma e affrontare al meglio il caldo.

Fonti:
1. Croce Rossa Italiana – Cresce il caldo cresce la prevenzione.
2. Istituto Superiore di Sanità – Estate in salute, dieci consigli sull’alimentazione.
3. Istituto Superiore di Sanità – Domande e risposte – FAQ Ondate di calore.

Potrebbero interessarti anche...

Così un’alimentazione “Plant Based” aiuta a ridurre la pressione
E non si tratta di un’indicazione campata in aria, ma dimostrata da ricerche scientifiche che celebrano il modello dell’alimentazione mediterranea, che ha proprio nel consumo regolare di frutta ...
Scoperti i retrovirus che “parlano” con il microbiota
A svelare questa affascinante ipotesi, che potrebbe avere ripercussioni pratiche in futuro, quando si cerca di modulare la risposta immunitaria soprattutto in caso di malattie infiammatorie o di ...
Il “peso” del microbiota nella risposta alle vaccinazioni
Per spiegare le differenze interpersonali della reazione ad uno stesso stimolo vaccinale forse occorrerebbe indagare meglio anche il microbiota intestinale. Stando a quanto riporta una ricerca ...
Microbiota e viaggi, così nascono le resistenze batteriche
C’è un motivo in più per non stravolgere le abitudini alimentati ed offrire al corpo probiotici e prebiotici in quantità quando si viaggia verso l’Africa, l’America latina o il sud-est ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.