Lo yogurt è un alimento moderno dalle radici antiche

In questo post..

Il latte e i suoi derivati sono un esempio di ‘innovazione alimentare’, dalla preistoria ai giorni nostri

I primi latti fermentati sono stati probabilmente di cervidi, seguiti dai caprini, ovini e, infine,  bovini. Si suppone, come citato anche ampiamente nella Bibbia (la Terra Promessa è descritta come ‘il paese in cui scorre latte e miele’, Ezechiele, 20,6), che il latte fermentato fosse impiegato già dagli uomini preistorici.

Una delle prime ricette del ‘nostro’ yogurt è l’opus lactorum che appare nel 200 d.C. e prevede l’aggiunta di miele e frutta al latte fermentato. Solo con l’avvento delle grandi esplorazioni si sono rese note le qualità benefiche dei latti fermentati: arabi, bulgari, zulù e indù impiegavano lo yogurt per curare i disturbi intestinali e regolarizzare il sonno.

Una svolta importante avvenne all’inizio del XX secolo quando il Nobel Elia Metchnikoff scoprì le proprietà benefiche dei lattobacilli e formulò la teoria dell’utilità dello yogurt secondo cui ‘lo yogurt contiene batteri buoni con azione antiputrefattiva e quindi con benefici effetti sul microbioma’.

Potrebbero interessarti anche...

Il consumo regolare di latticini protegge gli anziani dalle fratture
A tavola, quindi, non bisogna far mancare gli alimenti che più possono rappresentare una sorgente di calcio, come il latte e i suoi derivati. Consumandoli regolarmente, e addirittura aumentandone ...
Microbiota, arterie e rischio per il cuore, quali rapporti esistono?
Ed uno studio apparso su Science dimostra che la dieta squilibrata con eccessivo introito di grassi può non solo influire sulla mucosa intestinale, ma anche influire sulle popolazioni batteriche ...
Meno sale nella dieta? Attenti al pane
In questo senso il pane è sicuramente uno dei cibi maggiormente sotto osservazione, così come i prodotti da forno. È su questi alimenti che si è concentrato una studio dell’Università ...
I grassi di latte e latticini possono far calare i rischi di malattie cardiovascolari?
Oggi uno studio pubblicato su PloS Medicine prova a dare una risposta a questa domanda, andando a valutare non tanto i consumi autoriferiti, parametro potenzialmente fallace, ma piuttosto i livelli ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.