La prima colazione dello sportivo

In questo post..

Cosa scegliere per affrontare al meglio gli impegni sportivi a inizio giornata e in tarda mattinata

Per lo sportivo, come per il resto delle persone, la prima colazione è un pasto di fondamentale importanza. Infatti, per affrontare allenamenti o gare nelle prime ore della giornata o in tarda mattinata, è necessario garantire all’organismo un sufficiente apporto di energia, ottenuto attraverso corrette scelte alimentari che tengano conto anche del fatto che la prima colazione viene al termine della fase di assenza di alimentazione maggiormente prolungata nell’ambito delle ventiquattro ore.

È buona norma consumarla sempre anche per evitare di innescare il meccanismo di ‘fame’ che poi si prolunga per tutta la giornata. La prima colazione dello sportivo dovrebbe coprire il 20-25% dell’energia totale giornaliera e – per gli atleti impegnati in programmi di allenamento molto gravosi (maratona, canoa, sci di fondo…) – si possono raggiungere anche le 1000-1200 kcal.

Se l’allenamento è a inizio giornata

La prima colazione dovrebbe essere piuttosto frugale per non ‘impegnare’ eccessivamente l’apparato digerente; tuttavia, anche in questi casi l’atleta deve rifornire il proprio organismo di acqua, energia, macro e micronutrienti:

  • zuccheri, sia semplici sia complessi, in quanto facilmente digeribili e poiché forniscono energia ‘pronta’ utilizzabile da tutte le cellule, e in particolare da cervello, globuli rossi e muscoli;
  • grassi, che devono però essere assunti in quantità piuttosto contenuta per evitare di rallentare la digestione;
  • alimenti ricchi di acqua, ad esempio la frutta, il latte e i latti fermentati, o cremosi come lo yogurt, meglio se a basso contenuto di grassi;
  • proteine, sia animali sia vegetali, necessarie per la riparazione e costruzione dei  tessuti, non solo dei muscoli, e per il buon funzionamento dell’intero organismo. È bene ricordare che le proteine sono ben rappresentate anche nei cereali e nei prodotti da forno in genere, meglio se integrali, nel latte e nei suoi derivati, oltre che nelle uova e in altre fonti animali.

Se l’allenamento è a tarda mattinata

Bisognerebbe aumentare le porzioni precedentemente indicate, completandole:

  • con alimenti proteici facilmente digeribili, come formaggi a basso contenuto di grassi, prosciutto crudo magro, uova alla coque;
  • con prodotti derivati dalla lavorazione di cereali consumati con latte e yogurt, anche in abbinamento a frutta fresca e succhi di frutta, per aumentare ancora di più il loro valore nutrizionale.

Board
Fondazione Istituto Danone

Potrebbero interessarti anche...

Così un’alimentazione “Plant Based” aiuta a ridurre la pressione
E non si tratta di un’indicazione campata in aria, ma dimostrata da ricerche scientifiche che celebrano il modello dell’alimentazione mediterranea, che ha proprio nel consumo regolare di frutta ...
Scoperti i retrovirus che “parlano” con il microbiota
A svelare questa affascinante ipotesi, che potrebbe avere ripercussioni pratiche in futuro, quando si cerca di modulare la risposta immunitaria soprattutto in caso di malattie infiammatorie o di ...
Il “peso” del microbiota nella risposta alle vaccinazioni
Per spiegare le differenze interpersonali della reazione ad uno stesso stimolo vaccinale forse occorrerebbe indagare meglio anche il microbiota intestinale. Stando a quanto riporta una ricerca ...
Microbiota e viaggi, così nascono le resistenze batteriche
C’è un motivo in più per non stravolgere le abitudini alimentati ed offrire al corpo probiotici e prebiotici in quantità quando si viaggia verso l’Africa, l’America latina o il sud-est ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.