La genetica di latte e derivati

In questo post..

I diversi effetti sulla salute del consumo di latte e prodotti caseari non dipendono solo da quantità e qualità di questi prodotti, ma anche dalle differenze nel DNA dei singoli individui che li portano in tavola.

Lattosio in primo piano

Ciascuna persona mostra circa 3 milioni di variazioni genetiche nel DNA rispetto a chi gli sta accanto e la presenza di queste differenze è alla base delle risposte, a volte anche estremamente diverse, che gli individui mostrano di fronte a un determinato alimento o nutriente. L’affermazione vale naturalmente anche per latte e latticini, come dimostra un recente articolo pubblicato sulla rivista Nutrients, nel quale è stata effettuata una revisione degli studi ad oggi disponibili sulle associazioni tra assunzione di latte e derivati, caratteristiche genetiche e salute.

Anzi è proprio legato al latte uno degli esempi meglio noti di come le varianti genetiche influenzino le scelte alimentari dell’uomo e la sua salute: si tratta della variante nel gene della lattasi che garantisce la persistenza dell’enzima anche in età adulta, permettendo così di digerire lo zucchero del latte (lattosio) dopo l’infanzia. La presenza di tale variante ha influenzato nel corso dei secoli l’evoluzione dell’uomo e la sua capacità di consumare determinati cibi a base di latte, influenzando così anche il suo interesse nel colonizzare terre o allevare determinati animali. Dal punto di vista clinico, le varianti presenti nel gene della lattasi sono state analizzate anche in relazione a condizioni di salute diverse da quelle causate dall’intolleranza al lattosio.

Alcuni studi hanno dimostrato per esempio che la variante che determina la persistenza dell’enzima si associa in genere a un maggior consumo di latticini e a un maggiore indice di massa corporea. Più contraddittori sono invece i risultati degli studi sul legame tra genetica, latte e derivati e patologie come cancro o malattie cardiovascolari e ossee. Esistono per esempio dati a sostegno di un effetto protettivo del consumo di latte e latticini sul rischio di tumore del colon-retto e pare che tale beneficio dipenda sia dal tipo di prodotto consumato sia dalle varianti del gene per la lattasi. Come spiegano gli esperti, i risultati a volte contrastanti che emergono dagli studi dipendono dal fatto che, oltre alle varianti di uno o più geni, il rischio finale di sviluppare una patologia è legato anche a numerosi altri fattori come per esempio il genere o l’etnia di appartenenza.

DNA: caratteristiche genetiche e salute

Contano anche grassi, ormoni e vitamine

Il lattosio non è l’unica componente del latte e derivati con un impatto importante sulla salute: molte altre molecole – dai grassi alle proteine, dalle vitamine agli ormoni – contribuiscono a determinare il ruolo di questi alimenti nella dieta e nella salute umana. Di conseguenza anche varianti presenti in geni diversi da quello della lattasi, possono determinare risposte differenti al consumo di latte e derivati in termini di salute. Per esempio nel latte sono presenti i grassi saturi, in dosi molto variabili a seconda del tipo di prodotto caseario (da <1% per il latte scremato a 50% per il burro), noti soprattutto per il loro impatto sulla salute cardiovascolare.

Numerosi studi sul tema hanno dimostrato che persone con mutazioni in particolari geni coinvolti nel metabolismo dei lipidi (APOA2 rs5082, PPARA rs135549, ABCG5 rs6720173, e altri ancora) potrebbero mostrare una sensibilità differente al consumo quotidiano di latte e derivati, anche in base allo specifico contenuto in grassi saturi. La presenza di alcune varianti genetiche nei recettori per la vitamina D (FokI, Cdx2, ApaI, BsmI, TaqI) interferisce con le modalità di assorbimento, trasporto e metabolizzazione della vitamina contenuta nei cibi che derivano dal latte (magari dopo “fortificazione”) influenzando di conseguenza anche molti aspetti della salute. Non è solo una questione di lattosio dunque, ma piuttosto una complessa rete di interazioni tra diverse varianti di molteplici geni a determinare le scelte alimentari legate al latte e l’impatto sulla salute dei prodotti che da esso derivano. Servono però ulteriori studi prima di poter raccomandare un consumo di latte e latticini specificamente disegnato sulle caratteristiche del DNA del singolo individuo.

 

DalMondoScientifico

Fonte:
Comerford KB, Pasin G. Nutrients. 2017 Jul 6;9(7). doi: 10.3390/nu9070710

Potrebbero interessarti anche...

Yogurt, la scienza spiega perché fa bene alla salute nell’età della crescita e non solo
L’analisi della ricchissima letteratura sul tema consente di fare il punto sul valore di questo alimento nell’età pediatrica. Ne emerge un quadro che esplora gli effetti positivi del consumo ...
Quanto pesa il microbiota del latte materno sul benessere del bimbo
Una risposta arriva da una ricerca italiana, condotta da esperti dell’Università di Milano e della Fondazione Irccs Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, apparsa su European Journal of ...
Arfid, non bisogna “forzare” chi non vuole alcuni cibi
Semmai, è vero il contrario, almeno stando a quanto riportano i risultati di una ricerca degli esperti dell’Università Duke, pubblicata su International Journal of Eating Disorder. L’indagine ...
Bambini, più verdure nel piatto per abituarli alla sana alimentazione
“Un assaggio e poi basta”. Se per abituare i bambini a consumare regolarmente vegetali avete sempre impiegato la strategia delle piccole dosi per non avere risposte negative, è il momento di ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.