Etichette: arriva l’obbligo per le indicazioni nutrizionali

In questo post..

Un nuovo momento di svolta per le etichette dei prodotti alimentari: tra pochi giorni entrerà in vigore l’obbligo di riportare sulla confezione anche le informazioni relative al contenuto nutrizionale.

A due anni esatti dal recepimento del Regolamento Europeo 1169/2011, il 13 dicembre 2016 il processo di trasformazione delle etichette alimentari arriva a un altro punto di svolta. Tra pochi giorni infatti sarà obbligatorio per i produttori indicare in etichetta tutta una serie di informazioni nutrizionali che aiuteranno il consumatore ad acquistare i prodotti in modo più consapevole anche dal punto di vista della salute.

Tra le informazioni nutrizionali che potremo trovare in etichetta dalla metà di dicembre, sette sono obbligatorie e devono essere riportate seguendo uno specifico ordine (contenuto calorico, grassi, acidi grassi saturi, carboidrati, zuccheri, proteine e sale – e non più “sodio” come un tempo). Altre informazioni (acidi grassi monoinsaturi, acidi grassi polinsaturi, polioli, amido, fibre, sali minerali e vitamine) potranno comparire a discrezione del produttore, pur senza essere obbligatorie. Il tutto deve essere riportato in una tabella e i valori devono essere espressi per 100 grammi o 100 ml di prodotto, senza dimenticare le unità di misura. Ma indipendentemente dall’ordine o dal tipo di informazione che compare sulla confezione di un prodotto alimentare. È fondamentale che ciascun consumatore dedichi qualche minuto alla lettura attenta dell’etichetta prima di mettere un alimento nel carrello della spesa.

Fonte:
Assolatte – www.assolatte.it

Potrebbero interessarti anche...

Bambini, più verdure nel piatto per abituarli alla sana alimentazione
“Un assaggio e poi basta”. Se per abituare i bambini a consumare regolarmente vegetali avete sempre impiegato la strategia delle piccole dosi per non avere risposte negative, è il momento di ...
Microbiota e viaggi, così nascono le resistenze batteriche
C’è un motivo in più per non stravolgere le abitudini alimentati ed offrire al corpo probiotici e prebiotici in quantità quando si viaggia verso l’Africa, l’America latina o il sud-est ...
Infiammazione postprandiale ed azione sul microbiota
Lipidi e carboidrati semplici possono impattare sullo stato infiammatorio dell’organismo, influenzando pure la composizione del microbiota. A dirlo è una ricerca pubblicata su American Journal ...
Dieta mediterranea, perché aiuta (anche) in gravidanza
Ora una ricerca pubblicata su American Journal of Clincial Nutrition svela che questo approccio dietetico sarebbe particolarmente indicato nella fase che va dal concepimento almeno fino al secondo ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.