Ecco come il microbiota materno influenza quello fetale e disegna la traiettoria di benessere

In questo post..

Punto primo. Il microbiota della gestante, fin dall’inizio della gravidanza, va ad agire pesantemente sulla composizione e sull’attività del microbiota del feto, che si sviluppa nell’utero materno. Punto secondo: come si può comprendere questo effetto e come si può valutare?

È a questo secondo quesito che risponde un interessante studio sperimentale apparso su BMC Biology, che va proprio ad esplorare quali differenze si creano nella composizione batterica e nell’attività di cervello, placenta ed ovviamente intestino fetale in relazione alla presenza di specifici ceppi batterici nell’intestino materno. E una volta di più i risultati che emergono chiariscono come esista un’asse madre-feto che conferma come i primi mille giorni, dal momento del concepimento, siano fondamentali nel definire il benessere del bambino e dell’adulto che verrà.

Quanto pesa il microbiota

La ricerca è stata condotta dagli esperti di tre Università finlandesi (Helsinki, Turku e Finlandia Orientale), sotto il coordinamento di Mikael Niku. E mostra chiaramente come il microbiota materno influisce sullo sviluppo fetale. Lo studio preclinico fa luce sul significato del microbiota e sui meccanismi attraverso i quali il microbiota influenza lo sviluppo individuale e la gravidanza. In particolare, gli studiosi hanno dimostrato che, nell’intestino, i geni associati al sistema immunitario e alle interazioni ospite-microbo erano meno attivi nei feti di madri prive di germi, cioè in ambiente sterile. Sono state riscontrate differenze significative nell’espressione dei geni nel cervello associati allo sviluppo e al funzionamento del sistema nervoso. Nella placenta sono state rilevate differenze nell’espressione di diversi geni importanti che regolano la gravidanza. Inoltre il microbiota influirebbe anche sull’espressione di geni importanti per il metabolismo fetale, con evidenti ripercussioni sullo sviluppo futuro del sistema nervoso e ovviamente dell’intestino, in una logica di “Gut-Brain Axis” di grande impatto sul benessere psicofisico. Ma non basta: anche il funzionamento ottimale della placenta sarebbe influenzato dalla composizione del microbiota materno.

Costruiamo bene il “core microbiota”

Nei primi anni di vita, compresa ovviamente quella intrauterina, nel bimbo si si forma il core microbiota, che sarà strutturalmente simile a quello dell’adulto. Nei primi giorni di vita è caratterizzato da “bassa densità e diversità microbica”: nel neonato sono particolarmente presenti batteri che fermentano il latte, quali Lactobacillus, Streptococcus e Bifidobacterium. Ma prima, cosa accade? L’innovazione tecnologica ha permesso, e sta permettendo, di scoprire cose sempre nuove, talvolta in contrasto con evidenze ottenute in precedenza con strumenti ormai un po’ superati. E quindi, appare ormai antica l’ipotesi che l’uomo non abbia microrganismi alla nascita. Ci sono comunità batteriche presenti a livello della placenta, del liquido amniotico, delle membrane fetali, del cordone ombelicale e del meconio. Insomma: una madre è tale non dal momento del parto, ma dal momento del concepimento. Fin da subito, il piccolo avrà bisogno delle sue cure e attenzioni e anche il suo microbiota ne potrà trarre vantaggio. I microbi che si possono ritrovare nelle feci del bambino sono addirittura influenzati dall’indice di massa corporea e dall’aumento di peso della madre durante la gravidanza. La ricerca deve andare avanti e la pediatria, insieme alla gastroenterologia, debbono dare risposte sempre più precise sull’invisibile “peso” del microbiota sul benessere. Fin dal concepimento.

Potrebbero interessarti anche...

Malattie infiammatorie intestinali: l’assunzione di più verdure e pesce fin da piccoli potrebbe ridurne il rischio
A questa grande messe di conoscenze ora si aggiunge un ulteriore studio, che va ad esplorare il potenziale impatto della dieta ad un anno di età sullo sviluppo futuro di malattie infiammatorie ...
Per un microbiota vario e sano via libera a frutta e verdura
Basti pensare che nello stomaco e nell’intestino tenue si va da 100 a 100.000 batteri per millilitro di contenuto intestinale, mentre nel colon si arriva a 100-1000 miliardi di germi per grammo. ...
Microbiota intestinale ed eczema cutaneo nei neonati, esiste un rapporto?
Si sa ormai che il modo in cui il bimbo viene al mondo e l’alimentazione nei primissimi mesi di vita contribuiscono a formare, a grandi linee, le popolazioni batteriche che poi “abiteranno” ...
Mamme, mangiate sano in gravidanza, per abituare il bebè
A dimostrarlo è una ricerca apparsa su Psychological Science condotta dagli studiosi del l laboratorio di ricerca fetale e neonatale dell’Università di Durham, nel Regno Unito, attraverso ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.