Terza età: donne e osteoporosi

In questo post..

Uno stile di vita sano e un’alimentazione corretta, ricca di calcio, aiutano a ridurre il rischio di osteoporosi nelle donne

Le donne e l’osteoporosi

L’osteoporosi1 in Italia interessa 5 milioni di persone e colpisce di più le donne:

  • perché la loro densità ossea è più bassa di quella degli uomini;
  • perché c’è una perdita maggiore di massa ossea dopo la menopausa, con la caduta del livello degli estrogeni.

L’alimentazione e l’osteoporosi

L’alimentazione ha un ruolo di fondamentale importanza nella comparsa e nel decorso dell’osteoporosi; tra i fattori di rischio ci sono:

  • scarso apporto di calcio;
  • insufficiente disponibilità di vitamina D2;
  • eccesso di alcool;
  • eccesso di caffeina.

I prodotti lattiero caseari e l’osteoporosi

I prodotti lattiero caseari sono un costituente fondamentale di una dieta bilanciata che può ridurre l’osteoporosi perché:

  • sono ricchi di calcio e l’alimentazione deve fornire una quantità di calcio adeguata per affrontare nel modo migliore la riduzione della massa ossea, che inizia a 30 anni e che con la terza età può sfociare in osteoporosi;
  • sono ricchi di proteine, che hanno un effetto complesso sulla formazione e sul mantenimento della massa ossea perché facilitano l’assorbimento di calcio e concorrono alla formazione della matrice ossea.

Cosa scegliere: latte, yogurt e formaggi

dettaglio di un bricco con bicchiere di latte

  • Latte: una tazza di latte da circa 250 g fornisce intorno a 300 mg di calcio altamente utilizzabili.
  • Yogurt e latti fermentati: hanno lo stesso contenuto di calcio e sono tollerati anche da chi non digerisce il latte perché non dispone di adeguate quantità di lattasi3.
  • Formaggi: in questi alimenti si concentrano molte delle sostanze nutritive del latte, a cominciare dal calcio; ne sono ricchi i formaggi stagionati che hanno anche un favorevole rapporto calcio/fosforo che facilita l’assorbimento del calcio.
  1. Una malattia sistemica dello scheletro caratterizzata da ridotta massa ossea e alterazioni microstrutturali del tessuto osseo, con conseguente aumentata fragilità ossea e suscettibilità alle fratture’ (Organizzazione Mondiale della Sanità).
  2. Ridotta esposizione alla luce solare.
  3. Parte del lattosio è stata già trasformata in acido lattico e i batteri lattici che essi contengono producono la lattasi che permette di aumentare la digeribilità del lattosio.

Board: Fondazione Istituto Danone

Potrebbero interessarti anche...

Così un’alimentazione “Plant Based” aiuta a ridurre la pressione
E non si tratta di un’indicazione campata in aria, ma dimostrata da ricerche scientifiche che celebrano il modello dell’alimentazione mediterranea, che ha proprio nel consumo regolare di frutta ...
Scoperti i retrovirus che “parlano” con il microbiota
A svelare questa affascinante ipotesi, che potrebbe avere ripercussioni pratiche in futuro, quando si cerca di modulare la risposta immunitaria soprattutto in caso di malattie infiammatorie o di ...
Il “peso” del microbiota nella risposta alle vaccinazioni
Per spiegare le differenze interpersonali della reazione ad uno stesso stimolo vaccinale forse occorrerebbe indagare meglio anche il microbiota intestinale. Stando a quanto riporta una ricerca ...
Microbiota e viaggi, così nascono le resistenze batteriche
C’è un motivo in più per non stravolgere le abitudini alimentati ed offrire al corpo probiotici e prebiotici in quantità quando si viaggia verso l’Africa, l’America latina o il sud-est ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.