Dai cereali raffinati a quelli integrali: gli effetti sulla salute

In questo post..

Uno studio danese dimostra che consumare i cereali nella loro versione integrale riduce i marcatori dell’infiammazione e il peso, ma gli effetti su resistenza all’insulina e microrganismi intestinali sono ancora da chiarire.

Sostituire i cereali raffinati con la versione integrale aiuta a controllare il peso e a ridurre i livelli di infiammazione, diminuendo il rischio di sviluppare condizioni come la sindrome metabolica o il diabete di tipo 2. È quanto emerge da uno studio da poco pubblicato sulla rivista Gut da un gruppo di ricercatori danesi guidati da Tine Rask Licht, professore alla Technical University of Denmark. Analizzando i dati relativi a 50 persone alle quali è stato chiesto di seguire per periodi alterni diete in cui erano presenti cereali raffinati oppure integrali, i ricercatori hanno scoperto che durante i periodi nei quali veniva portata in tavola la versione integrale dei cereali si è assistito a una perdita di peso e a una riduzione dell’infiammazione.

“In particolare si sono ridotti i livelli di alcuni marcatori dell’infiammazione di basso grado come l’interleuchina 6 e la proteina C reattiva” spiegano gli autori, precisando che la riduzione dell’interleuchina-6 era proporzionale all’aumento del consumo di cereali integrali, in particolare di segale. Per quanto riguarda invece la sensibilità all’insulina o la composizione del microbiota intestinale (la popolazione di microrganismi che colonizzano l’intestino), dallo studio non sono emerse differenze legate al consumo di cereali integrali o raffinati. “Quest’ultimo risultato non era atteso dal momento che alcuni lavori avevano in precedenza suggerito un possibile effetto positivo del consumo di cereali integrali in questo senso” affermano gli esperti che poi concludono: “Forse il ridotto numero di persone coinvolte nello studio non ha permesso di far emergere anche tali benefici”.

Fonte:
Roager HM, et al. Gut (2017). doi: 10.1136/gutjnl-2017-314786

Potrebbero interessarti anche...

Nel microbiota una chiave per sconfiggere il colera
Anche se siamo solamente agli inizi della ricerca, pare che creando la giusta competizione tra batteri presenti nell’intestino e grazie a ceppi capaci di usare le stesse invisibili armi del ...
Meno sale nella dieta? Attenti al pane
In questo senso il pane è sicuramente uno dei cibi maggiormente sotto osservazione, così come i prodotti da forno. È su questi alimenti che si è concentrato una studio dell’Università ...
I grassi di latte e latticini possono far calare i rischi di malattie cardiovascolari?
Oggi uno studio pubblicato su PloS Medicine prova a dare una risposta a questa domanda, andando a valutare non tanto i consumi autoriferiti, parametro potenzialmente fallace, ma piuttosto i livelli ...
Prebiotici, arma futura per combattere il jet lag?
Per riuscire nel tempo a selezionare ceppi più favorevoli ad un ottimale controllo del “Body Clock”, in ogni modo, bisogna che questi abbiano una sana “alimentazione” mediata ovviamente ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.