Come il benessere dell’intestino influenza il benessere dell’organismo

In questo post..

Probiotici e fibre possono aiutare l’intestino a svolgere al meglio le sue funzioni.

400 metri quadrati in 7 metri di lunghezza complessivi: è questa la superficie dell’intestino, o meglio della sua mucosa. E per ogni fibra nervosa che collega il sistema nervoso al tubo digerente ce ne sono 9 che trasmettono gli impulsi al cervello. Ecco perché lo stato dell’intestino influenza notevolmente anche il benessere dell’intero organismo: una digestione laboriosa, per esempio, si accompagna a sonnolenza, mal di testa e svogliatezza; e al tempo stesso particolari situazioni emotive possono ‘far chiudere lo stomaco’, come pure innescare crampi addominali o diarrea.

La salute dell’intestino dipende da milioni di miliardi di batteri che formano quella che viene comunemente chiamata flora batterica intestinale. Questi microrganismi occupano tutta la superficie interna dell’intestino, la cui dimensione è paragonabile a un intero campo da tennis: è immediato intuire quanto possa incidere sul benessere dell’intero organismo.

La dieta per il benessere dell’intestino

Per tutelare la salute della flora batterica intestinale, e quindi dell’intero organismo, è importante apportare con la dieta il giusto mix di:

  • sostanze nutrienti;
  • vitamine;
  • oligoelementi;
  • fibre.

Abitudini alimentari scorrette, o un’alimentazione non equilibrata, possono mettere a repentaglio questo delicato sistema. Infatti, l’alimentazione influenza la composizione della flora batterica fin dalla nascita. Il primo grande cambiamento avviene con lo svezzamento; successivamente piccole variazioni dietetiche non causano particolari effetti, mentre cambiamenti rilevanti possono creare modificazioni delle popolazioni microbiche che la compongono.

In linea generale si può dire che la dieta con effetti benefici sull’intestino coincide con quella raccomandata di solito:

  • 60% di zuccheri;
  • 30% di grassi;
  • 10% di proteine.

Per mantenere in condizioni ottimali la flora batterica intestinale è fondamentale mantenere una dieta varia ed equilibrata che comprenda 5 porzioni di frutta e verdura al giorno.

Ci sono anche degli alimenti ‘benefici’ che possono aiutare l’intestino a svolgere le sue importanti funzioni: i probiotici.

dettaglio di frutta e verdura in abbondanza

I probiotici per l’intestino

  • Possono contribuire al mantenimento della flora batterica, che contrasta l’insediamento di eventuali patogeni, stimola le difese locali e coopera alla produzione di vitamine, come la B12 e la K.
  • Possono contribuire a ripristinare l’equilibrio dell’intestino qualora risultasse alterato, come si verifica ad esempio in concomitanza di infezioni o disfunzioni.
  • Cioè il tessuto che lo riveste internamente e assorbe le sostanze utili contenute negli alimenti.
  • Cioè con il passaggio da una dieta a base di solo latte a una con alimenti solidi.
  • Come il digiuno o diete non equilibrate.
  • Come suggerito dall’indagine ‘Okkio alla salute’ del Ministero della Salute.

Board
Fondazione Istituto Danone

Potrebbero interessarti anche...

Microbiota, così cambia nell’intestino tenue con l’età 
Ed è ovvio che il microbiota sia un fattore chiave in questi processi, pur se la sua composizione si modifica nel corso della vita e proprio questo è il tema che sta affrontando una grande ...
Nel microbiota una chiave per sconfiggere il colera
Anche se siamo solamente agli inizi della ricerca, pare che creando la giusta competizione tra batteri presenti nell’intestino e grazie a ceppi capaci di usare le stesse invisibili armi del ...
Meno sale nella dieta? Attenti al pane
In questo senso il pane è sicuramente uno dei cibi maggiormente sotto osservazione, così come i prodotti da forno. È su questi alimenti che si è concentrato una studio dell’Università ...
I grassi di latte e latticini possono far calare i rischi di malattie cardiovascolari?
Oggi uno studio pubblicato su PloS Medicine prova a dare una risposta a questa domanda, andando a valutare non tanto i consumi autoriferiti, parametro potenzialmente fallace, ma piuttosto i livelli ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.