Il cibo che aiuta il cervello a invecchiare bene

In questo post..

Scegliere con attenzione gli alimenti che compongono la dieta quotidiana può rappresentare una strategia vincente per prevenire e comunque rallentare i cambiamenti fisiologici ai quali il cervello va incontro con il passare degli anni.

Cambiamenti sotto controllo a tavola

Gli anni che passano si portano dietro anche una serie di cambiamenti fisiologici che riguardano sia il fisico sia la mente: si indeboliscono i muscoli, ma si perdono colpi anche per quanto riguarda la memoria, il linguaggio e le altre “funzioni cognitive”. E in una popolazione che invecchia questi problemi di declino cognitivo stanno diventando sempre più comuni, con un peso notevole sulla qualità di vita delle persone e sui costi per i sistemi sanitari, soprattutto quando i disturbi minori si trasformano nel cosiddetto decadimento cognitivo lieve o addirittura in forme di demenza.

Molti esperti puntano l’attenzione sui fattori di rischio e sui comportamenti che potrebbero aiutare a prevenire o rallentare le modifiche strutturali e funzionali del cervello che invecchia. Ancora una volta sotto i riflettori finisce il cibo, dal momento che sono numerosi gli studi che sottolineano le interazioni tra regimi alimentari o particolari alimenti con il rischio di sviluppare una malattia neurodegenerativa, come per esempio l’Alzheimer.

Non solo prevenzione con il cibo

Sono davvero numerose le sostanze contenute nel cibo che hanno dimostrato di avere un ruolo importante nella prevenzione dei disturbi cognitivi, incluse alcune forme di demenza. Tra le più note si possono citare: l’acido folico che nel caso della malattia di Alzheimer sembra inibire l’accumulo del beta-amiloide (la vitamina D che migliora la performance cognitiva), il resveratrolo contenuto anche nel vino rosso, i grassi “buoni” omega3 e molti metaboliti secondari delle piante come flavonoidi, alcaloidi e terpenoidi, importanti soprattutto per le loro proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Ma con il cibo non ci si ferma alla prevenzione.

Un articolo recentemente pubblicato su Advanced Nutrition, guarda ad alcune molecole generalmente assunte con il cibo che potrebbero trasformarsi in vere e proprie terapie di alcuni disturbi neurodegenerativi. “Le ricerche recenti hanno messo in luce alcune caratteristiche o meccanismi comuni a molte di queste patologie come per esempio lo stress ossidativo e l’infiammazione immunomediata” spiegano gli autori, ricordando che le differenze che si osservano tra i pazienti dipendono, almeno in parte, anche dall’alimentazione. Da qui l’idea di intraprendere studi mirati – ad oggi ancora in corso – per valutare alcune molecole potenzialmente utili come i polifenoli, i curcuminoidi e gli omega3.

La dieta – non il singolo alimento – può fare la differenza

Guardare al singolo alimento come arma di prevenzione potrebbe non essere la scelta migliore. “L’alimentazione umana è molto complessa ed è particolarmente difficile riuscire a separare gli effetti dei singoli alimenti consumati sulla salute” affermano gli autori di uno studio recentemente pubblicato su Alzheimer’s & Dementia, nel quale si valuta il ruolo di un particolare regime alimentare sui cambiamenti cognitivi nelle persone anziane.

frutta e verdura: carote, pomodori, peperoni, mele, limoni, uva, zucchine, broccoli

Confrontando la dieta occidentale (ricca di carne rossa, cereali raffinati, zucchero e prodotti caseari ad alto contenuto di grassi) con una dieta definita “prudente” (vicina alle diete sane raccomandate, fatta di tanta frutta, verdura, pesce, cereali integrali, legumi) gli autori sono giunti alla conclusione che seguire la dieta occidentale può aumentare i declino cognitivo, mentre seguire quella più sana lo diminuisce. Ma non basta: una dieta prudente può essere utile per tamponare i danni creati dalla dieta occidentale. Alla luce di queste osservazioni, appare chiaro che anche altri regimi alimentari, come per esempio la dieta mediterranea (molto simile a quella “prudente”) e quella asiatica (ricca di sostanze antiossidanti) possono essere considerati amiche del cervello.

Fonti:
1. Shakersain B, et al. Alzheimers Dement. 2016 Feb;12(2):100-9.
2. Mendiola-Precoma J, et al. Biomed Res Int. 2016;2016:2589276.
3. Bigford GE & Del Rossi G. Adv Nutr. 2014 Jul 14;5(4):394-403.

Potrebbero interessarti anche...

Così il microbiota ci aiuta a regolare la pressione arteriosa
Gli studi sul microbiota, tra gli argomenti maggiormente indagati nelle ricerche sulla salute umana, presentano a volte dei risvolti che permettono di trarre semplici conclusioni in grado di ...
Ipertensione, anche il microbiota conta?
Che il microbiota si stia rivelando una vera e propria fonte di informazioni per la scienza, viste le molteplici correlazioni con diversi stati fisiologici e patologici dell’organismo, è ormai ...
Microbiota e invecchiamento, una chiave per il benessere nella terza età
Un mondo in continuo mutamento Il microbiota intestinale gioca un ruolo cruciale nel mantenimento del nostro stato di salute durante l´intero arco della nostra vita. Questo non significa certo che ...
Sarcopenia, così aumenta i rischi in caso di tumore
Mantenere in forma il muscolo è importante. Sempre. E ad ogni età. anche e soprattutto quando gli anni aumentano e magari compaiono malattie. A comprovare una volta di più il ruolo della ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.