Bambini in vacanza, occhio all’alimentazione

In questo post..

Diciamolo: durante le feste di fine anno, qualche strappo alla regola della sana alimentazione è basilare per il benessere. È difficile rimanere ancorati alle buone abitudini della dieta mediterranea e si tende ad eccedere per quantità, consumando anche alimenti non proprio salutari.

Ma Natale, come Capodanno, deve durare un giorno. Quindi, anche per i bimbi, riprendere le buone abitudini è facile. Diversa è la situazione nelle vacanze estive: anche se si gioca, si corre, ci si diverte, l’inattività e il tempo libero possono anche favorire l’incremento ponderale nei bambini. A segnalarlo è un’originale ricerca condotta da un team di studiosi dell‘Università dell’Australia del Sud, pubblicata su BMC Public Health.

L’inattività favorisce l’aumento ponderale

Lo studio mette in guardia sul “rischio” vacanze. L’Indagine, infatti, prendendo spunto dai dati di una ricerca chiamata “Life on Holidays” mostra che il grasso corporeo dei bambini tende ad aumentare a un ritmo più rapido durante le vacanze scolastiche rispetto ai periodi scolastici. E addirittura i piccoli consumerebbero meno energie durante le vacanze (almeno per quelli di 9-10 anni considerati nell’indagine) rispetto a quanto avviene nel periodo della scuola. Qualche dato? Cala il tempo dedicato al sonno e quello per l’attività fisica in vacanza; invece, aumenterebbe anche di oltre un’ora al giorno il tempo trascorso davanti ad uno schermo. Risultato: l’adipe dei bambini è aumentata a un ritmo maggiore durante le vacanze e la capacità aerobica è diminuita più rapidamente rispetto ai periodi scolastici. Lo studio, a cui hanno preso parte più di 150 partecipanti per la durata di due anni, si è concentrato su bambini di età compresa tra 9 e 10 anni.

Occorre promuovere il movimento

Non solo dieta, quindi, per controllare il peso dei bimbi: il movimento è fondamentale. E colpisce che proprio durante le vacanze esista un rischio di aumento di cattive abitudini che possono influire sul peso corporeo. Il consiglio? Cogliamo l’occasione del periodo di vacanze non solo per riposare, ma anche per cambiare (in positivo) le abitudini alimentari e soprattutto sfidare la sedentarietà. Così potremo capire come migliorare la sfida al sovrappeso in età pediatrica, vero e proprio “apripista” per i dismetabolismi nei più piccoli che poi si trasformano in rischi di cronicità e più in generale di patologia nell’adolescenza e in età adulta.

I bambini che non fanno abbastanza esercizio fisico e movimento corrono un rischio maggiore di sviluppare problemi di salute, come malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2 più avanti nella vita. Quindi è importante incoraggiare i bambini a rimanere attivi e ad abbracciare un equilibrio tra tempi di inattività ed esercizio fisico. Certamente la pausa estiva, su cui si basano i dati dello studio di cui abbiamo discusso, ha una durata maggiore rispetto al periodo natalizio e dunque un impatto più significativo sulla salute: tuttavia possiamo fare tesoro delle medesime raccomandazioni anche in questo momento dell’anno. Concediamoci allora – e concediamo ai più piccoli – qualche “eccezione” nei giorni di festa ma approfittiamo anche di questi momenti per migliorare le nostre abitudini alimentari e mantenerci attivi, magari proponendo attività che coinvolgano l’intera famiglia.

Potrebbero interessarti anche...

Malattie infiammatorie intestinali: l’assunzione di più verdure e pesce fin da piccoli potrebbe ridurne il rischio
A questa grande messe di conoscenze ora si aggiunge un ulteriore studio, che va ad esplorare il potenziale impatto della dieta ad un anno di età sullo sviluppo futuro di malattie infiammatorie ...
Per un microbiota vario e sano via libera a frutta e verdura
Basti pensare che nello stomaco e nell’intestino tenue si va da 100 a 100.000 batteri per millilitro di contenuto intestinale, mentre nel colon si arriva a 100-1000 miliardi di germi per grammo. ...
Più tempo a tavola, così i bambini mangiano più vegetali
Per aiutare i genitori ora arriva una ricerca che punta a modificare le abitudini della permanenza a tavola: se si arriva intorno alla mezz’ora per consumare il pasto principale e soprattutto se ...
Latte, primo alimento in condizioni difficili: lo dice la paleoproteomica
A far luce sulla problematica arriva ora una ricerca coordinata tra gli altri da Li Tang e Nicole Boivin che, attraverso la paleoproteomica, è andata a ricostruire gli alimenti base degli abitanti ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.