Sport e fitness: fonte di benessere per grandi e piccoli

In questo post..

Praticare sport e fitness con regolarità è parte fondamentale di uno stile di vita sano, con effetti positivi sulla salute sia fisica sia psicologica delle persone, senza distinzione di sesso e di età

Il grado di efficienza fisica e, parallelamente lo stato di salute, sono strettamente correlati alla quantità e alla qualità del movimento.

Nella popolazione generale non affetta da patologie la pratica regolare dell’esercizio fisico ludico-salutistico consente di migliorare la condizione di salute con un andamento dose-risposta di tipo parabolico, ovvero all’aumentare del livello di attività fisica crescono i benefici, mentre la morbilità e la mortalità (soprattutto cardiovascolare) si riducono.

Purtroppo la diffusione sempre crescente delle macchine in tutte le attività umane, nei Paesi a forte sviluppo economico e industriale, ha comportato una progressiva riduzione delle opportunità di movimento con la conseguente perdita dell’efficienza fisica.

I rischi di uno stile di vita sedentario

È stato ampiamente dimostrato che lo stile di vita sedentario è un fattore indipendente, capace di aumentare il rischio per la salute della popolazione, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo di una condizione di sovrappeso e obesità e di molte altre malattie croniche (incluse la coronaropatia, l’ipertensione arteriosa, il diabete di tipo 2, l’osteoporosi e alcune forme di neoplasie).

La sedentarietà, e l’eccesso di peso che ne deriva, concorrono a determinare la maggior parte dei decessi; in particolare secondo il “Global health risk: mortality and burden of disease attributable to selected major risks” (2009) la sedentarietà sarebbe causa di circa il 30% delle malattie cardiache, del 27% dei casi di diabete e del 21-25% dei tumori di mammella e colon. Tale bilancio, senza un intervento mirato, è destinato ad aumentare.

L’attività fisica per mantenersi in salute

Per salvaguardare la propria salute è quindi fondamentale che lo sport o il fitness siano parte integrante dello stile di vita: una ridotta esposizione a sedentarietà ed eccesso ponderale aumenterebbe l’aspettativa di vita di circa 5 anni.

Ma l’attività fisica come può farci stare bene (o meglio)?

L’evidenza scientifica già da tempo ha dimostrato che l’attività fisica migliora una serie di parametri associati al rischio di malattie degenerative-croniche, tipo aterosclerosi, trombosi, infarto e malattia cardiaca.

Il movimento ha un effetto positivo, ad esempio, su:

  • alterazioni dell’assetto lipidico (ipertrigliceridemia, ipercolesterolemia totale e LDL, bassi valori del colesterolo-HDL);
  • insulinoresistenza;
  • iperglicemia;
  • valori elevati della pressione arteriosa sistolica e diastolica;
  • eccesso di tessuto adiposo – soprattutto viscerale;
  • alterazioni della fibrinolisi e dei livelli plasmatici di citochine aterogeniche;
  • modificazioni negative dell’emostasi e fenomeni infiammatori che sempre più spesso sono chiamati in causa nella patogenesi delle malattie cardiovascolari.

Inoltre, può essere un piacevole strumento di prevenzione e cura di alcune tra le patologie oggi più frequenti.

Il ruolo dell’attività fisica in patologia

PATOLOGIE CARDIORESPIRATORIE
Malattia coronarica  P, M, R
Insufficienza cardiaca congestizia  M
Ictus  P, M
Patologia arteriosa periferica  M, P
Ipertensione  M, P
Dislipidemie  P, M
Asma bronchiale  M
Broncopneumopatia cronica ostruttiva  M
PATOLOGIE METABOLICHE
Sovrappeso e obesità  P, M
Diabete di 1° tipo  M
Diabete di 2° tipo  P, M
Sindrome Metabolica  P, M
Litiasi  P ? (la sedentarietà aumenta il rischio)
Legenda: P = prevenzione, M = trattamento, R = riabilitazione, ? = prove insufficienti
Da Booth et al (2002) in Vuori I (2004) modificata in Spada R, Giampietro M (2005).

 

Board:
Fondazione Istituto Danone

Potrebbero interessarti anche...

Così l’inquinamento impatta negativamente sul microbiota del più piccoli
Si tratta della prima osservazione che mostra un chiaro rapporto tra inalazione di composti inquinanti ambientali e conseguente sviluppo di una popolazione batterica maggiormente associata alla ...
Quanto contano le emozioni nelle scelte alimentari dei bimbi
Lo studio, oltre a confermare come il contesto emotivo possa influenzare modelli alimentari e dieta, pone l’accento sull’importanza delle emozioni negative, che potrebbero diventare un ...
La cronobiologia del microbiota impatta sul rischio di obesità e diabete?
L’ileo rappresenta la parte finale dell’intestino tenue, prima del cieco, con cui inizia l’intestino crasso. Nell’ileo, i nutrienti vengono estratti dal cibo liquefatto; nel ...
Tumore del colon-retto, il ruolo del microbiota
È il microbiota intestinale, che potrebbe giocare un ruolo nei rapporti esistenti tra l’alimentazione e lo sviluppo delle forme tumorali. Ora si comincia a capire anche quali sarebbero gli ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.