28 Giugno 2016

Anche nei bambini obesità e ipertensione vanno a braccetto

In questo post..

L’ipertensione non è solo un problema degli adulti: anche i bambini possono andare incontro a un pericoloso aumento della pressione sanguigna quando il peso corporeo è troppo vicino ai valori che fanno parlare di obesità.

Gli studi più recenti hanno fatto notare che anche in tenera età è possibile essere ipertesi. E lo conferma anche un lavoro da poco pubblicato sulla rivista Pediatrics da Emily Parker, ricercatrice presso l’HealthPartners Institute for Education and Research di Bloomington, negli Stati Uniti, che ha analizzato i dati di oltre 100.000 bambini e ragazzi di età compresa tra 3 e 17 anni. “Lo scopo principale della ricerca era valutare le associazioni tra indice di massa corporea (calcolato utilizzando i dati di peso e altezza) e ipertensione sotto diversi punti di vista” spiega la ricercatrice che assieme ai colleghi ha preso in considerazione anche i cambiamenti nel tempo dell’indice di massa corporea e di pressione sanguigna. A conti fatti, lo studio ha dimostrato che l’associazione esiste. In particolare, nel corso dei tre anni di durata dello studio è emerso che i bambini obesi tra 3 e 11 anni aumentavano di due volte il proprio rischio di sviluppare ipertensione rispetto a quelli normopeso, mentre in caso di obesità grave il rischio aumentava anche di quattro volte. Passare da un peso nella norma all’obesità aumentava il rischio di oltre tre volte rispetto al mantenerlo su livelli di normopeso. “Per questa ragione è fondamentale mettere in atto cambiamenti nello stile di vita per prevenire e combattere l’obesità” affermano gli autori ricordando i rischi dell’ipertensione nei bambini tra i quali danni renali e maggior rischio di diabete di tipo 2. “La buona notizia è che la pressione nei bambini e nei ragazzi comincia a scendere non appena comincia a ridursi l’eccesso di peso” concludono.

 

Fonte:
Parker ED, Sinaiko AR, Kharbanda EO, et al. Change in Weight Status and Development of Hypertension. Pediatrics. 2016 Mar;137(3):1-9.

Potrebbero interessarti anche...

22 Ottobre 2020
La “memoria” ci porta a cercare il cibo
Siamo frutto delle nostre esperienze. E questo vale per noi intesi come singoli individui, ma anche per noi intesi come specie umana. L’uomo così come lo conosciamo oggi é frutto delle ...
25 Settembre 2020
Il consumo di alimenti lattiero-caseari che fa bene, anche al cuore.
Latte e derivati sempre in tavola possono ridurre il rischio di mortalità e di eventi cardiovascolari maggiori. È il risultato principale dello studio PURE (Prospective Urban Rural Epidemiology), ...
20 Settembre 2020
Un “secondo genoma” che arriva dai microrganismi
Un occhio al DNA: quanto è grande il genoma?1-3 Prima del sequenziamento del DNA grazie allo Human Genome Project, gli esperti di genetica pensavano che il genoma umano, ovvero l’intero ...
15 Settembre 2020
Studenti fuori sede, le abitudini a tavola
L’inizio del percorso universitario, il desiderio di esplorare nuove realtà didattiche, ma soprattutto la vita da soli dopo anni di permanenza a casa. Queste sono le sfide che si trovano ad ...
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.