Tutti i segreti della dieta a colori

Il gusto spesso gioca un ruolo fondamentale nella scelta dei cibi e nella determinazione delle abitudini alimentari.
Tuttavia, secondo alcune teorie, per mantenere un corretto stile di vita non bisognerebbe puntare esclusivamente sulle calorie e sui componenti nutritivi degli alimenti (glucidi, proteine e lipidi), ma anche sul loro colore.

Esiste infatti una corrente psicologica che individua nel colore del cibo una variabile che influenzerebbe le nostre scelte alimentari.

Non siamo certo nell’ambito della scienza esatta, ma nel labirinto delle curiosità: tuttavia, il rapporto colore-nutrizione ci suggerisce alcuni consigli e raccomandazioni.

Partiamo da frutta e verdura, regine incontrastate delle tavola (ogni giorno dovremmo ingerire almeno cinque porzioni di vegetali): ebbene, chi soffre di uno stato di nervosismo dovrebbe consumare insalata, cavoli, piselli, spinaci e simili, che, anche dopo la cottura, mantengono il colore originale.
Secondo la cromoterapia, infatti, il colore verde può favorire il rilassamento.
Un effetto simile può manifestarsi anche con more, mirtilli, prugne e melanzane: per chi soffre di leggera insonnia o necessita di un periodo di tranquillità, gli alimenti di colore blu possono rappresentare un rimedio naturale per favorire il riposo e la pace interiore.
Del tutto diverso è invece lo stato d’animo dei consumatori di ciliegie, carni rosse, pomodori e ravanelli. Pare infatti che il rosso, da sempre sinonimo di energia, rappresenti una sorta di “stimolante cromatico” per chi ha in programma attività più impegnative e necessita di più energie, come accade, per esempio, a chi fa frequentemente attività sportive.

Da non dimenticare, inoltre, l’influsso positivo degli alimenti di colore arancione, come meloni, nespole, albicocche e peperoni. I cibi di questo colore, sempre secondo i concetti generali della cromoterapia, favorirebbero uno stato di allegria, oltre ad essere utili per la digestione.
Leggermente diversa la situazione per le fragole, i lamponi ed anche il prosciutto cotto. Il colorito rosa, più o meno pallido, di queste prelibatezze è normalmente molto positivo per l’organismo, a patto che non si viva l’esistenza con eccessiva tensione. Tradotto in parole povere: chi è tendenzialmente ansioso, non dovrebbe esagerare con questi alimenti.

Potrebbero interessarti anche...

Bambini, più verdure nel piatto per abituarli alla sana alimentazione
“Un assaggio e poi basta”. Se per abituare i bambini a consumare regolarmente vegetali avete sempre impiegato la strategia delle piccole dosi per non avere risposte negative, è il momento di ...
Microbiota e viaggi, così nascono le resistenze batteriche
C’è un motivo in più per non stravolgere le abitudini alimentati ed offrire al corpo probiotici e prebiotici in quantità quando si viaggia verso l’Africa, l’America latina o il sud-est ...
Infiammazione postprandiale ed azione sul microbiota
Lipidi e carboidrati semplici possono impattare sullo stato infiammatorio dell’organismo, influenzando pure la composizione del microbiota. A dirlo è una ricerca pubblicata su American Journal ...
Dieta mediterranea, perché aiuta (anche) in gravidanza
Ora una ricerca pubblicata su American Journal of Clincial Nutrition svela che questo approccio dietetico sarebbe particolarmente indicato nella fase che va dal concepimento almeno fino al secondo ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.