25 Settembre 2020

Il consumo di alimenti lattiero-caseari che fa bene, anche al cuore.

In questo post..

Riduzione della mortalità e di eventi cardiovascolari maggiori. È il risultato ottenuto con il consumo di tre porzioni al giorno di latte e derivati in un nuovo studio, pubblicato su "The Lancet", condotto su oltre 130.000 persone in 5 continenti.

Latte e derivati sempre in tavola possono ridurre il rischio di mortalità e di eventi cardiovascolari maggiori. È il risultato principale dello studio PURE (Prospective Urban Rural Epidemiology), una ampia ricerca osservazionale pubblicata di recente (settembre 2018) sulla prestigiosa rivista scientifica The Lancet. Lo studio è stato condotto a livello globale: oltre 130.000 persone adulte (dai 35 ai 70 anni), in 21 Paesi di cinque continenti, sono state sottoposte a osservazione per una media di 9 anni.

Dall’analisi dei dati raccolti è emerso che, rispetto alla mancata assunzione, il consumo di circa tre porzioni al giorno di alimenti lattiero-caseari (inclusi latte, yogurt e formaggi) può ridurre la mortalità totale (3,4% vs 5,6%), quella dovuta a cause non-cardiovascolari (2,5% vs 4%), quella per cause cardiovascolari (0,9% vs 1,6%) e gli eventi cardiovascolari maggiori (3,5% vs 4,9%); ancor di più se si tratta di prodotti interi ad alto contenuto di grassi. Inoltre, si è osservato che consumare nello specifico più di 1 porzione al giorno di latte e yogurt riduce la mortalità totale e le patologie cardiovascolari considerate come unico outcome di valutazione.

Alla luce di questi risultati, gli Autori affermano che bisognerebbe quindi incoraggiare il consumo di questi prodotti, soprattutto nei Paesi meno abituati a farlo (per es., Asia, Cina, Africa), precisando comunque che le attuali linee guida, che supportano una dieta a basso contenuto di grassi, restano il riferimento cardine. È auspicabile che la ricerca in questo campo proceda.

Fonte
– Dehghan M et al. Lancet 2018. pii: S0140-6736(18)31812-9.
   doi: 10.1016/S0140-6736(18)31812-9.

– Public Release: 11-Sep-2018. The Lancet: Dairy consumption linked to lower rates
   of cardiovascular disease and mortality. The Lancet. Disponibile su:
   https://www.eurekalert.org/pub_releases/2018-09/tl-tld091018.php

Per saperne di più scarica l’articolo

Potrebbero interessarti anche...

22 Ottobre 2020
Una colazione sana e bilanciata per vivere meglio e più a lungo
“Io preferisco di gran lunga dormire mezz´ora di piú che dedicare tempo alla colazione!”. “Ma di prima mattina non ho fame.” E ancora: “Son sempre in ritardo!”… Una colazione sana e ...
9 Ottobre 2020
“Preservare muscoli ed efficienza fisica per una longevità di successo”: il nuovo ITEM
In una società in cui aumenta la speranza di vita e in cui si assiste ad un invecchiamento demografico crescente, diventa sempre più importante invecchiare in salute. Con questa consapevolezza, ...
7 Ottobre 2020
Come conservare la salute del muscolo
La collana ITEM è uno dei fiori all’occhiello della produzione scientifica della Fondazione Istituto Danone e da diversi anni propone contributi di altissimo livello su tematiche specifiche ...
29 Novembre 2019
Il tumore non si cura molto di indice e carico glicemico
Colon, mammella ed endometrio sono più a rischio1,2 Quanto contano indice e/o carico glicemico della dieta quotidiana nel determinare il rischio di sviluppare un tumore? Questi indicatori ...
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.