Anche lo stress può influire sul girovita

In questo post..

Uno studio europeo sottolinea l’associazione significativa tra alti livelli di cortisolo, il cosiddetto “ormone dello stress” e la presenza di sovrappeso e obesità sia nelle donne sia negli uomini.

Esiste un legame stretto tra lo stress e il sovrappeso/obesità, con tutte le conseguenze negative per la salute che entrambi i fattori hanno più volte dimostrato di avere. Lo conferma anche uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Obesity nel quale sono stati coinvolti oltre 2.500 uomini e donne di età uguale o superiore a 54 anni. “Per tutti i partecipanti allo studio sono stati misurati i livelli di cortisoloun ormone prodotto anche in seguito a momenti di stress – mediante un esame del capello semplice e del tutto indolore che aiuta a capire l’andamento dei livelli dell’ormone nel tempo” spiega Andrew Steptoe, coordinatore dello studio e professore di psicologia allo University College London che ricorda come grazie all’analisi di capelli lunghi circa 2 cm è possibile valutare i livelli di cortisolo relativi a un periodo di due mesi.

A conti fatti le analisi hanno dimostrato che livelli più alti di cortisolo erano correlati al peso, all’indice di massa corporea e alla circonferenza vita: più alto il cortisolo (e quindi lo stress), più alti gli altri parametri analizzati. Inoltre i livelli di cortisolo erano associati anche alla persistenza dell’obesità nel tempo, come ha dimostrato un’analisi che ha permesso di risalire nel tempo fino a 4 anni prima dello studio. “Le associazioni restano praticamente identiche nei due sessi e non variano nemmeno in base all’età” spiegano gli autori precisando però che l’analisi non è in grado di stabilire con certezza una relazione causa-effetto tra cortisolo-stress e obesità.

Fonte:
Jackson SE, Kirschbaum C, Steptoe A. Obesity (Silver Spring). 2017 Mar;25(3):539-544.

Potrebbero interessarti anche...

Così un’alimentazione “Plant Based” aiuta a ridurre la pressione
E non si tratta di un’indicazione campata in aria, ma dimostrata da ricerche scientifiche che celebrano il modello dell’alimentazione mediterranea, che ha proprio nel consumo regolare di frutta ...
Scoperti i retrovirus che “parlano” con il microbiota
A svelare questa affascinante ipotesi, che potrebbe avere ripercussioni pratiche in futuro, quando si cerca di modulare la risposta immunitaria soprattutto in caso di malattie infiammatorie o di ...
Il “peso” del microbiota nella risposta alle vaccinazioni
Per spiegare le differenze interpersonali della reazione ad uno stesso stimolo vaccinale forse occorrerebbe indagare meglio anche il microbiota intestinale. Stando a quanto riporta una ricerca ...
Microbiota e viaggi, così nascono le resistenze batteriche
C’è un motivo in più per non stravolgere le abitudini alimentati ed offrire al corpo probiotici e prebiotici in quantità quando si viaggia verso l’Africa, l’America latina o il sud-est ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.