L’obesità si legge nei geni

In questo post..

Non è sempre e solo questione di troppo cibo consumato e di scarsa attività fisica: un recente studio chiarisce il ruolo di una nuova mutazione genetica legata allo sviluppo dell’obesità.

Il rischio di andare incontro a un pericoloso aumento di peso che può arrivare anche all’obesità è il risultato dei nostri comportamenti quotidiani e del nostro stile di vita, ma è anche scritto, almeno in parte, nel DNA come dimostra un recente studio pubblicato sulla rivista Nature Genetics.

I ricercatori dell’Imperial College di Londra, coordinati da Philippe Froguel, hanno concentrato la loro attenzione sulla popolazione pakistana dove, stando ai risultati di precedenti studi, circa il 30% dei casi di obesità è spiegabile da geni oggi noti per il loro ruolo nella patologia. “Restano però molti altri casi che potrebbero dipendere da geni non ancora noti” spiegano i ricercatori, che hanno in effetti identificato un nuovo possibile protagonista della vicenda geni-obesità. Si tratta in particolare del gene dell’adenilato ciclasi 3 (ADCY3) che, quando mutato, non è in grado di produrre una proteina perfettamente funzionante.

“Questo porta ad anomalie nel controllo dell’appetito, nel diabete e anche nel senso dell’olfatto” precisa Froguel, che poi aggiunge: “Il gene potrebbe influenzare il sistema che lega l’ipotalamo (un’area del cervello) alla produzione di ormoni e questi ormoni regolano una enorme varietà di funzioni biologiche incluso l’appetito”. E non si tratta di una caratteristica presente solo nel DNA della popolazione pakistana. Analizzando database genetici interazionali i ricercatori hanno scoperto la presenza delle stesse mutazioni anche in pazienti di Olanda e Groenlandia. “Queste scoperte ci aiutano a comprendere meglio le basi di una patologia che ha assunto ormai le caratteristiche di epidemia a livello mondiale e aprono la strada a nuove potenziali terapie” concludono gli autori.

Fonte:
Saeed S, et al. Nature Genetics, 2018; doi: 10.1038/s41588-017-0023-6

Potrebbero interessarti anche...

Mangiamo più fibre, così “proteggiamo” il microbiota
Addirittura, in qualche modo, mangiare alimenti ricchi di fibre ed in particolare di cellulosa potrebbe rappresentare un sistema per riportare indietro nel tempo i batteri intestinali, a fronte ...
Dieta mediterranea, perché aumentare (anche di poco) i vegetali aiuta l’ambiente
In particolare, l’analisi, apparsa su Nature Food, prende in esame la transizione proteica, con il progressivo spostamento verso un maggior introito di proteine vegetali. E offre un punto di ...
Obesità, l’impatto dello squilibrio ponderale sulla salute del mondo
A segnalare questa situazione è un’interessante fotografia scattata dagli esperti dell’Imperial College di Londra coordinati da Majid Ezzati, pubblicata su The Lancet, che mette in luce come ...
Per un microbiota vario e sano via libera a frutta e verdura
Basti pensare che nello stomaco e nell’intestino tenue si va da 100 a 100.000 batteri per millilitro di contenuto intestinale, mentre nel colon si arriva a 100-1000 miliardi di germi per grammo. ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.