Linee strategiche e approcci per un’alimentazione sostenibile

In questo post..

L’attenzione al mondo che ci circonda è fondamentale. Le ricerche dicono che con una dieta sana e bilanciata si possono coniugare bisogni nutritivi del singolo e benessere per il pianeta. Scopri in questo articolo i consigli per un’alimentazione sostenibile.

Una dieta adeguata e bilanciata favorisce lo stato di salute del nostro organismo. In particolare nel mondo occidentale industrializzato è alta la frequenza di patologie croniche, tra cui l´obesitá o le malattie cardiovascolari, che sono altamente influenzate dalla nutrizione e dallo stile di vita.

Per aiutarci a seguire un´alimentazione sana e bilanciata, l´Italia, cosí come gli altri paesi, ha nel tempo sviluppato delle raccomandazioni nutrizionali che prendono il nome di “Dietary Reference Intake (DRIs)” e che forniscono range di riferimento per i diversi nutrienti.

Recentemente, però, all´attenzione per la nostra salute si sta anche affiancando una sempre piú crescente attenzione per la salute del nostro pianeta. Si stima che, a livello globale, i sistemi alimentari producano circa il 19-29% delle emissioni di gas serra. In Italia, solamente il settore dell´agricoltura contribuisce alle emissioni di gas serra globale per il 6.9%. Tra le modalitá piú efficaci per riuscire a ridurre le emissioni di gas serra, anche secondo gli obiettivi della Commissione Europea per il 2030, c´è proprio la possibilitá di modificare le abitudini alimentari. La produzione di diverse tipologie di alimenti, infatti, a paritá di quantitá, comporta diversi livelli di emissione di gas serra.

I consigli per un’alimentazione sostenibile

Recentemente, un gruppo di ricercatori italiani si è posto l´obiettivo di individuare consigli nutrizionali per la popolazione adulta del nostro paese, in grado di combinare le raccomandazioni dei DRI e in grado di ridurre il piú possibile le emissioni di gas serra. In altre parole: favorire contemporaneamente la salute del nostro organismo e del nostro pianeta.

Il modello proposto dai ricercatori abbassa le emissioni di gas serra del 50% e 43%, rispettivamente in donne e uomini, rispetto alle emissioni associate all´introito dietetico medio italiano. Gli autori dello studio hanno tra gli obiettivi principali anche quello di proporre un modello alimentare che sia pur sempre accattivante per noi italiani, qualcosa a cui saremmo in grado di abituarci senza stravolgere le nostre abitudini.

Ad esempio, propongono non la totale eliminazione, bensí la riduzione del consumo di carne rossa, la cui produzione è considerata ad alto impatto ambientale ed il consumo eccessivo fortemente sconsigliato. Nonostante la riduzione di carne, peró, il modello proposto permette comunque di compensare i livelli di ferro assunti con un aumento del consumo di legumi, vegetali e cereali che possono essere un´importante fonte di ferro. Spezie ed erbe sono da preferire al sale. Il tutto senza uscire dai range suggeriti dalle DRI italiane per calcio, colesterolo, zuccheri, fibre e zinco.

Attenzione al valore nutrizionale

Occorre però leggere questa strategia anche alla luce di un altro parametro che consideri anche il benessere del soggetto: il miglior equilibrio tra nutrienti ed impatto ambientale. In una dieta sostenibile entrano aspetti altrettanto fondamentali come quelli economico e sociale e soprattutto c’è la necessità di “categorizzare” per abitudini alimentari e di consumi quanto si introduce.

Quando si parla di dieta sostenibile occorre cioè considerare i consumi che fanno riferimento a porzioni e frequenze, che devono essere rispettate. Infatti sia da un punto di vista nutrizionale, sia ambientale “la partita” della corretta alimentazione si gioca sulle quantità consumate.

Prendiamo ad esempio la colazione italiana: ha un impatto ambientale molto ridotto se, nel consumo, si seguono i consigli per quantità e per frequenza. Se confrontiamo le quantità di consumo di latte e yogurt delle linee guida americane con quelle italiane, si potrà osservare che le 3 tazze americane da 240 ml ciascuna consumate giornalmente hanno un impatto ambientale molto più importante. Infatti, l’impatto ambientale della colazione tipica della Dieta Mediterranea, riferita all’emissione di CO2 equivalente, è pari a circa 0,5Kg/die mentre il consumo di una colazione di tipo continentale è 2 volte superiore ed è pari a 1,65 Kg/die di CO2 equivalente.

Potrebbero interessarti anche...

Così un’alimentazione “Plant Based” aiuta a ridurre la pressione
E non si tratta di un’indicazione campata in aria, ma dimostrata da ricerche scientifiche che celebrano il modello dell’alimentazione mediterranea, che ha proprio nel consumo regolare di frutta ...
Scoperti i retrovirus che “parlano” con il microbiota
A svelare questa affascinante ipotesi, che potrebbe avere ripercussioni pratiche in futuro, quando si cerca di modulare la risposta immunitaria soprattutto in caso di malattie infiammatorie o di ...
Il “peso” del microbiota nella risposta alle vaccinazioni
Per spiegare le differenze interpersonali della reazione ad uno stesso stimolo vaccinale forse occorrerebbe indagare meglio anche il microbiota intestinale. Stando a quanto riporta una ricerca ...
Microbiota e viaggi, così nascono le resistenze batteriche
C’è un motivo in più per non stravolgere le abitudini alimentati ed offrire al corpo probiotici e prebiotici in quantità quando si viaggia verso l’Africa, l’America latina o il sud-est ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.