L’acqua per il benessere delle persone anziane

In questo post..

Un nutriente essenziale per l’organismo, che si assume attraverso cibo e bevande

Il corpo umano è composto in media per il 60% di acqua, ma la sua percentuale diminuisce progressivamente con l’età, fino ad arrivare al 40,50% nell’anziano.

Diversamente da quanto si possa credere, il tessuto in cui l’acqua è più abbondante è il cervello (85%), seguito dal sangue (80%), dai muscoli (75%), dalla cute (70%), dal tessuto connettivo (60%) e dalle ossa (30%).

L’acqua è un nutriente essenziale per l’organismo, che va introdotto attraverso il cibo e le bevande, poiché la quantità di acqua prodotta attraverso le reazioni metaboliche non è sufficiente a coprire il fabbisogno giornaliero.

una coppia di anziani che bevono acqua

L’acqua è indispensabile perché:

  • permette il trasporto dei nutrienti;
  • regola il bilancio energetico;
  • ha potere disintossicante;
  • regola la temperatura corporea;
  • regola l’equilibrio idrico;
  • favorisce i processi digestivi;
  • è fonte di sali minerali;
  • è un diluente per i farmaci.

Un aspetto tipico della terza età è la difficoltà a mantenere un adeguato equilibrio idroelettrolitico, fondamentale per la vita. Gran parte delle persone, oltre i 64 anni, come ha evidenziato una recente ricerca Eurisko, non beve abbastanza perché non sa quanto sia importante il ricambio di questo elemento nel proprio organismo

Le principali cause di disidratazione e concentrazione di sodio nel sangue dell’anziano sono:

  • un alterato senso della sete;
  • una diminuzione della capacità di concentrazione delle urine da parte del rene;
  • una diminuita efficienza dei sistemi ormonali di controllo;
  • la diminuzione dell’acqua corporea totale.

Un modo semplice per calcolare la quantità di acqua da assumere negli anziani è quello di moltiplicare il peso corporeo per 30.

Ad esempio: una persona di 70 kg è opportuno che assuma 2,1 l di acqua (2100 ml).

Bere è una necessità per tutti, ma soprattutto per gli anziani e per i bambini, è indispensabile prestare ancora più attenzione alla modalità e alla quantità di acqua assunta.

Board: Fondazione Istituto Danone

Potrebbero interessarti anche...

Che rapporto c’è tra vitamina D, rischio di osteoporosi e microbiota?
L’osteoporosi, con le sue complicanze legate soprattutto alle fratture spontanee e all’impatto che può avere su aspettativa e qualità di vita nella terza età, rappresenta una delle ...
Così il microbiota potrebbe aiutare nella cura del cancro
Gli esperti la definiscono “quarta gamba” nelle cure antitumorali, insieme a chirurgia, chemioterapia e radioterapia È sicuramente la più moderna e affascinante strategia anti-cancro, ...
Così il microbiota influenza la salute del cuore
È davvero complesso il processo dell’aterosclerosi, che porta alla formazione di placche all’interno della parete arteriosa e quindi può condurre a deficit di sangue ed ossigeno nella zona a ...
Sarcopenia, in arrivo nuove linee guida
Al congresso della British Geriatrics Society sono state proposte le nuove linee guida per la diagnosi precoce e il trattamento della sarcopenia, frutto di un lavoro di numerosi esperti riuniti ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.