I prodotti lattiero caseari nello schema alimentare

In questo post..

Le giuste porzioni di latte e derivati per un corretto equilibrio nutrizionale

Latte e derivati: le giuste porzioni

Latte, formaggi, yogurt e altri derivati sono indispensabili per una corretta alimentazione, che – secondo le linee guida per una sana alimentazione (INRAN 2003) – deve prevedere per quanto riguarda il gruppo latticini:

  • 3 porzioni quotidiane (una porzione = 125 ml) di latte o yogurt;
  • 3 porzioni settimanali di formaggio.

Queste porzioni sono molto importanti e devono essere consumate quotidianamente perché:

  • portano alla copertura di oltre il 60% del fabbisogno di calcio di un maschio adulto o di una donna di età compresa tra i 30 e i 49 anni2;
  • coprono la metà e oltre del fabbisogno medio di riboflavina3 e di vitamina B12.

Latte e derivati: l’equilibrio nutrizionale

Per l’equilibrio nutrizionale, è molto importante che le porzioni dei diversi alimenti siano corrette; le porzioni indicate in precedenza per i prodotti lattiero caseari, qualora interi, coprono solo il 14-16% di un fabbisogno calorico giornaliero ipotetico di 2000 kcal e rappresentano una quota inferiore al 30% per quanto riguarda i grassi.

Ancora inferiore il contributo all’energia e ai grassi se si scelgono prodotti a ridotto contenuto di grasso.

Grande attenzione deve essere quindi posta sul restante 85% di energia e sull’altra metà circa di grassi saturi, limitando l’apporto di grassi che provengono da altre fonti animali.

Qualche consiglio…

Se si vuole consumare qualche porzione in più di latte o di prodotti derivati, conviene scegliere prodotti scremati o parzialmente scremati, che conservino le qualità nutrizionali tipiche del gruppo senza appesantire la dieta sia dal punto di vista dell’apporto calorico, sia da quello dell’apporto di grassi.

tabella alimentare
http://nut.entecra.it/657/Varia_spesso_le_tue_scelte_a_tavola.html

  1. Ogni porzione equivale a 100 g di formaggio fresco o 50 g di formaggio stagionato.
  2. Mentre portano alla copertura del 43% del fabbisogno di calcio nelle fasce più bisognose (ragazzi e ragazze, donne in menopausa).
  3. Vitamina B2, la cui carenza comporta un rallentamento della crescita.

Board
Fondazione Istituto Danone

Potrebbero interessarti anche...

Così lo stress influisce sulla richiesta di cibo
L’insostenibile peso dello stress Gli esperti americani, coordinati da Susan Carnell, hanno condotto una serie di analisi estremamente specifiche su una serie di soggetti (16 donne e 13 uomini), ...
Il disgusto per un cibo? Forse serve a proteggerci
E non solo quando si è bambini, con le scelte più facilmente condizionate anche a meccanismi selettivi, o magari in gravidanza, con le classiche “voglie”. Come si sviluppano questi ...
Ecco perché chi cena tardi è a maggior rischio di obesità
In particolare lo studio va a considerare tre elementi chiave nel percorso di crescita ponderale, ovvero la regolazione dell’apporto calorico, il consumo calorico e le modificazioni ...
La cronobiologia del microbiota impatta sul rischio di obesità e diabete?
L’ileo rappresenta la parte finale dell’intestino tenue, prima del cieco, con cui inizia l’intestino crasso. Nell’ileo, i nutrienti vengono estratti dal cibo liquefatto; nel ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.