I latti fermentati aiutano a ridurre il colesterolo

In questo post..

Alcuni specifici latti fermentati contengono i fitosteroli, sostanze utili contro il colesterolo ematico.
Diverse ricerche hanno dimostrato che il consumo regolare di prodotti addizionati con i fitosteroli – come certi latti fermentati - può risultare utile per ottenere una significativa riduzione dei valori di colesterolo ematico, sempre in associazione a una corretta alimentazione e a una regolare attività fisica.

Cosa sono i fitosteroli?

Sono composti lipofili della famiglia dei triterpeni che presentano proprietà ipocolesterolemizzanti; hanno una struttura chimica simile a quella del colesterolo e nei vegetali possono esistere in forma libera o coniugata. Questi lipidi di origine vegetale non possono essere sintetizzati dall’organismo umano e quindi devono essere assunti esclusivamente con l’alimentazione.

Dove si trovano?

Ne sono ricchi gli oli vegetali, la segale, la frutta a guscio e i derivati dei cereali; contenuti elevati di steroli vegetali sono presenti anche nei broccoli, nei cavolfiori, nei cavolini di Bruxelles e nelle olive.

dettaglio di frutta con il guscio: noci e mandorle

Come si assorbono?

L’assorbimento si verifica nell’intestino tenue, dove questi alimenti giungono con la dieta, e attraverso il circolo entero-epatico; vengono poi eliminati per via naturale.

Quanti assumerne?

Riduzioni significative di colesterolo sono state ottenute a dosi di 1,6 g di fitosteroli, mentre aumentando la somministrazione giornaliera a 2,4 e 3,2 g non si riscontrano ulteriori riduzioni.

Chi può assumerli?

Sono destinati esclusivamente a coloro che intendono ridurre i valori di colesterolemia, mentre non possono essere assunti da donne in gravidanza o allattamento e da bambini di età inferiore ai 5 anni.

Potrebbero interessarti anche...

Così un’alimentazione “Plant Based” aiuta a ridurre la pressione
E non si tratta di un’indicazione campata in aria, ma dimostrata da ricerche scientifiche che celebrano il modello dell’alimentazione mediterranea, che ha proprio nel consumo regolare di frutta ...
Scoperti i retrovirus che “parlano” con il microbiota
A svelare questa affascinante ipotesi, che potrebbe avere ripercussioni pratiche in futuro, quando si cerca di modulare la risposta immunitaria soprattutto in caso di malattie infiammatorie o di ...
Il “peso” del microbiota nella risposta alle vaccinazioni
Per spiegare le differenze interpersonali della reazione ad uno stesso stimolo vaccinale forse occorrerebbe indagare meglio anche il microbiota intestinale. Stando a quanto riporta una ricerca ...
Microbiota e viaggi, così nascono le resistenze batteriche
C’è un motivo in più per non stravolgere le abitudini alimentati ed offrire al corpo probiotici e prebiotici in quantità quando si viaggia verso l’Africa, l’America latina o il sud-est ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.