I latti fermentati aiutano a ridurre il colesterolo

In questo post..

Alcuni specifici latti fermentati contengono i fitosteroli, sostanze utili contro il colesterolo ematico.
Diverse ricerche hanno dimostrato che il consumo regolare di prodotti addizionati con i fitosteroli – come certi latti fermentati - può risultare utile per ottenere una significativa riduzione dei valori di colesterolo ematico, sempre in associazione a una corretta alimentazione e a una regolare attività fisica.

Cosa sono i fitosteroli?

Sono composti lipofili della famiglia dei triterpeni che presentano proprietà ipocolesterolemizzanti; hanno una struttura chimica simile a quella del colesterolo e nei vegetali possono esistere in forma libera o coniugata. Questi lipidi di origine vegetale non possono essere sintetizzati dall’organismo umano e quindi devono essere assunti esclusivamente con l’alimentazione.

Dove si trovano?

Ne sono ricchi gli oli vegetali, la segale, la frutta a guscio e i derivati dei cereali; contenuti elevati di steroli vegetali sono presenti anche nei broccoli, nei cavolfiori, nei cavolini di Bruxelles e nelle olive.

dettaglio di frutta con il guscio: noci e mandorle

Come si assorbono?

L’assorbimento si verifica nell’intestino tenue, dove questi alimenti giungono con la dieta, e attraverso il circolo entero-epatico; vengono poi eliminati per via naturale.

Quanti assumerne?

Riduzioni significative di colesterolo sono state ottenute a dosi di 1,6 g di fitosteroli, mentre aumentando la somministrazione giornaliera a 2,4 e 3,2 g non si riscontrano ulteriori riduzioni.

Chi può assumerli?

Sono destinati esclusivamente a coloro che intendono ridurre i valori di colesterolemia, mentre non possono essere assunti da donne in gravidanza o allattamento e da bambini di età inferiore ai 5 anni.

Potrebbero interessarti anche...

Così lo stress influisce sulla richiesta di cibo
L’insostenibile peso dello stress Gli esperti americani, coordinati da Susan Carnell, hanno condotto una serie di analisi estremamente specifiche su una serie di soggetti (16 donne e 13 uomini), ...
Il disgusto per un cibo? Forse serve a proteggerci
E non solo quando si è bambini, con le scelte più facilmente condizionate anche a meccanismi selettivi, o magari in gravidanza, con le classiche “voglie”. Come si sviluppano questi ...
Ecco perché chi cena tardi è a maggior rischio di obesità
In particolare lo studio va a considerare tre elementi chiave nel percorso di crescita ponderale, ovvero la regolazione dell’apporto calorico, il consumo calorico e le modificazioni ...
La cronobiologia del microbiota impatta sul rischio di obesità e diabete?
L’ileo rappresenta la parte finale dell’intestino tenue, prima del cieco, con cui inizia l’intestino crasso. Nell’ileo, i nutrienti vengono estratti dal cibo liquefatto; nel ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.