DOP, IGP, STG: 3 marchi di qualità per tutelare produttore e consumatore

In questo post..

Dal 1992 a oggi, l’UE protegge oltre 1000 denominazioni di prodotti agricoli e alimentari tradizionali

DOP, IGP, STG: di cosa si tratta? Sono 3 marchi di qualità, che l’Unione Europea applica alle denominazioni di prodotti agricoli e alimentari tradizionali per tutelare i produttori e, al contempo, per assicurare ai consumatori la qualità e il luogo di provenienza degli alimenti. Garanti dell’autenticità, queste 3 etichette vengono attribuite solo ai prodotti che rispondono a specifici requisiti.

  • La Denominazione di Origine Protetta (DOP) identifica un prodotto originario di un determinato luogo, regione o, in casi eccezionali, paese, le cui qualità o caratteristiche sono dovute essenzialmente o esclusivamente a un particolare ambiente geografico e ai fattori naturali e umani che lo caratterizzano. Le fasi di produzione, inoltre, si svolgono tutte nella zona geografica delimitata. Qualche esempio? Formaggio Asiago, Bitto, Bra, Fontina, Grana Padano, Gorgonzola; culatello di Zibello; fichi di Cosenza; pane di Altamura.
  • L’Indicazione Geografica Protetta (IGP) riconosce un alimento originario di un luogo, regione o paese specifico, alla cui origine geografica è attribuibile una determinata qualità e la cui produzione si deve svolgere per almeno una delle sue fasi nella zona geografica delimitata. Qualche esempio? Pomodoro di Pachino; prosciutto di Norcia; uva di Puglia; lardo di Colonnata; arancia rossa di Sicilia.
  • Le Specialità Tradizionali Garantite (STG) salvaguardano metodi di produzione e ricette tradizionali; la sigla è ammessa solo se uno specifico alimento è ottenuto con un metodo di produzione che corrisponde a una pratica consueta, con materie prime o ingredienti utilizzati tradizionalmente. Qualche esempio? Mozzarella e pizza Napoletana.

Potrebbero interessarti anche...

Quanto pesa il microbiota nella genesi dei calcoli ai reni
Ora però appare all’orizzonte un altro potenziale elemento in grado di interferire nello sviluppo dei calcoli. Sarebbe il microbiota. Stando ad una ricerca degli esperti del Lawson Health ...
Malattie infiammatorie intestinali: l’assunzione di più verdure e pesce fin da piccoli potrebbe ridurne il rischio
A questa grande messe di conoscenze ora si aggiunge un ulteriore studio, che va ad esplorare il potenziale impatto della dieta ad un anno di età sullo sviluppo futuro di malattie infiammatorie ...
Bambini in vacanza, occhio all’alimentazione
Ma Natale, come Capodanno, deve durare un giorno. Quindi, anche per i bimbi, riprendere le buone abitudini è facile. Diversa è la situazione nelle vacanze estive: anche se si gioca, si corre, ci ...
Binge Drinking, il segreto sta (anche) nel microbiota?
Per i giovani, in ogni caso, questa abitudine rischia di diventare una pesante minaccia per il benessere, anche per la sua diffusione. Le statistiche dicono che si tratta del  modello più comune ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.