Covid-19, la sarcopenia può avere un peso nella prognosi

In questo post..

Uno studio apparso su Advances in Nutrition dimostra che la malnutrizione, sia in eccesso con l’obesità sia in difetto con sarcopenia e cachessia, può aumentare i rischi in caso di infezione da Sars-CoV-2.

Le statistiche sono chiare. Chi è obeso e magari presenta anche alterazioni del metabolismo, come ad esempio il diabete, appare a maggior rischio di sviluppare forme severe di Covid-19.

In questo senso, ovviamente, il controllo del peso corporeo rappresenta una misura fondamentale in chiave preventiva. Ma anche uno stato di sarcopenia può rappresentare un potenziale problema in chiave di prevenzione nutrizionale delle forme severe dell’infezione da virus Sars-CoV-2. A segnalare questa possibilità è una ricerca apparsa su Advances in Nutrition, coordinata da Marilia Cerqueira Leite Seelaender, docente presso il Dipartimento di Chirurgia Clinica della Facoltà di Medicina dell’Università di San Paolo (FM-USP) in Brasile.

Cosa dice lo studio

Il gruppo di scienziati coordinati da Seelander da tempo focalizza la sua attenzione sul ruolo del tessuto adiposo nei meccanismi che possono influire sulla genesi della “tempesta citochinica”, ovvero su quell’insieme di reazioni infiammatorie che portano ad un peggioramento dell’infezione.

Ebbene, stando a quanto riporta lo studio, anche lo stato nutrizionale del soggetto può avere un peso significativo sullo sviluppo di questo quadro, vista l’attività proinfiammatoria del tessuto adiposo, specie se localizzato all’addome. Attenzione però: la ricerca dimostra che anche la perdita di massa muscolare scheletrica, ovvero la sarcopenia (per non parlare della vera e propria cachessia patologica) influisce sulla risposta del sistema immunitario e quindi sulla risposta al virus.

In questo caso, infatti, la reazione difensiva potrebbe essere non particolarmente efficace nei confronti della replicazione virale e nella sintesi di anticorpi difensivi. Il motivo? Le cellule immunitarie richiedono più energia durante un processo infettivo, specie se il processo patologico si mantiene a lungo. Se esiste sarcopenia, e quindi una sorta di malnutrizione per difetto, difficilmente il metabolismo cellulare riesce ad adattarsi alle richieste indotte dall’infezione.

In particolare, dallo studio emerge che, in corso di infezione, cala maggiormente il numero di linfociti T in una persone con malnutrizione e sarcopenia rispetto ad una persona sana. Se a questo si aggiunge anche l’atrofia degli organi deputati a produrre le cellule che si può osservare nelle persone con sarcopenia, si spiega bene come il numero di cellule circolanti cali. Sull’animale esistono già studi che dimostrano come si “prolunghi” il tempo necessario per l’eliminazione di un virus in caso di malnutrizione.

Il grasso può essere un problema quando è eccessivo o insufficiente. Quando la massa muscolare scheletrica cala, infine, si crea una sorta di “circolo vizioso”. La massa muscolare scheletrica diminuisce, il grasso viscerale aumenta e la proporzione tra massa magra e massa grassa peggiora. E la perdita di massa magra che si rileva in caso di sarcopenia può peggiorare l’esito di malattie croniche e acute nelle persone anziane, visto che si perde la potenzialità da parte del muscolo di rappresentare una sorta di “serbatoio” energetico di riserva, utilissimo in caso di infezione.

Potrebbero interessarti anche...

Così un’alimentazione “Plant Based” aiuta a ridurre la pressione
E non si tratta di un’indicazione campata in aria, ma dimostrata da ricerche scientifiche che celebrano il modello dell’alimentazione mediterranea, che ha proprio nel consumo regolare di frutta ...
Scoperti i retrovirus che “parlano” con il microbiota
A svelare questa affascinante ipotesi, che potrebbe avere ripercussioni pratiche in futuro, quando si cerca di modulare la risposta immunitaria soprattutto in caso di malattie infiammatorie o di ...
Il “peso” del microbiota nella risposta alle vaccinazioni
Per spiegare le differenze interpersonali della reazione ad uno stesso stimolo vaccinale forse occorrerebbe indagare meglio anche il microbiota intestinale. Stando a quanto riporta una ricerca ...
Microbiota e viaggi, così nascono le resistenze batteriche
C’è un motivo in più per non stravolgere le abitudini alimentati ed offrire al corpo probiotici e prebiotici in quantità quando si viaggia verso l’Africa, l’America latina o il sud-est ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.