Così un’alimentazione “Plant Based” aiuta a ridurre la pressione

In questo post..

Si dice spesso che i vegetali siano fondamentali per il mantenimento del benessere cardiovascolare e per un miglior controllo dei fattori di rischio per cuore ed arterie.

E non si tratta di un’indicazione campata in aria, ma dimostrata da ricerche scientifiche che celebrano il modello dell’alimentazione mediterranea, che ha proprio nel consumo regolare di frutta e verdura uno dei capisaldi nutrizionali.

Alle diverse analisi sul tema si aggiunge ora uno studio che, partendo dai risultati di 41 ricerche cliniche condotte su quasi 8500 persone, dimostra un effetto delle diete a base vegetale anche non particolarmente rigorose (quindi contenenti anche alimenti di origine animale) contribuiscano a mantenere sotto controllo i valori della pressione arteriosa.

L’indagine, realizzata appunto come metanalisi ovvero come rielaborazione combinata degli esiti di diversi studi, è apparsa su Journal of Hypertension ed ha come primo autore Joshua Gibbs. Lo studio pare mostrare, confrontando diversi regimi dietetici, che un’alimentazione a prevalente composizione vegetale ma non totalmente vegetariana consente di ottenere mediamente un calo sia della pressione sistolica, cioè la massima, sia della diastolica, ovvero la minima. Il tutto, va detto, a prescindere dal peso di altri parametri significativi come il peso corporeo, calcolato attraverso l’indice di massa corporea o BMI, e il sesso dei partecipanti alle ricerche.

La ricerca è solo un’ulteriore prova del valore di un’alimentazione “Plant Based”, e viene confermata da un altro studio recentemente pubblicato su Journal of American Heart Association, condotto da esperti dell’Università di Harbin. In Cina la ricerca, che ha considerato oltre 21.500 persone che hanno preso parte all’indagine Nhanes (National Health and Nutrition Examination Survey) condotta su donne e uomini di età superiore ai 30 anni seguite dal 2003 al 2014 correlando le abitudini alimentari con i decessi, dimostra che  il classico pranzo che contiene cereali raffinati, formaggio e salumi è stato associato a un aumento del 44% del rischio di morte per malattie cardiovascolari. Quando si preferiva la frutta il rischio è apparso invece ridotto del 34%. La cena a base di verdure è stata associata a una riduzione del 23% e del 31% delle malattie cardiovascolari e della mortalità per tutte le cause.

Potrebbero interessarti anche...

Così lo stress influisce sulla richiesta di cibo
L’insostenibile peso dello stress Gli esperti americani, coordinati da Susan Carnell, hanno condotto una serie di analisi estremamente specifiche su una serie di soggetti (16 donne e 13 uomini), ...
Il disgusto per un cibo? Forse serve a proteggerci
E non solo quando si è bambini, con le scelte più facilmente condizionate anche a meccanismi selettivi, o magari in gravidanza, con le classiche “voglie”. Come si sviluppano questi ...
Ecco perché chi cena tardi è a maggior rischio di obesità
In particolare lo studio va a considerare tre elementi chiave nel percorso di crescita ponderale, ovvero la regolazione dell’apporto calorico, il consumo calorico e le modificazioni ...
La cronobiologia del microbiota impatta sul rischio di obesità e diabete?
L’ileo rappresenta la parte finale dell’intestino tenue, prima del cieco, con cui inizia l’intestino crasso. Nell’ileo, i nutrienti vengono estratti dal cibo liquefatto; nel ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.