Così lo stress inganna il cervello e può obbligarci a mangiare di più

In questo post..

Lavoro. Problemi in famiglia. Ansie per la situazione economica. Tutto questo si traduce in una tensione emotiva che in qualche modo diventa una costante problematica da gestire. Ma attenzione: non dobbiamo limitarci esclusivamente all’impatto sulla psiche di questa combinazione negativa tra stress psicologico e corpo.

Purtroppo, ed è esperienza comune per chi si occupa di nutrizione, in condizioni di stress cronico si ha una ricaduta anche sulle abitudini alimentari, perché il cibo può diventare un vero e proprio meccanismo di conforto. E magari, proprio perché non siamo spinti dall’appetito ma dalla tensione nervosa, a guidarci è il “bisogno” di ingurgitare qualcosa, magari preferendo uno spuntino ipercalorico. Il problema è che questo meccanismo crea un circolo vizioso che renderebbe difficile controllare il peso. Perché l’associazione tra stress e alimentazione che punta alla ricompensa emotiva diventa un doppio fattore che guida l’aumento ponderale.

A dirlo, spiegando cosa avviene nel sistema nervoso, è una ricerca condotta dagli esperti del Garvan Institute of Medical Research di Sidney (primo autore Kenny Chi Kin Ip), pubblicata su Neuron.

Il sistema nervoso sbaglia

Stando a quanto riportano gli studiosi, lo stress combinato con il cibo “di conforto” ipercalorico porterebbe a mutamenti nel cervello, con necessità di mangiare di più. E faciliterebbe non solo un incremento della richiesta di alimenti, ma anche la scelta di cibi molto calorici, meglio se dolci, con conseguente incremento del rischio di prendere peso. Il motivo? In caso di stress tende ad alterarsi la risposta naturale del cervello alla sazietà, con conseguente comparsa di segnali di ricompensa che promuovono il consumo di cibi più appetibili. Quindi il sistema nervoso tende ad ignorare la risposta naturale che dovrebbe dare: il cervello ha meno piacere dal cibo ed ha bisogno di essere costantemente ricompensato per nutrirsi. Il che significa che stress cronico e alimentazione particolarmente ricca di calorie sarebbe quindi alla base dell’aumento di peso e dell’obesità.

L’azione dei due fattori si concentrerebbe sull’habenula laterale, che normalmente entra in gioco nella risposta di ricompensa del cervello spegnendola. Se però è presente stress cronico, la parte del cervello in questione è rimasta in silenzio. Ed è venuto a mancare il normale sistema di controllo. I segnali che guidano il bisogno di ricompensa rimangono quindi attivi. E quindi si ricerca l’alimentazione per piacere. Con evidenti ripercussioni sul benessere e sul rischio futuro dei soggetti.

Lo studio, in ultima analisi, dà ragione del ruolo dello stress come regolatore critico delle abitudini alimentari, anche oltre le classiche capacità del sistema nervoso di bilanciare i bisogni energetici. Quindi lo stress diventa un fattore che può compromettere il normale metabolismo energetico. Impattando anche sulla sana alimentazione e sul benessere, con impatto sul metabolismo e sul peso corporeo.

Potrebbero interessarti anche...

Quanto pesa il microbiota nella genesi dei calcoli ai reni
Ora però appare all’orizzonte un altro potenziale elemento in grado di interferire nello sviluppo dei calcoli. Sarebbe il microbiota. Stando ad una ricerca degli esperti del Lawson Health ...
Non esagerare con le carni rosse significa (anche) prevenire il diabete
Secondo una ricerca apparsa su American Journal of Clinical Nutrition, infatti, basterebbe superare le due porzioni di carne rossa ogni settimana per avere un rischio maggiore di sviluppare il ...
Più fibre e vegetali per la salute del microbiota in chi è in cura per tumore
Il tutto, probabilmente, passerebbe attraverso un’azione specifica sul microbiota. Per questo gli alimenti ricchi in fibre con potenzialità prebiotiche e comunque in grado di offrire nutrimento ...
Attenzione alle scelte drastiche, ecco perché una dieta equilibrata ci protegge
E ricordarcelo, facendo il punto sui problemi potenzialmente legati alle abitudini alimentari “estreme”, è uno studio molto interessante apparso su Journal of Nutrition e condotto dagli ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.