Conoscere il proprio cuore per mantenerlo sano

In questo post..

Il primo passo verso il traguardo di una buona salute cardiovascolare è senza dubbio la conoscenza di quali sono i fattori di rischio per cuore e vasi e di come intervenire per eliminarli o quantomeno ridurli.

I rischi (e la prevenzione) non hanno età

Molti adulti non pensano ai rischi cardiovascolari, ma i dati più recenti dimostrano che, seppur più frequenti tra le persone anziane, gli “incidenti” legati a problemi di cuore e vasi sono sempre più comuni anche tra i giovani. È quanto si legge sulle pagine della rivista JAMA Neurology dove sono stati recentemente pubblicati i risultati di uno studio condotto da Mary George dei Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta, negli Stati Uniti.

I ricercatori hanno scoperto che i ricoveri ospedalieri per ictus ischemico, causato cioè da una ostruzione dei vasi sanguigni che portano il sangue al cervello, è aumentato del 41,5% negli uomini di età compresa tra 35 e 44 anni nel periodo 2011-2012 rispetto al periodo 2003-2004. “In parte l’aumento dei casi potrebbe essere legato a una migliore diagnosi, ma tra i due periodi di studio abbiamo notato un significativo aumento dei fattori di rischio tipici dell’ictus” spiega l’autrice, citando poi i numeri relativi a tali fattori di rischio. Tra i due periodi si è osservato un aumento dal 4% all’11% nell’ipertensione, dal 12% al 21% nei problemi con i livelli di lipidi (grassi) nel sangue, dal 4% al 7% nel diabete, dal 5% al 16% nell’uso di tabacco e dal 4% al 9% nell’obesità. “Numeri chiari che ci fanno riflettere e sottolineano ancora una volta l’importanza della prevenzione anche nei giovani adulti” concludono i ricercatori.

Informati e consapevoli?

Nonostante numerosi studi scientifici abbiano dimostrato che nella maggior parte dei casi i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari possono essere modificati e spesso addirittura eliminati, i problemi a cuore e vasi restano oggi la prima causa di morte nel mondo. Questa situazione è, almeno in parte, il risultato di una informazione non completa o non corretta sui fattori di rischio e su come intervenire per modificarli, secondo quanto emerso da un sondaggio recentemente condotto dagli esperti statunitensi della Cleveland Clinic “In molti conoscono i numeri legati alle questioni economiche quotidiane, come per esempio la cifra presente sul conto bancario, ma non tutti sanno quali sono i numeri della salute” spiega Steve Nissen, direttore della Medicina Cardiovascolare alla Cleveland Clinic, ricordando che basta una conoscenza di base di questi ‘numeri della salute’ per mantenere sani cuore e vasi ed evitare problemi futuri.

cuore con uno stetoscopio

Dal sondaggio è emerso che il 68% degli statunitensi è preoccupato di morire per cause cardiovascolari, ma solo il 18% conosce il proprio indice di massa corporea e il 38% è a conoscenza dei propri valori di pressione. Come se non bastasse, dal sondaggio si nota come solo in pochi siano consapevoli dello stretto legame tra diabete e malattie cardiovascolari o dell’importanza del colesterolo LDL (quello “cattivo”) o del grasso addominale e della circonferenza vita tra i fattori di rischio per cuore e vasi.

I numeri del cuore

Quali sono dunque i numeri da conoscere quando si parla della salute cardiovascolare? Gli esperti del Progetto Cuore, che dal 1998 sono in prima linea per monitorare il benessere del cuore degli Italiani e aggiornare medici e cittadini sull’argomento, ne elencano alcuni tra i più importanti e sui quali si può agire modificando lo stile di vita sempre dopo aver consultato il medico. Ecco le definizioni delle condizioni di rischio e degli stili di vita pericolosi.

  • Ipertensione: pressione arteriosa sistolica ≥140 o diastolica ≥90 mmHg o trattamento specifico
  • Ipercolesterolemia: colesterolemia ≥240 mg/dl o trattamento specifico
  • Colesterolemia HDL bassa: ≤40 mg/dl negli uomini e ≤50 mg/dl nelle donne
  • Colesterolemia LDL elevata: ≥115mg/dl
  • Ipertrigliceridemia: trigliceridemia ≥150 mg/dl
  • Iperglicemia: glicemia a digiuno compresa tra 110 e 125 mg/dl
  • Diabete: glicemia a digiuno ≥126 mg/dl o trattamento specifico
  • Sindrome metabolica
  • Abitudine al fumo
  • Sovrappeso-obesità: indice di massa corporea 25-29,9 Kg/m² e ≥30 Kg/m², rispettivamente
  • Adiposità addominale: circonferenza vita ≥102 cm negli uomini e ≥88 cm nelle donne oppure rapporto vita/fianchi ≥0,95 negli uomini e ≥0,85 nelle donne
  • Sedentarietà

 

Fonti:

  1. George MG, et al. JAMA Neurol. 2017 Apr 10. doi: 10.1001/jamaneurol.2017.0020.
  2. Cleveland Clinic – Cleveland Clinic Heart Health Survey.
  3. Cleveland Clinic – When It Comes to Heart Health, Americans Don’t Know Their Numbers.
  4. Progetto Cuore – http://www.cuore.iss.it/fattori/popolazione.asp

Potrebbero interessarti anche...

Mangiamo più fibre, così “proteggiamo” il microbiota
Addirittura, in qualche modo, mangiare alimenti ricchi di fibre ed in particolare di cellulosa potrebbe rappresentare un sistema per riportare indietro nel tempo i batteri intestinali, a fronte ...
Dieta mediterranea, perché aumentare (anche di poco) i vegetali aiuta l’ambiente
In particolare, l’analisi, apparsa su Nature Food, prende in esame la transizione proteica, con il progressivo spostamento verso un maggior introito di proteine vegetali. E offre un punto di ...
Obesità, l’impatto dello squilibrio ponderale sulla salute del mondo
A segnalare questa situazione è un’interessante fotografia scattata dagli esperti dell’Imperial College di Londra coordinati da Majid Ezzati, pubblicata su The Lancet, che mette in luce come ...
Quanto pesa il microbiota nella genesi dei calcoli ai reni
Ora però appare all’orizzonte un altro potenziale elemento in grado di interferire nello sviluppo dei calcoli. Sarebbe il microbiota. Stando ad una ricerca degli esperti del Lawson Health ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.