Conoscere il proprio cuore per mantenerlo sano

In questo post..

Il primo passo verso il traguardo di una buona salute cardiovascolare è senza dubbio la conoscenza di quali sono i fattori di rischio per cuore e vasi e di come intervenire per eliminarli o quantomeno ridurli.

I rischi (e la prevenzione) non hanno età

Molti adulti non pensano ai rischi cardiovascolari, ma i dati più recenti dimostrano che, seppur più frequenti tra le persone anziane, gli “incidenti” legati a problemi di cuore e vasi sono sempre più comuni anche tra i giovani. È quanto si legge sulle pagine della rivista JAMA Neurology dove sono stati recentemente pubblicati i risultati di uno studio condotto da Mary George dei Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta, negli Stati Uniti.

I ricercatori hanno scoperto che i ricoveri ospedalieri per ictus ischemico, causato cioè da una ostruzione dei vasi sanguigni che portano il sangue al cervello, è aumentato del 41,5% negli uomini di età compresa tra 35 e 44 anni nel periodo 2011-2012 rispetto al periodo 2003-2004. “In parte l’aumento dei casi potrebbe essere legato a una migliore diagnosi, ma tra i due periodi di studio abbiamo notato un significativo aumento dei fattori di rischio tipici dell’ictus” spiega l’autrice, citando poi i numeri relativi a tali fattori di rischio. Tra i due periodi si è osservato un aumento dal 4% all’11% nell’ipertensione, dal 12% al 21% nei problemi con i livelli di lipidi (grassi) nel sangue, dal 4% al 7% nel diabete, dal 5% al 16% nell’uso di tabacco e dal 4% al 9% nell’obesità. “Numeri chiari che ci fanno riflettere e sottolineano ancora una volta l’importanza della prevenzione anche nei giovani adulti” concludono i ricercatori.

Informati e consapevoli?

Nonostante numerosi studi scientifici abbiano dimostrato che nella maggior parte dei casi i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari possono essere modificati e spesso addirittura eliminati, i problemi a cuore e vasi restano oggi la prima causa di morte nel mondo. Questa situazione è, almeno in parte, il risultato di una informazione non completa o non corretta sui fattori di rischio e su come intervenire per modificarli, secondo quanto emerso da un sondaggio recentemente condotto dagli esperti statunitensi della Cleveland Clinic “In molti conoscono i numeri legati alle questioni economiche quotidiane, come per esempio la cifra presente sul conto bancario, ma non tutti sanno quali sono i numeri della salute” spiega Steve Nissen, direttore della Medicina Cardiovascolare alla Cleveland Clinic, ricordando che basta una conoscenza di base di questi ‘numeri della salute’ per mantenere sani cuore e vasi ed evitare problemi futuri.

cuore con uno stetoscopio

Dal sondaggio è emerso che il 68% degli statunitensi è preoccupato di morire per cause cardiovascolari, ma solo il 18% conosce il proprio indice di massa corporea e il 38% è a conoscenza dei propri valori di pressione. Come se non bastasse, dal sondaggio si nota come solo in pochi siano consapevoli dello stretto legame tra diabete e malattie cardiovascolari o dell’importanza del colesterolo LDL (quello “cattivo”) o del grasso addominale e della circonferenza vita tra i fattori di rischio per cuore e vasi.

I numeri del cuore

Quali sono dunque i numeri da conoscere quando si parla della salute cardiovascolare? Gli esperti del Progetto Cuore, che dal 1998 sono in prima linea per monitorare il benessere del cuore degli Italiani e aggiornare medici e cittadini sull’argomento, ne elencano alcuni tra i più importanti e sui quali si può agire modificando lo stile di vita sempre dopo aver consultato il medico. Ecco le definizioni delle condizioni di rischio e degli stili di vita pericolosi.

  • Ipertensione: pressione arteriosa sistolica ≥140 o diastolica ≥90 mmHg o trattamento specifico
  • Ipercolesterolemia: colesterolemia ≥240 mg/dl o trattamento specifico
  • Colesterolemia HDL bassa: ≤40 mg/dl negli uomini e ≤50 mg/dl nelle donne
  • Colesterolemia LDL elevata: ≥115mg/dl
  • Ipertrigliceridemia: trigliceridemia ≥150 mg/dl
  • Iperglicemia: glicemia a digiuno compresa tra 110 e 125 mg/dl
  • Diabete: glicemia a digiuno ≥126 mg/dl o trattamento specifico
  • Sindrome metabolica
  • Abitudine al fumo
  • Sovrappeso-obesità: indice di massa corporea 25-29,9 Kg/m² e ≥30 Kg/m², rispettivamente
  • Adiposità addominale: circonferenza vita ≥102 cm negli uomini e ≥88 cm nelle donne oppure rapporto vita/fianchi ≥0,95 negli uomini e ≥0,85 nelle donne
  • Sedentarietà

 

Fonti:

  1. George MG, et al. JAMA Neurol. 2017 Apr 10. doi: 10.1001/jamaneurol.2017.0020.
  2. Cleveland Clinic – Cleveland Clinic Heart Health Survey.
  3. Cleveland Clinic – When It Comes to Heart Health, Americans Don’t Know Their Numbers.
  4. Progetto Cuore – http://www.cuore.iss.it/fattori/popolazione.asp

Potrebbero interessarti anche...

Così un’alimentazione “Plant Based” aiuta a ridurre la pressione
E non si tratta di un’indicazione campata in aria, ma dimostrata da ricerche scientifiche che celebrano il modello dell’alimentazione mediterranea, che ha proprio nel consumo regolare di frutta ...
Scoperti i retrovirus che “parlano” con il microbiota
A svelare questa affascinante ipotesi, che potrebbe avere ripercussioni pratiche in futuro, quando si cerca di modulare la risposta immunitaria soprattutto in caso di malattie infiammatorie o di ...
Il “peso” del microbiota nella risposta alle vaccinazioni
Per spiegare le differenze interpersonali della reazione ad uno stesso stimolo vaccinale forse occorrerebbe indagare meglio anche il microbiota intestinale. Stando a quanto riporta una ricerca ...
Microbiota e viaggi, così nascono le resistenze batteriche
C’è un motivo in più per non stravolgere le abitudini alimentati ed offrire al corpo probiotici e prebiotici in quantità quando si viaggia verso l’Africa, l’America latina o il sud-est ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.