Come conservare i latticini: consigli per l’uso

In questo post..

Latte, yogurt, formaggi freschi e stagionati: diversi prodotti, diverse modalità di conservazione

Latte, formaggi e yogurt sono prodotti da conservare in frigo, con modalità leggermente differenti tra loro.

Come conservare latte e yogurt

Latte fresco, yogurt e latti fermentati richiedono di essere conservati in frigo a 4 °C.

È importante leggere sempre bene e con attenzione le indicazioni riportate sulle confezioni.

  • Il latte a lunga conservazione si mantiene fino alla data di scadenza in un luogo fresco e asciutto, lontano da luce e fonti di calore, ma una volta aperto deve essere tenuto in frigo.
  • Il latte fresco deve essere consumato entro 2-3 giorni dall’apertura della confezione, rispettando comunque la data di scadenza.
  • Lo yogurt, se ben conservato, si può consumare anche qualche giorno dopo la scadenza. Non ci sono rischi, ma non sono garantiti i benefici per la salute.

Come conservare i formaggi freschi

I formaggi freschi (come la ricotta, la crescenza, il primo sale) vanno conservati in frigo – come il latte e lo yogurt – a 4 °C: una volta aperti, è meglio avvolgerli con della pellicola trasparente da cucina e tenerli chiusi all’interno della tipica scatola dei formaggi.

Come conservare i formaggi stagionati

I formaggi stagionati (grana, pecorino, parmigiano) preferiscono temperature fresche ma non fredde (ad esempio, quella della cantina), quindi vanno posti nella parte meno fredda del frigo, avvolti in un canovaccio pulito o nella carta usata dal rivenditore perché – se chiusi in una scatola – ammuffiscono più facilmente.

Potrebbero interessarti anche...

Meno sale nella dieta? Attenti al pane
In questo senso il pane è sicuramente uno dei cibi maggiormente sotto osservazione, così come i prodotti da forno. È su questi alimenti che si è concentrato una studio dell’Università ...
I grassi di latte e latticini possono far calare i rischi di malattie cardiovascolari?
Oggi uno studio pubblicato su PloS Medicine prova a dare una risposta a questa domanda, andando a valutare non tanto i consumi autoriferiti, parametro potenzialmente fallace, ma piuttosto i livelli ...
Parodontite: conta il Dna ma è importante il microbiota
Genetica e microbiota La ricerca, pubblicata su International Journal of Environment and Public Health Research e coordinata da Naoki Toyama dell’Università di Okayama, parte da un punto di ...
Così il microbiota ci aiuta a regolare la pressione arteriosa
Gli studi sul microbiota, tra gli argomenti maggiormente indagati nelle ricerche sulla salute umana, presentano a volte dei risvolti che permettono di trarre semplici conclusioni in grado di ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.