Arfid, non bisogna “forzare” chi non vuole alcuni cibi

In questo post..

Genitori, se il bimbo “evita” alcuni alimenti, sceglie i piatti in base ai loro colori o alla consistenza dei cibi, non forzatelo. Occorre attenzione nell’affrontare il quadro di Arfid (sigla che sta per disturbo da assunzione di cibo evitante/restrittiva), che va contrastato insieme al pediatra. E soprattutto non bisogna credere che l’obbligo ad introdurre alcuni alimenti possa essere d’aiuto.

Semmai, è vero il contrario, almeno stando a quanto riportano i risultati di una ricerca degli esperti dell’Università Duke, pubblicata su International Journal of Eating Disorder. L’indagine ha preso in esame quasi 20.000 adulti che avevano sofferto del quadro (in qualche caso ancora presente), dimostrando che in circa quattro casi su dieci viene rilevata l’importanza di una condizione di famiglia positiva sul fronte psicologico: questo atteggiamento significa avere flessibilità in termini di proposte alimentari, di sicurezza degli alimenti, di partecipazione del piccolo alla presentazione del pasto. Più in generale le strategie positive e incoraggianti sono state percepite come utili per migliorare l’atteggiamento nei confronti del cibo e ridurre al minimo il disagio sociale nell’alimentazione. Gli studiosi segnalano come per alcuni partecipanti all’indagine si sia registrata una vera e propria avversione nei confronti di alcuni alimenti, visto che anche da adulti si è mantenuta la sensazione di essere “costretti” a nutrirsi con un determinato alimento.

Quando sospettare l’Arfid

In termini generali, il bambino con Arfid presenta alcune caratteristiche che vanno considerate. A volte il suo palato sembra richiedere solamente alimenti molto morbidi, come il budino, lo yogurt o il purè. O magari rivolge le sue preferenze soltanto ad alimenti croccanti. C’è poi un altro aspetto da considerare: bisogna prestare attenzione anche se le sue scelte alimentari vengono guidate dal colore. A volte può scegliere tonalità chiare, come quelle della pasta con burro e formaggio o la classica carne bianca o il pesce. In altri casi punta invece decisamente sul rosso, sembrando magari goloso di pasta al pomodoro, fragole o simili. Di fronte a scelte alimentari apparentemente inspiegabili, non c’è solo un vezzo. All’origine della situazione può essere una sorta di “alimentazione selettiva” che deve essere presa in considerazione ed affrontata, insieme al pediatra.

In sintesi: ricordate di parlare sempre con il pediatra se il bambino tende ad evitare recisamente alcuni alimenti, senza un motivo inspiegabile, nutrendosi sempre con gli stessi cibi. Il problema colpisce soprattutto i maschi, sei bimbi su dieci che ne soffrono sono di sesso maschile, e la sua insorgenza si concentra dall’età prescolare fino al termine delle scuole medie.

Il disturbo evitante-restrittivo dell’assunzione di cibo (Avoidant/restrictive food intake disorder, ARFID) è una nuova categoria diagnostica, da applicare nei casi in cui un’alimentazione insufficiente non si  accompagna alla paura d’ingrassare né a un’importanza eccessiva attribuita al peso e alle forme del corpo e, per questo motivo,  si distingue dall’anoressia nervosa.  Può manifestarsi sia in età pediatrica che adulta, con una prevalenza variabile dal 5 al 22%, e nonostante la mancanza di un evidente disturbo del rapporto con il proprio corpo, può comportare danni fisici, anche molto gravi, sofferenze psichiche, difficoltà nei rapporti sociali, affettivi, lavorativi.

È pertanto importante non sottovalutare questo disturbo della nutrizione e alimentazione, intercettando il bambino già dalle prime manifestazioni di selettività/restrizione alimentare, perché il disturbo potrebbe, se trascurato, strutturarsi nel tempo ed evolvere verso un quadro di anoressia nervosa, con l’evidenza del nucleo psicopatologico che predispone alla dispercezione corporea ed alla ossessione sul controllo del proprio corpo e della propria immagine che induce alla limitazione ossessiva dell’assunzione di cibo.

Commento del dr. Giacomo Biasucci, pediatra, Membro del Board Scientifico di Fondazione Istituto Danone.

Potrebbero interessarti anche...

Yogurt, la scienza spiega perché fa bene alla salute nell’età della crescita e non solo
L’analisi della ricchissima letteratura sul tema consente di fare il punto sul valore di questo alimento nell’età pediatrica. Ne emerge un quadro che esplora gli effetti positivi del consumo ...
Quanto pesa il microbiota del latte materno sul benessere del bimbo
Una risposta arriva da una ricerca italiana, condotta da esperti dell’Università di Milano e della Fondazione Irccs Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, apparsa su European Journal of ...
Bambini, più verdure nel piatto per abituarli alla sana alimentazione
“Un assaggio e poi basta”. Se per abituare i bambini a consumare regolarmente vegetali avete sempre impiegato la strategia delle piccole dosi per non avere risposte negative, è il momento di ...
Il microbiota nel bebè “disegna” il rischio obesità futura?
È un grande problema di salute pubblica, l’obesità infantile. Come una marea montante, rischia di creare le condizioni per una vera e propria epidemia non infettiva nei decenni a venire, con ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.