Acque da bere: la classificazione è importante

In questo post..

Minerale naturale, oligominerale o ricca di sali? Per scegliere con consapevolezza la fonte più adatta alle proprie esigenze bisogna innanzitutto capire cosa significano alcuni dei termini usati per classificare le acque.

La prima precisazione da fare quando si parla di acqua riguarda il significato della dicitura “acqua minerale naturale”. Come si legge in un documento del Ministero delle Attività produttive, vengono definite così “le acque che, avendo origine da una falda o giacimento sotterraneo, provengono da una o più sorgenti naturali o perforate e che hanno caratteristiche igieniche particolari e, eventualmente, proprietà favorevoli alla salute”.

Nello stesso documento si legge che le acque minerali naturali si differenziano dalle acque potabili ordinarie per la presenza in minerali, oligoelementi e/o altri costituenti e soprattutto per la loro purezza originaria che deve essere conservata tenendole al riparo da ogni rischio di inquinamento.
Non sempre però l’acqua che si ritrova in bottiglia è esattamente la stessa che sgorga dalla sorgente. Non bisogna dimenticare che su queste acque possono essere effettuate alcune operazioni consentite dalla legge, come per esempio aggiungere anidride carbonica oppure la sua totale o parziale eliminazione, eliminare elementi indesiderati (zolfo, ferro, eccetera) mediante procedure ben specificate, e infine le operazioni per la raccolta e l’utilizzo dell’acqua (captazione, canalizzazione, approvvigionamento in vasche o serbatoi).

Per classificare le acque si possono utilizzare diversi parametri, ma i più comuni sono senza dubbio la quantità totale di sali minerali contenuti (il residuo fisso, descritto nella rubrica “In etichetta”) e il tipo, che conferiscono all’acqua caratteristiche particolari e, a volte, effetti importanti sulla salute.

Classificazione in base alla quantità totale di sali presenti

Denominazione – Residuo fisso
Minimamente mineralizzata – Non superiore a 50 mg/l
Oligominerale (o “leggermente mineralizzata”) – Non superiore a 500 mg/l
Medio-minerale (o semplicemente “minerale”) – 500-1.500 mg/l
Ricca di sali minerali – Superiore a 1.500 mg/l

Classificazione in base al tipo di sali presenti

Denominazione – Sale minerale – Tenore del sale minerale
Contenente bicarbonato – Bicarbonato – >600 mg/l
Solfata – Solfati – >200 mg/l
Clorulata – Cloruri – >200 mg/l
Calcica – Calcio – >150 mg/l
Magnesiaca – Magnesio – >50 mg/l
Fluorata (o “contenente fluoro”) – Fluoro – >1 mg/l
Ferruginosa (o “contenente ferro”) – Ferro bivalente – >1 mg/l
Acidula – Anidride carbonica libera – >250 mg/l
Sodica – Sodio – >200 mg/l
A basso contenuto di sodio – Sodio – <20 mg/l

Fonti:
1. Ministero delle attività produttive – Etichettatura acque minerali naturali.
2. Ministero delle attività produttive – L’etichetta dell’acqua minerale naturale.

Potrebbero interessarti anche...

Bambini, più verdure nel piatto per abituarli alla sana alimentazione
“Un assaggio e poi basta”. Se per abituare i bambini a consumare regolarmente vegetali avete sempre impiegato la strategia delle piccole dosi per non avere risposte negative, è il momento di ...
Microbiota e viaggi, così nascono le resistenze batteriche
C’è un motivo in più per non stravolgere le abitudini alimentati ed offrire al corpo probiotici e prebiotici in quantità quando si viaggia verso l’Africa, l’America latina o il sud-est ...
Infiammazione postprandiale ed azione sul microbiota
Lipidi e carboidrati semplici possono impattare sullo stato infiammatorio dell’organismo, influenzando pure la composizione del microbiota. A dirlo è una ricerca pubblicata su American Journal ...
Dieta mediterranea, perché aiuta (anche) in gravidanza
Ora una ricerca pubblicata su American Journal of Clincial Nutrition svela che questo approccio dietetico sarebbe particolarmente indicato nella fase che va dal concepimento almeno fino al secondo ...

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter.
Ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo dell’alimentazione e della salute.

Iscriviti alla newsletter
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.