Tumore del colon-retto, il ruolo del microbiota

In questo post..

Si sa da tempo che un’alimentazione ricca in fibre rappresenta un fattore protettivo per l’insorgenza del tumore del colon-retto. E, d’altro canto, è noto che la classica dieta occidentale, con elevati quantitativi di carni lavorate, zuccheri semplici e cereali e carboidrati raffinati, viene associata ad un incremento del rischio per questa forma di tumore. In questa dinamica, però c’è un elemento che va considerato.

È il microbiota intestinale, che potrebbe giocare un ruolo nei rapporti esistenti tra l’alimentazione e lo sviluppo delle forme tumorali. Ora si comincia a capire anche quali sarebbero gli elementi da tenere sotto osservazione in questo senso: si tratta di specifici batteri in grado di esprimere un gene che codifica per un enzima in grado di favorire le mutazioni nelle cellule umane. Il dato emerge da una ricerca condotta da studiosi del Brigham and Women’s Hospital di Boston, pubblicata su Gastroenterology.

Fari puntati su Pks

Polichetide sintasi o Pks. Questo il nome di un particolare segmento genetico che codifica per l’enzima il quale, a sua volta, favorirebbe la trasformazione del Dna cellulare in senso negativo. Per giungere a questa conclusione gli studiosi hanno preso in esame i dati relativi ad oltre 130.000 persone, andando a concentrare l’attenzione sui rapporti tra abitudini alimentari e Dna dei ceppi di Escherichia coli identificati nel microbiota di pazienti con tumore del colon-retto.

In particolare, gli esperti hanno voluto vedere i ceppi batterici che in qualche modo sono portatori della caratteristica genetica Pks. Ed hanno visto che il modello dietetico occidentale è risultata associato, in ambito batterico, a tumori del colon-retto contenenti Escherichia coli positivi in quantità elevata per Pks. In caso di ridotta o assente presenza di Pks nei ceppi di Escherichia coli, invece, non c’era associazione con questo modello alimentare.

Secondo quanto riportano gli studiosi, questa osservazione sostiene l’ipotesi che le diete ricche di proteine animali, di cibi iperlavorati, di cereali raffinati e zuccheri semplici possano incrementare i rischi di sviluppare neoplasie intestinali anche attraverso questo meccanismo, mediato per l’appunto dal microbiota. Restano ovviamente da capire diversi aspetti, ma il passo avanti che questo studio comporta è sicuramente significativo ed esplica una volta di più l’importanza del microbiota per la nostra salute.

Potrebbero interessarti anche...

Mangiamo più fibre, così “proteggiamo” il microbiota
Addirittura, in qualche modo, mangiare alimenti ricchi di fibre ed in particolare di cellulosa potrebbe rappresentare un sistema per riportare indietro nel tempo i batteri intestinali, a fronte ...
Dieta mediterranea, perché aumentare (anche di poco) i vegetali aiuta l’ambiente
In particolare, l’analisi, apparsa su Nature Food, prende in esame la transizione proteica, con il progressivo spostamento verso un maggior introito di proteine vegetali. E offre un punto di ...
Obesità, l’impatto dello squilibrio ponderale sulla salute del mondo
A segnalare questa situazione è un’interessante fotografia scattata dagli esperti dell’Imperial College di Londra coordinati da Majid Ezzati, pubblicata su The Lancet, che mette in luce come ...
Quanto pesa il microbiota nella genesi dei calcoli ai reni
Ora però appare all’orizzonte un altro potenziale elemento in grado di interferire nello sviluppo dei calcoli. Sarebbe il microbiota. Stando ad una ricerca degli esperti del Lawson Health ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.