Perché l’esercizio fisico riduce il bisogno di cibo da parte del cervello

In questo post..

È un’esperienza comune. Dopo uno sforzo fisico intenso, come una corsa, una seduta di palestra o una serie di nuotate in piscina o al mare, non abbiamo voglia di mangiare. Accade qualcosa che in qualche modo ci porta a non avere desiderio di nutrirci. E probabilmente il sistema nervoso, con il ruolo di integrazione di tutti gli stimoli che giungono all’organismo, gioca un ruolo importante nel determinare questa reazione.

A provare il ruolo del cervello e della sua reattività ai segnali che giungono dal cibo è uno studio apparso su Human Brain Mapping. L’indagine rivela che l’esercizio aumenta la reattività ai segnali alimentari in parti del cervello associate all’attenzione, all’anticipazione della ricompensa e alla memoria episodica ed è stata condotta da studiosi delle università Loughborough, di Bristol, dell’Università di Nottingham e dell’Università di Leicester e dell’Università Waseda in Giappone.

Lo sforzo fisico influisce sull’alimentazione

È nozione ampiamente nota che quanto decidiamo di introdurre con il cibo viene influenzato dai sistemi del cervello che registrano ovviamente i mutamenti nell’organismo e nella disponibilità alimentare. Ma fino a questa ricerca non era particolarmente semplice comprendere cosa accadeva dopo l’esercizio fisico intenso quando occorra valutare il modo in cui reagiamo (sia fisicamente che psicologicamente) alla vista o all’odore del cibo, per esempio. La reattività ai segnali alimentari può avere un impatto sul nostro appetito e su quanto alla fine mangiamo.

La ricerca ha puntato ad esplorare come i cambiamenti del flusso sanguigno indotti dall’esercizio nel cervello, valutati attraverso la Risonanza Magnetica Funzionale (fMRI), possono influenzare il modo in cui le persone reagiscono al cibo. Nello studio sono stati inseriti 23 maschi adulti sottoposti a scansioni fMRI prima e dopo 60 minuti di corsa o riposo. Durante la scansione, è stato chiesto loro di guardare tre tipi di immagini che vanno da cibi densi a bassa energia come frutta e verdura a cibi densi ad alta energia come il cioccolato, oltre a oggetti non alimentari. Si è evidenziato che l’esercizio ha soppresso il modo in cui i partecipanti hanno affermato di sentirsi affamati, ma ha aumentato la reattività di più parti del loro cervello ai segnali alimentari.

Questi risultati, a detta degli esperti, offrono la conferma che le persone si sentono meno affamate durante e immediatamente dopo una sessione di allenamento. Ma soprattutto forniscono alcune informazioni sull’influenza a breve termine dell’esercizio sulle risposte dell’appetito cerebrale. Il ruolo dell’esercizio nel modificare l’appetito e favorire il controllo del peso è importante lo studio lo fa rilevare: il modo in cui il nostro cervello risponde ai segnali alimentari può essere alterato dall’esercizio. Lo studio spiega una volta di più una realtà di fatto: continuando ad associare alimentazione intelligente ed esercizio, il controllo del peso diventa più semplice. E si rimane più facilmente in salute.

Potrebbero interessarti anche...

Obesità, l’impatto dello squilibrio ponderale sulla salute del mondo
A segnalare questa situazione è un’interessante fotografia scattata dagli esperti dell’Imperial College di Londra coordinati da Majid Ezzati, pubblicata su The Lancet, che mette in luce come ...
Quanto pesa il microbiota nella genesi dei calcoli ai reni
Ora però appare all’orizzonte un altro potenziale elemento in grado di interferire nello sviluppo dei calcoli. Sarebbe il microbiota. Stando ad una ricerca degli esperti del Lawson Health ...
Non esagerare con le carni rosse significa (anche) prevenire il diabete
Secondo una ricerca apparsa su American Journal of Clinical Nutrition, infatti, basterebbe superare le due porzioni di carne rossa ogni settimana per avere un rischio maggiore di sviluppare il ...
Più fibre e vegetali per la salute del microbiota in chi è in cura per tumore
Il tutto, probabilmente, passerebbe attraverso un’azione specifica sul microbiota. Per questo gli alimenti ricchi in fibre con potenzialità prebiotiche e comunque in grado di offrire nutrimento ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.