Lotta all’obesità: non nascondiamoci dietro un gene!

In questo post..

Una recente ricerca dimostra che regimi alimentari sani che puntano a contenere l’aumento di peso funzionano meglio proprio nelle persone geneticamente più a rischio di sviluppare obesità.

Una recente ricerca dimostra che regimi alimentari sani che puntano a contenere l’aumento di peso funzionano meglio proprio nelle persone geneticamente più a rischio di sviluppare obesità.

Che senso ha seguire una dieta sana per mantenere il peso entro limiti accettabili per la salute quando la genetica “rema contro”? Stando ai risultati di uno studio recentemente pubblicato sulla rivista British Medical Journal, il senso c’è e gli sforzi verso un’alimentazione salutare potrebbero dare maggiori soddisfazioni proprio a chi è a rischio dal punto di vista genetico.

analisi genetiche in laboratorio

“L’obesità è una patologia complessa, risultato di un fitto dialogo tra stili di vita e predisposizione genetica” spiega Lu Qi, professore di epidemiologia alla Tulane University di New Orleans e alla Harvard University di Boston, che assieme ai colleghi ha portato a termine uno studio per meglio comprendere l’interazione geni-dieta nell’obesità. Per raggiungere il loro obiettivo, gli esperti hanno analizzato i dati relativi a circa 14.000 persone coinvolte in due grandi studi statunitensi andando a valutare il rischio genetico dei partecipanti e la loro alimentazione, con attenzione particolare a regimi alimentari simili alla dieta mediterranea, ovvero ricchi in frutta e verdura, noci e cereali integrali e poveri di sale, bevande zuccherate, alcol e carne rossa o lavorata.

“Dopo aver seguito i partecipanti per circa 20 anni abbiamo notato che seguire una dieta sana porta benefici maggiori in termini di prevenzione dell’obesità proprio nelle persone che dal punto di vista genetico risultano più a rischio di aumentare di peso” affermano i ricercatori, che poi precisano: “Inoltre dallo studio emerge che seguire regimi alimentari sani è una strategia efficace anche per abbassare il proprio rischio genetico”. Gli autori spiegano che, trattandosi di uno studio osservazionale, non è possibile stabilire una relazione causa-effetto diretta tra dieta sana e rischio genetico. “Non di meno i risultati rappresentano uno stimolo a seguire un’alimentazione sana anche e soprattutto per coloro che dal punto di vista genetico potrebbero essere svantaggiati nella lotta all’obesità”.

Fonte:
Wang T, et al. BMJ 2018; 360:j5644.

Potrebbero interessarti anche...

Mangiamo più fibre, così “proteggiamo” il microbiota
Addirittura, in qualche modo, mangiare alimenti ricchi di fibre ed in particolare di cellulosa potrebbe rappresentare un sistema per riportare indietro nel tempo i batteri intestinali, a fronte ...
Dieta mediterranea, perché aumentare (anche di poco) i vegetali aiuta l’ambiente
In particolare, l’analisi, apparsa su Nature Food, prende in esame la transizione proteica, con il progressivo spostamento verso un maggior introito di proteine vegetali. E offre un punto di ...
Obesità, l’impatto dello squilibrio ponderale sulla salute del mondo
A segnalare questa situazione è un’interessante fotografia scattata dagli esperti dell’Imperial College di Londra coordinati da Majid Ezzati, pubblicata su The Lancet, che mette in luce come ...
Quanto pesa il microbiota nella genesi dei calcoli ai reni
Ora però appare all’orizzonte un altro potenziale elemento in grado di interferire nello sviluppo dei calcoli. Sarebbe il microbiota. Stando ad una ricerca degli esperti del Lawson Health ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia