Diabete di tipo 2, c’è un ruolo del microbiota?

In questo post..

Da un lato, c’è chi è più sensibile all’azione dell’insulina. Dall’altro, ci sono persone che risentono meno dell’attività dell’ormone. Proprio la sensibilità all’insulina, o se la vedete in senso negativo la resistenza alla sua azione, sono tra i meccanismi che in qualche modo influiscono sullo sviluppo della malattia metabolica. La domanda che si pone una ricerca recentemente condotta dagli esperti del Cedars-Sinai Hospital e pubblicata su Diabetes, su questo fronte, è semplice: quanto incide la composizione del microbiota del soggetto su questa tendenza a risentire dell’attività dell’insulina e quali possono essere i batteri che entrano in questa dinamica?

Lo studio, che apre interessanti prospettive di ricerca e non si può ritenere conclusivo, punta proprio a chiarire questo. E permette di valutare come esistano popolazioni batteriche che, se maggiormente presenti, si associano ad una maggior sensibilità all’azione dell’ormone ed altre che invece sarebbero associate ad un minor sensibilità all’insulina.

Prima l’uovo o la gallina?

I dati considerati nell’analisi derivano dalla popolazione di uno studio multicentrico denominato MILES (Microbiome and Insulin Longitudinal Evaluation Study). In particolare sono stati valutati più di 350 adulti senza diabete noto, sottoposti a visite cliniche in serie e ad analisi di campioni fecali per lo studio del microbiota, con particolare riferimento a batteri precedentemente associati alla resistenza all’insulina. Inoltre, ogni partecipante ha compilato un questionario sulle abitudini alimentari e ha eseguito un test di tolleranza al glucosio orale, che è stato utilizzato per determinare la capacità di elaborare il glucosio.

In 28 casi si sono osservati risultati che potevano inquadrarsi nel vero e proprio diabete e in 135 persone è stata registrata una condizione di “prediabete”, con valori di glicemia maggiori dei limiti superiori della norma ma non ancora francamente patologici. Studiando i batteri, si è visto che i ceppi del genere Coprococco e altri batteri correlati hanno avuto un’azione positiva sulla sensibilità insulinica. Al contrario, un’ampia presenza di batteri del genere Flavonifractor è risultata associata all’insulino-resistenza, nonostante si tratti di ceppi che producono butirrato e quindi ad azione teoricamente protettiva. Il dato conferma quanto già osservato in altri studi, con elevata presenza di questo ceppo nelle feci di persone con diabete.

Come segnalano gli stessi studiosi nella pubblicazione, in ogni caso, non si può dimenticare che siamo di fronte ad uno studio iniziale e soprattutto quanto osservato è figlio dell’associazione e non di una correlazione, ovvero di un diretto rapporto causa-effetto. Diventa difficile insomma comprendere se siano le variazioni del microbiota a favorire la ridotta risposta all’insulina o sia questa caratteristica metabolica nel tempo a determinare i mutamenti del microbiota stesso. Per ora, in ogni caso, non è proprio il tempo di pensare ad un eventuale trattamento con probiotici per modulare la risposta in chiave protettiva, nei soggetti a rischio di sviluppare diabete.

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

L’alimentazione a base vegetale per la salute dell’uomo e dell’ambiente, purché sia sana
Perché non tutte le diete “plant based” presentano le stesse caratteristiche positive in questa chiave: ci sono modelli che sicuramente impattano positivamente sull’ambiente ma altri che ...
Così lo stress influisce sulla richiesta di cibo
L’insostenibile peso dello stress Gli esperti americani, coordinati da Susan Carnell, hanno condotto una serie di analisi estremamente specifiche su una serie di soggetti (16 donne e 13 uomini), ...
Il disgusto per un cibo? Forse serve a proteggerci
E non solo quando si è bambini, con le scelte più facilmente condizionate anche a meccanismi selettivi, o magari in gravidanza, con le classiche “voglie”. Come si sviluppano questi ...
Ecco perché chi cena tardi è a maggior rischio di obesità
In particolare lo studio va a considerare tre elementi chiave nel percorso di crescita ponderale, ovvero la regolazione dell’apporto calorico, il consumo calorico e le modificazioni ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.