Come nutrirsi nel corso della vita: l’alimentazione nell’adulto

In questo post..

La dieta mediterranea: alimenti di origine vegetale e animale per un’alimentazione sana

Oggi per l’adulto il modello alimentare riconosciuto come più efficace in termini di salute è quello mediterraneo, che vede come fonte energetica predominante i prodotti vegetali, tra cui i cereali con i relativi derivati, ma non esclude anche quelli di origine animale. La salute dell’uomo, infatti, dipende in gran parte dall’alimentazione, che contribuisce a costruire, rigenerare, mantenere il corpo e a fornire l’energia indispensabile al buon funzionamento dell’organismo: l’ampia varietà di cibi di origine animale e vegetale nelle dovute quantità costituisce quindi il fondamento di un’alimentazione sana e bilanciata.

Gli alimenti di origine vegetale: quali e perché

  • Cereali e derivati e tuberi, come pasta, pane, riso, patate, perché apportano carboidrati complessi.
  • Frutta e verdura, perché procurano acqua, fibre, vitamine e sali minerali e sono ricche di principi bioattivi ad azione antiossidante.
  • Grassi, come l’olio EVO, perché sono ricchi di antiossidanti e di acidi grassi monoinsaturi.    

Gli alimenti di origine animale: quali e perché

  • Carne, perché è ricca di ferro, zinco e proteine di eccellente qualità.
  • Pesce, perché è ricco non solo di ferro e proteine di eccellente qualità, ma anche di acidi grassi omega 3, utili per ridurre i trigliceridi nel sangue.
  • Uova, perché contengono proteine di elevata qualità biologica.
  • Latte e derivati, perché sono molto nutrienti e contengono proteine, grassi e 5 micronutrienti essenziali (calcio, fosforo, potassio, vitamine B2 e B12).

Qualche consiglio…

Nel modello alimentare mediterraneo è consigliato inserire anche:

  • mais, orzo e farro, perché sono utili a variare la dieta quotidiana;
  • crusca e prodotti integrali, perché apportano un maggiore senso di sazietà e riducono il rischio di diabete e sovrappeso;
  • legumi (fagioli, lenticchie, ceci), perché rappresentano una fonte preziosa di metalli e proteine e possono sostituire qualche porzione di carne;
  • carne bianca (pollo, tacchino e coniglio), perché contiene meno grassi di quella rossa;
  • yogurt e latti fermentati, perché presentano apporti nutrizionali simili a quelli del latte di partenza e possono essere meno problematici per chi è intollerante al lattosio.

Board
Fondazione Istituto Danone

Potrebbero interessarti anche...

Così lo stress influisce sulla richiesta di cibo
L’insostenibile peso dello stress Gli esperti americani, coordinati da Susan Carnell, hanno condotto una serie di analisi estremamente specifiche su una serie di soggetti (16 donne e 13 uomini), ...
Il disgusto per un cibo? Forse serve a proteggerci
E non solo quando si è bambini, con le scelte più facilmente condizionate anche a meccanismi selettivi, o magari in gravidanza, con le classiche “voglie”. Come si sviluppano questi ...
Ecco perché chi cena tardi è a maggior rischio di obesità
In particolare lo studio va a considerare tre elementi chiave nel percorso di crescita ponderale, ovvero la regolazione dell’apporto calorico, il consumo calorico e le modificazioni ...
La cronobiologia del microbiota impatta sul rischio di obesità e diabete?
L’ileo rappresenta la parte finale dell’intestino tenue, prima del cieco, con cui inizia l’intestino crasso. Nell’ileo, i nutrienti vengono estratti dal cibo liquefatto; nel ...
Logo Nutripedia
Alimentazione e covid-19: posso aiutare il mio bambino a difendersi dall’infezione?
È vero che un’alimentazione senza glutine è più sana per tutti i bambini?
Ultimi mesi di gravidanza: per evitare di prendere troppo peso vanno eliminati i carboidrati?
Visita il sito Nutripedia

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.